Social card 2016 e Nuova Social Card SIA 2017 requisiti importo bonus

Social card 2016 e Nuova Social Card SIA 2017 cos'è come funziona nuova carta acquisti INPS requisiti a chi spetta? Modulo domanda come richiederla importi

Commenti 0Stampa

La Social Card 2017 introdotta dal Decreto del Lavoro del 10 gennaio 2013 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 102 del 3 maggio 2013, è stata non solo rifinanziata ma anche

rafforzata e consolidata dalla Legge di di Bilancio 2017 quale strumento di lotta contro la povertà anche e soprattutto infantile in Italia.

In precedenza il Ddl povertà ha introdotto il reddito per l'inclusione attiva, mendiante la concessione di una nuova carta acquisti 2017, chiamata Carta Sia 2017

Attraverso questa nuova misura, dunque, le famiglie aventi diritto potranno contare su un sostegno economico, un bonus che potrà arrivare fino a 400 euro mensili, utili per acquistare beni di prima necessità, alimenti e pagare bollette di gas e luce.

Da settembre 2016, pertanto, la vecchia social card sperimentale, riservata solo a 12 Comuni d’Italia, Roma, Milano, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Napoli, Palermo, Torino, Venezia, Verona e Bari, è stata estesa a tutta Italia.

Vediamo quindi, cosa prevede il Ddl povertà, quali sono i requisiti social card 2017 come richiederla, come fare domanda e gli importi e poi come funzionerà la nuova social card 2017, Carta SIA 2017 e importi, il modulo domanda etc...

 

Ddl povertà cosa prevede?

Al fine di garantire aiuti al reddito delle famiglie più povere, una maggiore inclusione sociale e un reddito di cittadinanza ai poveri,  il Governo Renzi, ha provveduto ad istituire con la nuova Legge di Stabilità 2016, un Fondo per la lotta contro la povertà, presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. A tale fondo, sono state destinate risorse per 600 milioni di euro per il 2016 e 1.000 milioni di euro dal 2017.

Per l’anno 2016 le risorse sono destinate a:

Contrastare la povertà in Italia, attraverso il rafforzamento e consolidamento della sperimentazione della social card, fino adesso riservata solo a 12 città italiane ed introdotta dall’articolo 60 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 3.

  1. Nuova social card: è garantita la priorità per le famiglie con figli minori, con specifico decreto del Ministero del Lavoro di concerto con il ministero dell’Economia e Finanze da emanarsi entro 30 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016. Ricordiamo che la suddetta legge deve essere ancora approvata.  Viene inoltre incrementato un altro strumento di lotta contro la povertà in Italia, il Fondo speciale "destinato al soddisfacimento delle esigenze prioritariamente di natura alimentare e successivamente anche energetiche dei cittadini meno abbienti", articolo 81, comma 29, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. All'indomani dell'approvazione definitiva da parte della Camera, del Ddl povertà, che introduce tra l'altro il reddito di cittadinanza 2016-2017, o meglio il reddito inclusione attiva, il Ministro Poletti, ha confermato l'entrata in vigore del SIA, Sostegno per l'inclusione Attiva, in tutta Italia a partire da settembre 2016. A partire da tale data, pertanto, diventerà operativa la nuova Carta SIA 2017.
  2. Autorizzazione di spesa per l’assegno di disoccupazione ASDI per 220 milioni di euro.
  3. Per gli anni successivi al 2016 le risorse di cui al comma 1, saranno destinati ad uno o più provvedimenti di riordino dei trattamenti, indennità, integrazioni di redditi e di assegni assistenziali, da destinare ai residenti all’estero e alle prestazioni sociali con l’obiettivo di introdurre in Italia un’unica misura di contrasto alla povertà e dei trattamenti esistenti.
  4. Viene definito il Protocollo d’intesa stipulato tra le fondazioni, Ministero dell’economia e delle finanze ed il Ministero del lavoro e delle politiche sociali per gli interventi di contrasto alla povertà infantile.
  5. Credito d’imposta al 75% per i versamenti effettuati al Fondo speciale negli anni 2016, 2017 e 2018 fino ad esaurimento delle risorse disponibili, pari a 150 milioni di euro per ciascun anno. Il credito potrà essere utilizzato solo in compensazione.
  6. Nel 2016 incremento di 150 milioni di euro per il Fondo per le non autosufficienze e per il sostegno delle persone affette da sclerosi laterale amiotrofica;
  7. Istituzione nel 2016, in base all'articolo 33 della Legge di Stabilità 2016, capitolo Dopo di noi 2017 del Fondo presso il Ministero dell'Economie e Finanze al quale verranno destinati 90 milioni per finanziare interventi di sostegno, anche fiscale, alle persone con disabilità grave "in particolare stato di indigenza e prive di legami familiari di primo grado". 

 

Come fare domanda per la social card 2017?

La domanda social card 2017, o Carta Acquisti, può essere presentata dagli aventi diritto, cittadini con più di 65 anni e minori di 3 anni, compilando l'apposito modulo diispobile in tutti gli uffici postali.

Una volta consegnata la domanda a Poste Italiane, l'ufficio rilascerà la copia della richiesta, e trascorsi alcuni giorni, in caso di esito positivo, verrà spedito, presso l'indirizzo indicato sulla domanda, l'invito a presentarsi presso gli uffici postali, al fine di ritirare la carta elettronica, sulla quale verranno accreditati gli importi spettanti.

La carta social card 2016, sarà attivabile ed utilizzabile, solo dopo la ricezione PIN spedito a casa.

Per tutte le informazioni circa la Carta Acquisti 2016, è attivo il numero verde 800.666.888, per il blocco carta il numero 800.902.122 mentre per il saldo via SMS il numero 800.130.640.

La carta ha una durata annuale, per cui va rinnovata prima della scadenza annuale tramite CAF e ISEE.

Social card 2017 modulo domanda per chi ha più di 65 anni;

Social card come richiederla: bambini sotto i 3 anni.

 

Social card 2017 requisiti: chi può richiederla?

In attesa che il Governo Renzi, procede ad emanare i decreti attuativi per l'estensione della social card sperimentale a tuta l'Italia, vediamo quali sono i requsiti social cad 2017 e chi può richiederla:

Requisiti social card 2017 ittadini con età superiore a 65 anni: 

  • cittadinza italiana o comunitaria, oppure, con permesso di soggiorno CE;
  • essere regolarmente iscritti nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale);
  • avere una pensione o un'indennità di assistenza inferiori a 6.788,61 € all'anno o di importo inferiore a 9.051,48 € all'anno, se di età pari o superiore a 70 anni;
  • avere un ISEE 2016 inferiore a 6.788,61 euro;
  • non essere, da solo o insieme al coniuge:
    • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
    • intestatario/i di utenze elettriche non domestiche;
    • intestatario/i di più di una utenza del gas;
    • proprietario/i di più di un autoveicolo;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
    • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo, inclusi quelli ubicati al di fuori del Territorio della Repubblica Italiana o di categoria catastale C7;
    • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 euro;
  • non fruire di vitto assicurato dallo Stato.

Requisiti social card bambini sotto i 3 anni:

  • Avere la cittadinanza italiana, comunitaria o permesso di soggiorno;
  • essere cittadino regolarmente iscritto nell'Anagrafe comunale;
  • avere un ISEE 2016 inferiore a 6.788,61 euro;
  • non essere, da solo o insieme all’esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario:
  • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
  • iintestatario/i di più di una utenza elettrica non domestica;
  • intestatario/i di più di due utenze del gas;
  • proprietario/i di più di due autoveicoli;
  • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25%, di più di un immobile ad uso abitativo;
  • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10%, di immobili non ad uso abitativo, inclusi quelli ubicati al di fuori del Territorio della Repubblica Italiana o di categoria catastale C7;
  • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 euro.

 

Nuova social card SIA 2017 cos'è e come funziona?

La nuova Social Card SIA 2017 non è altro che l'estensione in tutta Italia della carta acquisti sperimentale introdotta nel 2013 e poi rifinanziata, riservata in questi anni solo a soggetti beneficiari residenti nelle 12 città Roma, Milano, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Napoli, Palermo, Torino, Venezia, Verona e Bari. 

Il nuovo bonus famiglie povere 2017, una volta operativo, potrà essere richiesto, tramite specifico modulo messo a disposizione degli utenti presso gli uffici postali e da inviare all'INPS, da tutte le persone in possesso dei requisiti di reddito, composizione nucleo familiare, condizioni, a prescindere dalla residenza o meno nei suddetti 12 comuni, in quanto la sperimentazione è terminata e la social card è estesa a tutta l'Italia.

Si ricorda però:

  1. che l'attuazione della nuova carta acquisti è richiedibile dal settembre scorso;
  2. che la possibilità di ottenere la social card è subordinata alla sussistenza di determinati requisiti, all’invio di una specifica domanda al Comune e all'INPS;
  3. che la famiglie beneficiarie al fine di mantenere il sostegno e il reddito SIA, sostegno inclusione attiva, dovranno obbligatoriamente seguire un percorso di reinserimento a livello lavorativo e sociale, impegnarsi a partecipare ad iniziative di formazione e mandare i propri figli a scuola ed evitare così che la povertà incida ulteriormente sul precoce abbandono scolastico.

