Ravvedimento Imu 2016 pagata in ritardo: F24 codice tributo e sanzioni

Ravvedimento IMU 2016 acconto saldo pagato in ritardo o omesso, come compilare modello f24 codici tributo sanzione ridotta calcolo interessi di mora

Commenti 1Stampa

Ravvedimento IMU 2016 per mancato pagamento o ritardo oltre la scadenza acconto e saldo Imposta municipale propria, è lo strumento che consente al contribuente di regolarizzare spontaneamente la sua posizione tributaria in caso di omesso, parziale, tardivo o infedele versamento dell'IMU dovuta per l'anno 2016.

Grazie al ravvedimento, pertanto, i contribuenti possono rimediare spontaneamente alla violazione, senza dover incorrere a sanzioni più pesanti elevate a seguito dell’accertamento formale da parte dell’Amministrazione Finanziaria.

Entro termini prestabiliti dalle norme di attuazione del ravvedimento, i contribuenti, rimediano al mancato pagamento o al pagamento effettuato in ritardo dell'acconto e saldo IMU 2016, pagando mediante modello F24 il tributo dovuto, la sanzione ridotta in diversa percentuale in base al numero dei giorni di ritardo e gli interessi di mora calcolati in base a tasso legale e sui giorni di effettivo ritardo. 

 

IMU pagata in ritardo?

Per mettersi in regola con il Fisco, il contribuente può scegliere di utilizzare lo strumento del ravvedimento operoso qualora si renda conta di aver commesso una violazione in termini di ritardato versamento dell’acconto o saldo IMU 2016 o la completa omissione, false dichiarazioni o pagamento insufficiente, entro i termini stabiliti per legge per il pagamento dell’IMU 2016:

  • Primo acconto IMU pari al 50% dell'importo totale dovuto o in unica soluzione: entro il 16 giugno 2016.
  • Secondo Acconto IMU 2016 con conguaglio finale: scadenza entro 16 dicembre 2016.

Il contribuente che per qualsiasi ragione non provvede al pagamento dell’acconto e saldo IMU 2016 entro le scadenze sopra indicate può ricorrere spontaneamente al ravvedimento operoso e sanare la sua posizione debitoria con il Fisco pagando il tributo dovuto + interessi di mora + sanzione ridotta, tali sanzioni sono variabili e sono direttamente legate alla tempestività con la quale avviene l’effettivo pagamento. 

 

Ravvedimento IMU 2016 cos'è e come funziona?

Il Ravvedimento IMU 2016 è uno strumento introdotto dall’art. 13 del Dlgs n. 472 del 1997 - Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie, a norma dell’articolo 3, comma 133, della legge 23 dicembre 1996, n.662. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 5 del 8 gennaio 1998 - supplemento ordinario poi modificato dalla Legge del 13/12/2010 n. 220 Articolo 1, che permette a tutti i contribuenti titolari di Partita IVA e privati di regolarizzare la propria posizione con il Fisco versando spontaneamente le imposte e tributi dovuti.

I contribuenti pertanto prima che violazioni come di omesso, insufficiente, falso o tardivo versamento dell’IMU siano accertate e notificate dall'Amministrazione finanziaria, possono utilizzare il ravvedimento e beneficiare così della riduzione delle sanzioni amministrative previste in caso accertamento formale.

Riassumendo: Il contribuente può ricorrere al ravvedimento operoso per sanare la propria posizione con il Fisco, ma solo se la la violazione non è stata già constatata e comunque se non sono già iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento volti al recupero delle somme dovute, delle quali l’autore o i soggetti obbligati siano formalmente a conoscenza

Imu 2016 ravvedimento: cos'è? E' uno strumento per sanare spontaneamente le violazioni commesse in ambito tributario, in questo caso di mancato, e omissione, tardivo, parziale pagamento dell’acconto o saldo IMU 2016 è consentito a tutti i contribuenti a patto che siano rispetatti specifici limiti di tempo: entro massimo 1 anno dalla data della violazione, e condizioni fondamentali quali:

  • la Violazione non deve essere stata constatata e notificata;

  • non siano già state attivate dall’Amministrazione Finanziaria ispezioni e verifiche;

  • non siano state già attivate dall’Amministrazione Finanziaria le altre attività di accertamento come notifiche, richieste di esibizione di documenti, invio di questionari ecc.

 

Ravvedimento Imu 2016: sanzioni ridotte

Il contribuente che per qualsiasi ragione non provvede entro le scadenze del 16 giugno e 16 dicembre al pagamento dell’acconto e saldo IMU 2015 può avvalersi dello strumento del ravvedimento operoso per non incorrere alle sanzioni sicuramente più pesanti elevate in caso di accertamento formale da parte dell’Amministrazione Finanziaria.

Il ravvedimento Operoso consente di sanare la propria posizione debitoria con il Fisco pagando il tributo dovuto + interessi di mora + sanzione ridotta che varia a seconda della tempestività con la quale avviene l’effettivo pagamento di quanto dovuto dal contribuente.

Importante: Si consiglia, inoltre, di inviare all’Ufficio Tributi del Comune di competenza IMU, la comunicazione del ravvedimento e copia del versamento effettuato.

In altre parole, esistono diversi tipi di Ravvedimento Operoso IMU 2016 che applicano una sanzione amministrativa in misura proporzionale alla data in cui il contribuente effettua il pagamento, pertanto parleremo di:

Il Ravvedimento Imu 2016 pagamento entro 14 giorni introdotto dal Decreto Salva Italia Governo Monti prevede la possibilità per il contribuente di regolarizzare il ritardato pagamento con una penalità giornaliera sensibilmente ridotta e una sanzione pari allo 0,1% per ciascun giorno di ritardo, oltre, ovviamente al pagamento del tributo dovuto e il calcolo degli interessi legali pari allo 0,2%. Il contribuente può pertanto ricorrere al Ravvedimento Operoso Sprint pagando: Tributo + sanzione + interessi legali: entro e non oltre i 14 giorni successivi alla scadenza del termine previsto per il versamento.

Per cui, l’importo totale da versare per mettersi in regola con la violazione è dato dalla somma: imposta omessa in tutto o in parte + interessi legali fissati al tasso legale calcolati sull’imposta, a partire dal giorno successivo a quello di scadenza fino al giorno in cui si provvede a pagare, compreso nel conteggio + sanzione ridotta, da calcolare sull’importo non versato.

Il Ravvedimento IMU 2016 pagamento entro 30 giorni: è una tipologia di ravvedimento che consente al contribuente di mettersi in regola spontaneamente con il fisco pagando: Tributo + sanzione 1,5% + interessi legali: avviene dal 15° giorno fino al 30° giorno successivo alla scadenza

Per cui, l’importo totale da versare per mettersi in regola, è dato dalla somma di: Imposta IMU omessa in tutto o in parte dovuta + Interessi legali 0,2% + sanzione ridotta pari 1,5%, a condizione che il versamento sia eseguito entro 30 giorni dall'omissione.

Ravvedimento Imu 2016 pagamento entro 90 giorni: nuovo tipo di ravvedimento introdotto con la precedente Legge di Stabilità, che consiste in una sanzione pari a 1,67% se il tributo è pagato entro 90 giorni dalla scadenza. Altra novità è il nuovo ravvedimento lunghissimo 2016, ossia il pagamento di un tributo, sanzioni e interessi entro o oltre i 2 anni dalla data di scadenza ufficiale. Tale ravvedimento, non è però valido per i tributi comunali come IMU e TASI ma solo quelli dell'Agenzia delle Entrate.

Ravvedimento IMU 2016 versamento entro 1 anno: sanzioni pari ad 1/8 del minimo (3,75%) + imposta IMU omessa in tutto o in parte dovuta + Interessi legali fissati allo 0,2% a partire dal giorno successivo a quello di scadenza fino al giorno in cui si provvede a pagare, compreso nel conteggio..

 

Come si calcola la sanzione ridotta?

IMU 2016 ravvedimento come si calcola la sanzione ridotta? Il Ravvedimento Operoso è una procedura che tutti i contribuenti possono utilizzare per mettersi in regola con il fisco in caso di mancato pagamento dei tributi dovuti, per irregolarità della dichiarazione dei redditi, Iva, per errori di calcolo ecc., con il ravvedimento quindi pagamento entro i termini sopra indicati, consente di poter beneficiare di una sanzione ridotta rispetto a quella interamente dovuta in caso di accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria della violazione.

Il pagamento tramite ravvedimento deve avvenire entro 14 giorni, 30 o 90 giorni o entro 1 anno dalla data in cui si sarebbe dovuto effettuare il regolare versamento del tributo o dell’imposta, Imu 2016 come si calcola? quanto pagare è necessario innanzitutto determinare:

Tributo o Imposta dovuti: verificare l’ammontare della somma dovuta se totalmente omessa o versata parzialmente

Sanzione ridotta: da applicare all’intero importo del tributo dovuto inizialmente, in caso di omissione integrale o di versamento parziale oltre il termine di scadenza ordinari, Il ravvedimento non è valido se manca il pagamento anche di uno solo degli importi dovuti (imposta, interessi, sanzioni), per cui l’importo del tributo dovuto va aumentato di:

  • 0,1%: per ogni giorni di ritardo se il versamento avviene entro 14 giorni dalla scadenza 
  • 1,5% del valore del tributo se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni dalla violazione
  • 1,67% del tributo se il pagamento avviene entro 90 giorni;
  • 3,75% del valore del tributo, equivalente ad 1/5 della sanzione minima pari al 30% del tributo

Interessi moratori: calcolati nella misura del tasso legale con maturazione giornaliera. 

Si ricorda che a seguito dell'emanazione del decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze gli interessi legali passa dallo 0,5% del 2015 allo 0,2% del 2016.

Per fare immediatamente il calcolo ravvedimento IMU TASI, vai a calcolo ravvedimento IMU online.

 

Calcolo interessi di mora tasso 2016 0,2% nel 2016:

Il contribuente che sceglie di avvalersi del Ravvedimento Operoso, per regolare spontaneamente la violazione commessa circa l’IMU 2016 acconto e/o saldo è tenuto al pagamento dell’importo complessivo dato dal tributo dovuto + la sanzione ridotta + interessi moratori.

La modalità di calcolo interessi di mora ravvedimento IMU 2016 da applicare sull’importo dell’imposta non versata, o versata in ritardo, deve avvenire in base al tasso legale vigente nel periodo concernente la violazione e sul numero dei giorni di ritardo:  

Interessi fino al 31 dicembre 2016: Il calcolo del tasso degli interessi di mora vanno effettuati sulla base del tasso legale allo 0,2%, con la seguente formula: Interesse al tasso legale x tributo x n° giorni trascorsi dalla violazione/365.

 

Ravvedimento IMU 2016 Codici tributo f24:

Il versamento con il Ravvedimento Operoso del saldo IMU 2016 pagato in ritardo, deve avvenire tramite modello F24, barrando la casella relativa a “ravvedimento operoso” ed indicando l’importo totale comprensivo dell’imposta dovuta, delle sanzioni e degli interessi.

Codice tributo F24:

3912 abitazione principale di lusso e relative pertinenze (destinatario il Comune)

3913 fabbricati rurali ad uso strumentale (destinatario il Comune)

3914 terreni (destinatario il Comune)

3916 aree fabbricabili (destinatario il Comune)

3918 altri fabbricati (destinatario il Comune)

3923 interessi da accertamento (destinatario il Comune)

3924 sanzioni da accertamento (destinatario il Comune)

Nuovi Codici Tributo IMU istituiti con la Risoluzione 33/E del 21/05/2013 dall'Agenzia delle Entrate

3925 denominato "IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO".

3930 denominato "IMU – imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE".

 

Come e dove pagare l’F24?

Contribuenti Privati: I contribuenti non titolari di partita Iva, non sono obbligati al pagamento in via telematica, pertanto, possono ricorrere al Ravvedimento Operoso per mettersi in regola con l’acconto e/o il saldo dell’IMU 2016 presentando il modello F24 debitamente compilato e con l’indicazione dei codici tributo Imu per sanzioni e interessi presso: qualsiasi sportello degli agenti della riscossione (Equitalia), banca o ufficio postale.

Dove: Il versamento tramite Modello F24 del Ravvedimento Operoso 2016 IMU può essere effettuato in contanti oppure:

presso le banche con assegni bancari e circolari

presso gli agenti della riscossione con assegni bancari e circolari e/o vaglia cambiari

presso gli sportelli bancari e degli agenti della riscossione dotati di terminali elettronici idonei tramite carta Pagobancomat

presso gli uffici postali con assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali, o carta Postamat.

Si ricorda inoltre che dal 1° ottobre 2014 vi è l'obbligo di pagare online f24 superiore a 1000 euro.

 

Contribuenti con Partita IVA: Tutti i titolari di partita Iva hanno l’obbligo di effettuare i versamenti fiscali e previdenziali esclusivamente in via telematica. I pagamenti online mediante Modello F24 Ravvedimento Operoso 2016 IMU possono essere effettuati:

Direttamente dal contribuente mediante il servizio telematico (Entratel o Fisconline) utilizzato per la presentazione telematica delle dichiarazioni fiscali, mediante i servizi di home banking delle banche e di Poste Italiane, o i servizi di remote banking (Cbi) offerti dal sistema bancario, tramite gli intermediari abilitati al servizio telematico Entratel che:

aderiscono a una specifica convenzione con l’Agenzia delle Entrate e utilizzano il software fornito loro gratuitamente dall’Amministrazione, si avvalgono dei servizi online offerti dalle banche e da Poste Italiane. Il versamento tramite i servizi telematici dell’Agenzia (Fisconline ed Entratel) può essere eseguito esclusivamente dai soggetti abilitati che possiedono un conto corrente presso una delle banche convenzionate con l’Agenzia delle Entrate o presso Poste Italiane.

Dove: la Modalità di versamento dell’IMU con il ravvedimento Operoso tramite Modello F24 per i Contribuenti titolari di partita Iva può essere effettuato per via telematica attraverso i servizi telematici Agenzia delle Entrate.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

giuseppe

25 dicembre 2012 23:51

in sede denuncia redditi tramite caf avendo un credito irpef, ho chiesto la compensazione del primo acconto imu, che è stata correttamente riportata nel 730 il caf non mi ha consegnato f24 con saldo zero da consegnare in banca o posta da giorni che continuo a consultare internet cercendo di trovare un sito "ravvedimento operoso imu primo acconto da compensare con irpef" ma senza risultato è possibile avere un indirizzo o meglio il sito giusto? (leggo che debbo corrispondere il tasso del 2,50% e la sansione del 3,75% in ragione dei giorni quindi importo da versare x 3,75x 190 x 2,50 fatto 36.500 idem per gli interessi chiedo eventuale vostro indirizzo per la risoluzione del caso grazie