Rimborso Irap 2017: modulo domanda, calcolo e scadenza istanza

Rimborso Irap 2017 Agenzia delle Entrate con Modello di Domanda e Istanza per piccoli imprenditori, professionisti, società di persone, persone fisiche

Stampa

L’Istanza di Rimborso Irap 2017 è la domanda con cui le imprese possono richiedere all’Agenzia delle Entrate, il recupero delle somme versate in più riferite non solo all’anno d’imposta fino al 31 dicembre 2016 ma anche quelle pregresse.

Il rimborso delle maggiori imposte sui redditi, pagate senza calcolare la quota deducibile di Irap relativa alle spese per il personale, dipendente e assimilato, è rmborsabile previa presentazone dell'apposito modulo domanda, per via telematica all'Agenzia.

 

Rimborso Irap 2017 Agenzia delle Entrate:

L’articolo 2, comma 1, del Decreto Salva Italia n. 201/2011, ha disposto la possibilità da parte delle imprese di dedurre dalla base imponibile Irpef e Ires, ossia dal reddito d’impresa o di lavoro autonomo, la quota Irap, imposta regionale sulle attività produttive, pagata dalle suddette, per le spese sostenute per il costo del personale dipendente e assimilato al netto delle deduzioni previste dal Cuneo Fiscale, art, 11 D.Lgs. n444-97.

Inoltre, con l’entrata in vigore del Decreto Legge n.16-2012, il Governo Monti, ha introdotto anche la possibilità di deducibilità retroattiva fino al massimo di 48 mesi precedenti.

Peranto, per richiedere il rimborso Irap 2017, i contribuenti, hanno tempo 48 mesi dall'avvenuto pagamento "non dovuto" per chiederne la restituzione.

 

Rimborso Irap 2017: a chi spetta la deduzione?

A partire dal 2013, le imprese e i contribuenti, possono richiedere il rimborso Irap relativo alle spese per il personale, dipendente e assimilato, divenute deducibili dalla base imponibile Irpef e Ires con l'entrata in vigore dell'articolo 2, comma 1, decreto legge n. 201/2011.

Il rimborso è richiedibile anche per i costi sostenuti negli anni precedenti per i quali è ancora possibile richiedere il rimborso delle maggiori imposte sui redditi, calcolate senza la deduzione della quota di Irap.

Le imprese e i contribuenti che possono inviare la domanda di rimborso dell’Irap 2017 della quota delle spese per lavoro dipendente ed assimilato non dedotte dalla base imponibile Irap, sono:

  • società di capitali e enti commerciali (art. 5);

  • società di persone e imprese individuali (art. 5-bis);

  • banche e altri enti e società finanziari (art. 6);

  • imprese di assicurazione (art. 7);

  • persone fisiche, società semplici e quelle a esse equiparate esercenti arti e professioni (art. 8).

  • Imprenditori agricoli e P.A. per l’attività commerciale ed enti non commerciali per la sola attività commerciale. 

  

Rimborso Irap: per quali spese deducibili?

Il rimborso Irap 2017 che le imprese possono richiedere con la presentazione telematica del modello, si riferisce alla quota indebitamente pagata a causa della mancata deduzione dell’IRAP relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato, ovvero, della mancata deduzione dei costi sostenuti dall’imprese per i lavoratori subordinati e co.co.pro al netto delle deduzioni di cui all’art. 11 cc. 1, 1-bis e 4-bis del Decreto legislativo n.466-1997. 

Tali deduzioni, possono essere così riassunte, ricordando che alcune di esse possono essere utilizzate in maniera alternativa:

  • Deduzione dei contributi INAIL.
  • Deduzioni forfetarie spettanti per i lavoratori a tempo indeterminato, compresi gli incrementi degli importi relativi ai lavoratori di sesso femminile e per quelli di età inferiore a 35 anni, che si applicano a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2011.
  • Deduzione dei contributi assistenziali e previdenziali relativi ai lavoratori dipendenti a tempo indeterminato.
  • Deduzione delle spese relative agli apprendisti, ai disabili, al personale assunto con contratto di formazione e lavoro o di inserimento, al personale addetto alla ricerca e sviluppo.
  • Deduzione delle indennità di trasferta previste per il settore dell’autotrasporto.
  • Deduzione forfetaria a scaglioni per importi decrescenti rispetto alla base imponibile.
  • Deduzione forfetaria della base imponibile irap per ogni lavoratore assunto anche a tempo determinato.

 

Come presentare l’istanza di rimborso Irap 2017?

L’istanza di rimborso Irap 2017 va presentata esclusivamente in via telematica, direttamente dai contribuenti solo se abilitati al servizio online Entratel o Fisconline, oppure tramite dottori commercialisti, esperti contabili, ragionieri, periti commerciali, consulenti del lavoro, Caf, associazioni sindacali di categoria tra imprenditori, ecc..

I dati contenuti nel modello per l’istanza di rimborso vanno trasmessi secondo le specifiche tecniche contenute nell’allegato B al provvedimento e può essere effettuato utilizzando anche il software RimborsoIrapSpesePersonale, disponibile gratuitamente sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it.

 

 

Rimborso Irap 2017 modulo domanda:

Con il Provvedimento n.140973/2012 l’Agenzia delle Entrate ha provveduto ad approvare il modello e le istruzioni per il rimborso IRAP della quota IRPEF/ADDIZIONALI IRPEF/IRES versate per effetto della mancata deduzione dell’Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato.

Modello Fac simile Domanda Rimborso Irap 2017 Agenzia delle Entrate:

 

Come si calcola il Rimborso Irap? Esempio e Software

Le imprese interessate a presentare l’istanza di rimborso Irap, devono presentare l’istanza di Rimborso telematica.

Per sapere la misura del rimborso è necessario considerare il saldo versato e gli acconti effettivamente versati anche se effettuati avvalendosi dell’istituto del ravvedimento operoso. 

A tal proposito, visto la complessità dei calcoli e la difficoltà della compilazione della domanda di rimborso Irap, l’Agenzia delle Entrate ha predisposto un software gratuito RimborsoIrapSpesePersonale e le specifiche techiche per la compilazione del modello per l’istanza di rimborso Irpef/Ires per mancata deduzione dell’Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato (art. 2, comma 1 - quater, decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201) consentono sia di calcolare che creare e inviare il file da trasmettere telematicamente.

L’applicazione è utilizzabile sia dai contribuenti che predispongono la propria istanza sia da parte degli intermediari che trasmettono le istanze per conto di altri.

N.B. il Software Rimborso Irap Spese Personale utilizza una tecnologia di distribuzione dei software basati su Java che consente all’utente di usufruire delle applicazioni direttamente dal web.

In tal modo è possibile attivare le applicazioni in maniera semplice, avendo la certezza di utilizzare sempre la versione più aggiornata ed evitando complesse procedure di installazione o aggiornamento.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?