L’impegno richiesto alle famiglie beneficiare della Social Card è nelle seguenti aree:

  • Essere frequentemente in contatto con i servizi del Comune responsabili del progetto;

  • Attiva ricerca di un lavoro;

  • Aderire a progetti di formazione o inclusione lavorativa;

  • Impegno a mandare i figli a scuola;

  • Comportamenti atti alla prevenzione e cura della salute.

 

Nuova social card SIA 2017 a chi spetta?

A chi spetta la nuova social card 2017? Il nuovo bonus famiglie povere, SIA, Sostegno per l'inclusione attiva, spetta a:

  • Cittadini residenti italiani;
  • Cittadini residenti in uno dei Paesi dell'UE;
  • Cittadini extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Si ricorda inoltre che, l’assegnazione delle social card , viene effettuata in base ad una graduatoria in cui le famiglie dove è presente un solo genitore con figli minorenni, famiglie numerose o con bambini disabili, hanno la precedenza a parità di condizioni.

Per accedere al beneficio, è sufficiente: Essere residenti da almeno un 1 anno in Italia ed Essere in possesso dei seguenti condizioni: economiche, lavorative, disagio abitativo.


Nuova Social card 2017 requisiti SIA: nucleo familiare, reddito, lavoro

Nuova social card 2017 requisiti SIA

Almeno 1 componente di età minore di anni 18. A parità di altre condizioni, è data priorità a:

  • nucleo familiare costituito esclusivamente da genitore solo e figli minorenni;
  • nucleo familiare con tre o più figli minorenni ovvero con due figli e in attesa del terzo figlio;
  • nucleo familiare con uno o più figli minorenni con disabilità;
  • disagio abitativo, accertato dai competenti servizi del Comune;

Ulteriore criteri di precedenza, sempre a parità di altre condizioni, sono favoriti i nuclei: 

  • con il più alto numero di figli;
  • con la più bassa età del figlio più piccolo.

Nuova Social card 2017 requisiti reddito:

  • ISEE, relativo all’anno reddito 2016, inferiore o uguale a 3.000,00 euro;
  • Patrimonio mobiliare, ai fini ISEE, inferiore a 8.000,00 euro;
  • Valore dell’indicatore della situazione patrimoniale ai fini ISEE, inferiore a 8.000,00 euro;
  • Valore ai fini ICI abitazione di residenza propria inferiore a 30.000,00 euro;
  • Non avere trattamenti, oppure godere, nel corso del 2016 trattamenti erogati a qualsiasi titolo, di importo complessivo per il nucleo familiare inferiore a 600 euro mensili;
  • Non possedere auto immatricolate nei 12 mesi antecedenti la domanda del beneficio, di cilindrata superiore a 1.300 cc, o moto di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei 3 anni antecedenti.

Nuova Social card 2017 Requisiti INPS lavorativi:

  • Assenza di lavoro per i componenti del nucleo familiare al momento della domanda;
  • Avere nei 36 mesi precedenti la domanda, almeno 1 componente del nucleo in una delle seguenti condizioni:
  • Cessazione del rapporto di lavoro in caso di lavoratore dipendente;
  • Cessazione dell'attività in caso di lavoratore autonomi;
  • Per i Lavoratori con contratti flessibili, dimostrare di aver lavorato nelle suddette tipologie contrattuali per almeno 180 giorni;

In alternativa al punto 2, avere almeno 1 componente del nucleo in condizione di lavoratore dipendente, ovvero, impiegato con tipologie contrattuali flessibili. In questa ipotesi, il reddito complessivo del nucleo familiare, nei 6 mesi antecedenti la richiesta, non deve essere superiore a 4.000,00 euro.

Importante: ai fini del riconoscimento della social card 2017, possono essere cambiati o fissati ulteriori requisiti per effetto della nuova Legge di Bilancio 2017.

 

Nuova social card da quando? Da settembre parte il SIA:

La nuova social card, è attivata a partire dal settembre 2016.

Secondo quanto confermato dal Ministro Poletti, all'indomani dell'approvazione alla Camera del Ddl povertà, che prevede tra le altre cose, l'introduzione del reddito di cittadinanza in Italia per le persone più disagiate, che da settembre partirà il SIA, Sostegno per l'Inclusione Attiva, ovvero, il reddito inclusione attiva, che prevede appunto, l'estensione della social card sperimentale, ora richiedibile solo in 12 città, a tutta Italia.

Da quando parte la nuova social card?  E' richiedibile in tutti i Comuni dal settembre 2016.

 

Importi nuova social card 2017:

L'importo nuova social card 2017, varia a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare, ovvero, da un minimo di 231 euro fino ad un massimo di 404 euro mensili per le social card famiglie numerose con 5 o più persone, che viene erogato dal Comune che ha rilasciato la carta acquisti, ogni 2 mesi:

  • 2 componenti: famiglie monogenitoriali con 1 figlio minore a carico fino a 160 euro al mese;
  • 3 componenti: Famiglie monogenitoriali con 2 figli minori a carico, o famiglie con 2 genitori e 1 figlio minore a carico possono ottenere fino a 240 euro;
  • 4 componenti: Famiglie monogenitoriali con 3 figli minori, o famiglie con 2 figli riceveranno fino a 320 euro.
  • 5 componenti o più: Famiglie monogenitoriali con 4 o più figli, o famiglie con 3 o più figli minori a carico possono ottenere fino a 400 euro al mese.

 

Social Card per disoccupati:

La nuova social card 2017, come la social card disoccupati 2017, sarà concessa se:

  • i componenti adulti del nucleo familiare richiedente, si trovano in stato di disoccupazione o di non occupazione;
  • se hanno un reddito da lavoro complessivamente inferiori a euro 4.000 nei 6 mesi precedenti alla data di domanda;
  • o se rientrano in uno dei requisiti elencati al paragrafo "social card requisiti lavorativi", requisiti di reddito e di composizione del nucleo familiare, ossia, almeno 1 componente minore di 18 anni.

Ai fini riconoscimento del beneficio della nuova Carta Acquisti 2016, a parità di condizioni, la concessione spetta ai Nuclei Familiari che possiedono almeno una dei seguenti requisiti:

  • Disagio abitativo;
  • Nucleo familiare costituito solo da un solo genitore e figli minorenni;
  • Nucleo familiare con 3 o più figli minorenni, oppure, 2 figli in attesa del terzo figlio;
  • Nucleo familiare con uno o più figli minorenni disabili;
  • Altri requisiti e condizioni decisi dal Ministero del Lavoro e dell'Economie e Finanze.

 

Come e dove richiederla? Modulo domanda SIA, nuova social card 2017:

La domanda SIA, nuova social card 2017 con allegata tutta la documentazione, utile ai fini di verifica e sussistenza dei requisiti e delle condizioni economiche disagiate, dovrà essere presentata, tramite apposito modulo, reso disponibile presso gli uffici postali o comunali, da un componente della famiglia che dovrà compilarlo e trasmetterlo, in base a quanto sarà deciso dal decreto attuativo, al Comune o all'INPS.

Il modulo domanda della nuova social card, è stato approvato ed è reperibile e scaricabile dal sito del Ministero del Lavoro, INPS o sul nostro sito

Modulo domanda nuova social card 2017 SIA.

 

Dove usare la card?

La social card 2017 può essere usata dal titolare della carta in tutti i negozi d'Italia dotati di POS Bancomat che espongono il logo "qui carta acquisti". La social card quindi va usata sia per acquistare specifici codici merceologici oppure per ottenere sconti sui prodotti, quali ad esempio:

Cod. 5462 panifici

Cod. 5451 negozi di latticini,

Cod. 5411 supermercati

Cod. 5422 vendita di carne  fresca e surgelata

Cod. 5499 negozi di alimentari e negozi di prodotti tipici.

La Social Card può essere utilizzata anche presso Poste Italiane per il pagamento delle bollette dei servizi energetici per maggiori informazioni e per visualizzare l'elenco negozi aderenti social card.

 

Quando viene consegnata? Graduatoria:

Il Comune, l'INPS una volta ricevute tutte le domande per la concessione della social card 2017, provvedono, dopo aver valutato il possesso dei requisiti necessari alla concessione del beneficio, la veridicità dell’informazioni acquisite, e a stilare una graduatoria degli aventi diritto.

Successivamente alle verifiche, identificherà i Nuclei Familiari Beneficiari e comunicherà, per via telematica, al Gestore del servizio disponibilità, l’autorizzazione e l’importo da accreditare su ciascuna carta acquisti.

 

Nuova Carta Acquisti INPS 2017:

La nuova carta acquisti INPS 2017, è uno strumento di sostegno economico per cittadini e famiglie meno abbienti si affianca, e non alternativamente, all’altra vecchia Carta acquisti introdotta nel 2008 per sostenere gli over 65 e le famiglie con ISEE non superiore a 6.000 € e con figli minori di 3 anni. Tale carta acquisti, l’accredito di 40€ al mese, ovvero, 80 euro ogni due mesi, da spendere nei negozi convenzionati che aderiscono all’iniziativa.

Per maggiori informazioni consultare Carta Acquisti MEF o siti istituzionali del Comune di Residenza: Carta Acquisti cittadini con più di 65 anni e Carta Acqusisti minori di 3 anni.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti