Redditest 2014 Agenzia Entrate: calcolo online con il software gratis

Redditest 2014 Agenzia Entrate è il nuovo software gratuito Redditometro contribuenti Privati per la verifica tra reddito dichiarato e spese effettuate

Commenti 0Stampa

Il nuovo Redditest 2014 Agenzia delle Entrate è uno strumento messo a disposizione dall’Agenzia per consentire a tutti i contribuenti di calcolare in via preventiva se il reddito dichiarato mediante Dichiarazione dei redditi Unico e Modello 730 sia congruo, quindi coerente o meno, con le spese sostenute e previste nell’arco dell’anno dalla singola famiglia.

L’obiettivo e il vantaggio del nuovo sofware Redditest è quello di essere al contempo uno strumento informativo e di orientamento per tutti i contribuenti che inserendo i propri dati di spesa, può verificare e valutare senza lasciare traccia sul web, la coerenza tra il reddito dichiarato e quello effettivamente speso sulla base di un campione significativo di contribuenti (circa 50 milioni di soggetti distribuiti su 22 milioni di famiglie), che l’Agenzia, in collaborazione con la società Sose, ha individuato e che serve come comparatore.

In base a quanto dichiarato da Attilio Befera durante l’Audizione Commissione di Vigilanza del 31 ottobre 2012, il Redditometro sarà uno strumento innovativo applicato all’ambito dell’istituto dell’accertamento sintetico e il Redditest che a breve sarà disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, consentirà ai contribuenti privati, in piena autonomia, di verificare preventivamente la coerenza tra il reddito familiare dichiarato e le spese sostenute nell’arco dell’anno, in altre parole una sorta di Studi di Settore che comparano gli introiti dei vari settori commerciali con quelli effettivamente dichiarati dalle imprese.

 

Redditest 2014 Agenzia delle Entrate: calcolo Redditometro

Sia la verifica delle “spese di qualsiasi genere sostenute nel periodo d’imposta” dei contribuenti privati che il sistema per dedurre tali spese di reddito tramite il nuovo redditometro e redditest, fanno parte dell’ambito dell’accertamento sintetico disciplinato dall’art. 22 del decreto 78, che prevede la possibilità di procedere all’accertamenti e quindi alla verifica di un determinato contribuente qualora il reddito accertabile sulla base delle spese sostenute ecceda di almeno 1/5, ossia del 20%, rispetto a quello dichiarato con scostamento annuale e non più biennale non consecutivo come nella vecchia procedura.

La formula per calcolare il reddito netto del contribuente privato mediante il redditometro è la seguente: RCA > RD x 1,20

Dove RCA: è il reddito accertabile: che si basa su un’analisi di campioni significativi di contribuenti, rilevanza composizione familiare, area territoriale che aumentano gli indici di valutazione della capacità contributiva prendendo in considerazione Rate mutui, canoni leasing per beni di lusso, possesso e locazione abitazione consumi gas ed energia elettrica, spese ristrutturazioni immobili, rette per scuola private costose, frequentazione case d’asta e circoli esclusivi, centri ippici, benessere, viaggi e crociere, pertanto: le spese di qualsiasi genere sono l’elemento certo + elementi indici con campioni statistici fanno elemento presuntivo + incrementi patrimoniali con accrescimento ricchezza del contribuente, elemento certo, sono le voci che costituiscono il nuovo accertamento sintetico redditometro. La combinazione di tutti questi elementi determina il reddito complessivo netto del contribuente, che deve essere confrontato con quanto dichiarato.

Dove RD: è il reddito dichiarato moltiplicato per il coefficiente 1,20.

 

Redditest 2014 Agenzia delle Entrate: software gratis

Il Redditest 2014 software gratis Agenzia delle Entrate, disponibile sul sito dell’Agenzia, è in sostanza uno strumento che permette ai contribuenti di verificare online la coerenza dei dati tra il reddito familiare dichiarato e le spese sostenute nell’arco dell’anno, prima che la Dichiarazione dei redditi venga trasmessa all’Agenzia, e diventi oggetti di accertamento e verifica fiscale.

Ad ogni dato richiesto dal programma Redditest, il contribuente risponde direttamente, senza possibilità di lasciare tracce sul web, e vengono elaborate dal sistema che verifica la congruità attraverso l’attribuzione di un coefficiente che misura la relazione tra l’elemento di spesa conosciuto e il reddito complessivo, calcolando anche la relazione tra altri elementi non conosciuti, ma correlati con quello noto, e il reddito stesso. Il risultato così elaborato tenendo conto delle spese comuni (alimentari, abbigliamento, calzature, etc.) che normalmente sostiene una famiglia del tipo previsto, che vive in una determinata area geografica, se è di colore verde vuol dire che il dato è coerente con il campione mentre se è rosso se incoerente e bisogna rivedere le voci della dichiarazione dei redditi.

Il Redditest, pertanto, consente al contribuente di verificare se il reddito dichiarato discosta o meno rispetto a quello fissato dal campione significativo di contribuenti (circa 50 milioni di soggetti distribuiti su 22 milioni di famiglie) che l’Agenzia ha stabilito in collaborazione con la società Sose, per quel tipo di nucleo familiare, area geografia, criteri oggettivi di normalità e stime tra reddito e voci indicative della capacità di spesa la c.d. funzione di regressione.

Il redditest misura le 100 voci di spesa che fanno parte del redditometro, distinte in sette categorie: abitazione, mezzi di trasporto, assicurazioni e contributi, istruzione, tempo libero e cura della persona, investimenti immobiliari e mobiliari netti e altre spese significative.

Un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, stabilirà poi le modalità con le quali avverrà la determinazione sintetica del reddito complessivo del contribuente, che si incentrerà in prevalenza:

sulle spese presenti in Anagrafe tributaria

sulle spese stimate il cui valore è ottenuto applicando una valorizzazione a dati certi

in via residuale sulla spesa media Istat che fotografa le spese medie di tipo corrente (alimentari, abbigliamento, calzature, etc.) sostenute da ogni tipologia di famiglia che vive in una determinata area geografica.

In questo modo, tutti i dati già posseduti dall’Agenzia, verranno implementati con quelli ottenuti tramite “spesometro” e con i movimenti bancari, diventando sempre più certi e sempre meno presunti. 

 

Redditest 2014: per la verifica dichiarazione dei Redditi

Il programma online redditest 2014 Agenzia delle Entrate per verifica la dichiarazione dei Redditi in base al redditometro. Il Redditest e serve a misurare se il reddito dichiarato o che il contribuente deve ancora dichiarare è congruo e quindi se rientra nei parametri nelle soglie dei limiti stabiliti dall’Agenzia per non subire l’accertamento fiscale o se eccede, ovvero, se è superiore al 20% rispetto a quello del campione. Per effettuare il controllo del proprio reddito è sufficiente andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione Redditest e compilare il format presente, finita la compilazione il sistema elaborerà i dati inserite e le voci di spesa se la risposta è verde significa che la dichiarazione è coerente mentre se è rosso vuol dire che si sono superati i limiti massimi.

 

Redditest 2014 Agenzia delle Entrate: a cosa serve?

Il redditest dell’Agenzia delle Entrate serve a misurare Il Nuovo redditometro 2014, ovvero, è il programma per verificare, comparare e determinare il reddito complessivo netto del contribuente prende in considerazione:

Tutte le spese sostenute dal contribuente nel periodo d’imposta

Accertamento eseguibile per singolo anno in caso di scostamento del reddito accertabile di almeno il 20% rispetto a quanto dichiarato

Contraddittorio: obbligo di convocazione preventiva del contribuente per consentirgli la difesa

Rilevanza per intero nel periodo d’imposta oggetto di controllo della spesa per incrementi patrimoniali 

Indicatori di capacità contributiva differenziata per composizione nucleo familiare e area geografica di residenza 

In altre parole, il Nuovo redditometro 2014 verrà applicato a partire dal nuovo anno e si applicherà come accertamento sintetico per la verifica delle dichiarazione dei redditi effettuate dai contribuenti dall’anno 2009 in poi, pertanto se il reddito presunto dall’Agenzia, in base al campione individuato sulla base di vari elementi quali la diversa capacità contributiva, indici di spesa, nucleo familiare e area geografica, dovesse discostare più del 20% rispetto a quello trasmesso dal contribuente in sede di dichiarazione dei redditi tramite modello 730 e UNICO, scatterà la convocazione del contribuente negli Uffici dell’Agenzia per giustificare lo scostamento e per acquisire ulteriori elementi. Il Nuovo Redditometro si basa su 4 elementi fondamentali:

A) Nuovo Redditometro 2014: la Capacità Contributiva

Il nuovo redditometro è costituito da Elementi di Capacità Contributiva, che confluiscono in unica banca dati dell’Agenzia delle Entrate chiamata SERPICO, costituito da:

Banche Dati del Sistema Informativo dell’Anagrafe Tributaria: dati che riguardano anche il Spesometro 2016 - 2017 e quelli relativi ai rapporti intermediari finanziari

Banche Dati di tutte le altre Agenzie Fiscali, Agenzia del Territorio, Dogana, Enti, Autorità Pubbliche come Inail, Inps, Pra, Siae, Comuni

Banche Dati di Guardia di Finanza, per ottenere elementi più specifici non acquisibili in forma massiva

B) Nuovo Redditometro 2014: elenco delle 100 Voci di Spesa

Il nuovo Redditometro prende in considerazione 7 macro categorie che racchiudono le 100 voci di spesa più rappresentative della vita quotidiana di un contribuente e della sua famiglia e le loro capacità di spesa. Queste 100 voci di spesa moltiplicate a determinati coefficienti di reddito - Esempi di Coefficienti e moltiplicatori in base agli Indici di Spesa: tabella pubblicata da Il Sole 24 Ore - forniscono l’indicazione del reddito presunto che insieme costituiscono la base sulla quale calcolare l’eventuale discostamento del reddito dichiarato dallo stesso contribuente in un determinato periodo d’imposta. Gli Indici di spesa del nuovo Redditometro sono:

1) Redditometro per le Abitazioni:

  • abitazione principale: prendendo in considerazione le operazioni di acquisto di appartamenti, box, garage e pertinenze, immobili, di ristrutturazione o di miglioria degli stessi.

  • altre abitazioni: in locazione o comodato, e residenze secondarie, in locazione stagionale in multiproprietà, ovvero anche in proprietà, locazione non stagionale o comodato.

  • mutui

  • ristrutturazioni

  • intermediazioni immobiliari

  • collaboratori domestici: se a tempo pieno e conviventi, a tempo parziale o non conviventi.

  • elettrodomestici

  • apparecchiature elettroniche

  • arredi

  • energia elettrica e gas

  • telefonia fissa e mobile

2) redditometro: per i Mezzi di trasporto

  • automobili: se a benzia o gasolio, di qualunque cilindrata

  • minicar

  • motocicli: con cilindrata superiore a 250 centimetri cubic

  • camper

  • caravan o roulotte

  • natanti ed imbarcazioni

  • aeromobili: se aerei ed elicotteri da turismo, alianti, motoalianti, ultraleggeri e deltaplani a motore.

  • mezzi di trasporto in leasing o noleggio: locazione per periodi non superiore, complessivamente, a tre mesi all’anno.

3) redditometro: Assicurazioni e contributi previdenziali

  • responsabilità civile

  • incendio e furto

  • vita

  • danni

  • infortuni

  • malattia

  • altro

  • contributi obbligatori

  • contributi volontari

  • previdenza complementare

4) redditometro per Istruzione:

  • asili nido

  • scuola per l’infanzia

  • scuola primaria

  • scuola secondaria

  • corsi di lingue straniere

  • soggiorni studio all’estero

  • corsi universitari

  • tutoraggio, corsi di preparazione agli esami

  • scuole di specializzazione

  • master

  • canoni di locazione per studenti universitari 

5) redditometro per Attività sportive e ricreative:

  • attività sportive

  • circoli culturali

  • circoli ricreativi

  • cavalli: se mantenuti in proprio o cavalli a pensione.

  • abbonamenti pay tv

  • giochi on line

  • abbonamenti eventi sportivi e culturali

  • viaggi organizzati

  • alberghi

  • centri benessere

  • altri servizi per la cura della persona 

6) redditometro e Altre spese significative:

  • altre spese significative

  • oggetti d’arte o antiquariato

  • gioielli e preziosi

  • veterinarie

  • donazioni in denaro a favore di Onlus e simili

  • assegni periodici corrisposti al coniuge

  • donazioni effettuate 

7) redditometro per Investimenti mobiliari e immobiliari:

  • fabbricati

  • terreni

  • natanti ed imbarcazioni

  • autoveicoli

  • motoveicoli

  • caravan

  • minicar

  • aeromobili

  • azioni

  • obbligazioni

  • conferimenti

  • quote di partecipazione

  • fondi d’investimento

  • derivati

  • certificati di deposito

  • pronti contro termine

  • buoni postali fruttiferi

  • conti di deposito vincolati

  • altri prodotti finanziari

  • valuta estera

  • oro

  • numismatica  

C) Redditometro e i campioni significativi di contribuenti, nucleo familiare e area territoriale di appartenenza:

Il Nuovo Redditometro, utilizzato dall’Agenzia delle Entrate per valutare la coerenza dei redditi dichiarati dai privati e l’effettiva capacità di spesa dei contribuenti prende in considerazione oltre alla capacità contributiva e alle voci di Spesa anche i Campioni di famiglie individuati mediante una metodologia statistico-matematica applicata con riferimento a Gruppi Omogenei di Famiglie differenziati per aree geografiche. Le famiglie considerate sono oltre 22 milioni per circa 50 milioni si soggetti.

I) Gruppi omogenei di famiglie: 

  • persona sola con meno di 35 anni

  • persona sola con età compresa 35 anni e 64 anni

  • persona sola con età con 65 anni o più

  • coppia con meno di 35 anni senza figli e/o altri familiari

  • coppia con età compresa 35 anni e 64 anni senza figli e/o altri familiari

  • coppia con età con 65 anni o più senza figli e/o altri familiari

  • coppia con 1 figlio

  • coppia con 2 figli

  • coppia con 3 o più figli

  • Monogenitore

  • Altre tipologie

II) Campioni di famiglie divise in Aree Geografiche:  

  • Nord Ovest

  • Nord Est

  • Centro Sud

  • Isole

III) Selezione di famiglie in condizione di normalità: con riferimento ad indicatori di coerenza, tra le voci indicative di capacità di spesa e il reddito dichiarato, che funzioneranno come elemento di controllo.

IV) Stima della relazione tra reddito e voci indicative della capacità di spesa (funzione di regressione): La stima avviene applicando una funzione di regressione multivariata. Per ciascuno dei 55 gruppi omogenei le voci indicative della capacità di spesa contribuiscono in misura differenziata alla stima del reddito della famiglia. 

 

Fac simile modello redditometro:

Modello Redditometro 2014 - fac simile modulo esempio compilazione:  Fac simile modello, modulo Redditometro voci di spesa

Il Modello Redditometro 2014- DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (art. 47 del D.P.R. n. 445/2000) - è un esempio fac simile di dichiarazione mediante la quale il contribuente dichiara sotto la propria responsabilità penale e consapevolezza che la suddetta possa essere utilizzata anche per eventuali accertamenti induttivi delle capacità reddituali in base alla normativa vigente, dichiara per i membri della propria famiglia anagrafica  e gli altri soggetti eventualmente inclusi nel nucleo familiare per la determinazione del reddito I.S.E.E rispondendo alle seguenti voci e domande:

A) Che nell’anno precedente alla presentazione della domanda sono stati percepiti le seguenti entrate e benefici economici non compresi nel reddito complessivo ai fini IRPEF, esenti o soggetti a ritenuta alla fonte o a imposta sostitutiva o a tassazione separata e rendite che non costituiscono reddito:

Pensione di guerra e/o pensione privilegiata ordinaria corrisposta ai militari di leva e pensioni ad esse equiparate sentenza n. 387 del 4-07-1989 della Corte Costituzionale

Pensione o assegno ai ciechi civili, sordomuti, invalidi civili

Pensione sociale, assegno sociale e maggiorazione sociale 

Pensioni estere (se esenti)

Indennità di accompagnamento

Rendita INAIL per invalidità permanente o per morte

Assegno di maternità

Assegno per nucleo familiare con 3 figli minori

Contributi natalità extracomunitari

Borse di studio esenti Irpef

Contributi affitti

Altri contributi 

Reddito soggetto a ritenuta alla fonte a titolo di imposta (interessi bancari e postali, altre rendite finanziarie ecc.) o a imposta sostitutiva o a tassazione separata (TFR, produttività, arretrati, straordinari, ecc.).

B)  Residenze principali o secondarie:

Residenze principali in proprietà o altro diritto reale o detenute a titolo gratuito: va indicata Regione dove è ubicato l’immobile, i Metri quadrati, Rata annuale di Mutuo, Percentuale di Possesso.

Residenze secondarie in proprietà o altro diritto reale o detenute a titolo gratuito: va indicata Regione dove è ubicato l’immobile, i Metri quadrati, Rata annuale di Mutuo, Percentuale di Possesso.  

C) Autoveicoli, altri mezzi di trasporto a motore (camper, autocaravan, roulotte e motocicli con cilindrata superiore a 250 cc):

Autoveicoli e altri mezzi di trasporto: va indicato il Numero di targa, Marca e modello, Anno di Immatricolazione, Cilindrata

Imbarcazioni da diporto di qualunque stazza e propulsione:  Anno di Immatricolazione, Lunghezza

D) Che le spese sostenute per affitto nei 12 mesi precedenti sono:

  •  Abitazione di residenza: va indicato l’importo

  •  Altri immobili: va indicato l’importo

E) Spese Mutuo: Spese mutuo vanno indicate: tutte le spese sostenute per mutui stipulati per motivi diversi dall’acquisto dell’abitazione principale nei 12 mesi precedenti 

F) Spese collaboratori Familiari: Spese colf e badanti: vanno indicare tutte le spese sostenute per collaboratori familiari nei 12 mesi precedenti

G) Che le spese sostenute per consumi domestici nei 12 mesi precedenti sono:

  • elettricità

  • acqua

  • gas/riscaldamento

  • pay tv (tv satellitare e digitale terrestre a pagamento) telefonia fissa, mobile e internet (solo in abbonamento) 

H) Spese Leasing: Spese Leasing: vanno indicate tutte le spese sostenute per rimborso crediti al consumo o leasing nei 12 mesi precedenti 

I) Spese assicurazioni: Veicoli: indicare le spese sostenute nei 12 mesi precedenti per premi assicurativi per veicoli, auto, moto, trattori ecc.

L) Che le spese sostenute nei 12 mesi precedenti per altre polizze in vigore:

  • Vita e Sanitarie: indicare le spese sostenute nei 12 mesi precedenti per premi assicurativi per polizze sanitarie e vita

  • Casa/abitazione furto e incendio:  indicare le spese sostenute nei 12 mesi precedenti per premi assicurativi per polizze casa

M) Che le spese sostenute nei 12 mesi precedenti per istruzione sono:

  • Rette per asili nido

  • Rette scolastiche per scuole private di ogni ordine e grado 

  • Tasse e/o rette universitarie

N) Spese Noleggio: Spese noleggio: indicare tutte le spese sostenute per il noleggio di veicoli di varia tipologia e cilindrata negli ultimi dodici mesi

0) Canone Rai: Abbonamento Rai Tv: Di avere adempiuto al pagamento del canone radiotelevisivo corrispondente al n. di abbonamento ........

  

Siti di riferimento Ufficiale per il Redditest 2014 Agenzia delle Entrate: Agenzia delle Entrate Software Redditest

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti