Proroga 770 anno 2016 semplificato ordinario: invio entro 15 settembre

Proroga 770 anno 2016 nuova scadenza 770 ordinario e 770 semplificato al 15 settembre 2016 per via telematica Agenzia delle Entrate, DPCM ufficiale

Commenti 0Stampa

Proroga 770 anno 2016 semplificato ordinario? Si, dopo lo slittamento dei termini per la consegna del modello 730 2016 ed il pagamento delle tasse, saldo 2015 e acconto 2016 derivate dalla dichiarazione dei redditi tramite modello Unico 2016, è  arrivata la conferma da parte dell’Agenzia delle Entrate, del rinvio della scadenza 770 2016 al 15 settembre 2016.

Vediamo cos’è e come funziona la proroga 770 anno 2016, i soggetti che rientrano nello slittamento dei termini e qual è la nuova scadenza 770 ordinario 2016 e 770 semplificato 2016.

 

Proroga 770 anno 2016 semplificato ordinario: novità

Dopo la proroga 730 2016 e la proroga Unico 2016, questa settimana, è arrivata finalmente, quella relativa alla proroga modello 770 2016 al 15 settembre.

Come, infatti, si era già evinto dalle dichiarazioni del viceministro all’Economia, Luigi Casero, intervenuto ad Ancona per il convegno “Sistema fiscale: quali prospettive?”, l’ulteriore slittamento della scadenza modello 770/2016 dal 22 agosto al 15 settembre 2016, con un apposito DPCM, era già stata deciso.

Lo slittamento del termine per l’invio del 770, richiesto dalle maggiori associazioni dei commercialisti, tra cui l’Anc, Aidc, Adc, Unagraco, Unico, Andoc e Ungdcec, a causa dell’ingorgo di adempimenti e di scadenze fiscali troppo ravvicinate, è stato ufficializzato.

Modello 770 anno 2016 proroga ufficiale al 15 settembre: con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 luglio 2016, è stato ufficializzato il differimento dei termini di presentazione da parte dei sostituti d’imposta del 770 anno 2016.

Proroga 770 anno 2016 15 settembre DPCM in GU.

 

Proroga 770 2016 nuova scadenza al 15 settembre:

La scadenza invio 770 ordinario e semplificato è di norma entro il 31 luglio di ciascun anno.

Tuttavia, quest’anno il 31 luglio 2016 cade di domenica, per cui la scadenza 770 2016, sarebbe il 1° agosto.

Dal momento però che, dal 1° al 20 agosto, sono sospesi i termini per gli adempimenti fiscali, l’ultimo giorno per la trasmissione per via telematica del 770 2016, diventa così il 22 agosto 2016, perché il 20 agosto cade di sabato.

Ultimo aggiornamento 30 luglio 2016

In base alle ultime novità di oggi, 26 luglio 2016 e 30 luglio, la nuova scadenza 770 2016 è al 15 settembre 2016, Il DPCM, è stato pubblicato in G.U e prevede quindi lo slittamento dei termini per la presentazione per via telematica del 770 anno 2016 al 15 settembre.

 

Proroga 770 ordinario 2016 soggetti beneficiari:

Il modello 770 ordinario ed il modello 770 semplificato, sono due modelli che vanno presentati dai sostituti di imposta, quali ad esempio datori di lavoro, enti pensionistici, amministrazioni dello Stato, all’Agenzia delle Entrate, al fine di comunicare i dati relativi alle ritenute operate per ciascuna imposta, ai versamenti, crediti, compensazioni fino ai dati contributivi e assicurativi. 

Per capire bene, chi sono i soggetti beneficiari della proroga 770 2016, dobbiamo fare subito una distinzione tra: il modello 770 ordinario e modello 770 semplificato.

Il modello 770 2016 è obbligatorio per le seguenti categorie di contribuenti: 

  • Società di capitali ed enti commerciali che risiedono in Italia;
  • Enti non commerciali;
  • Associazioni non riconosciute, consorzi, aziende speciali.
  • Società e enti non residenti nel nostro Paese;
  • Trust
  • Condomìni;
  • Società di persone residenti in Italia;
  • Società o associazioni di persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti o professioni residenti in Italia;
  • Aziende coniugali residenti in Italia;
  • Gruppi europei d’interesse economico (Geie);
  • Persone fisiche che esercitano arti e professioni, imprese commerciali e agricole;
  • Amministrazioni dello Stato;
  • Curatori fallimentari;
  • Eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta estinto;
  • Soggetti che hanno applicato nell’anno precedente un’imposta sostitutiva su: interessi, premi e altri frutti delle obbligazioni e titoli simili, dividendi, plusvalenza o altro reddito diverso.
  • Rappresentanti fiscali di un soggetto non residente.

Tutti questi soggetti, sono tenuti a presentare per via telematica, entro la scadenza ufficiale Agenzia delle Entrate, il modello 770 ordinario 2016 per comunicare i seguenti dati:

  • Ritenute operate su: dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale, operazioni di natura finanziaria e indennità di esproprio;
  • Versamenti effettuati, compensazioni operate e crediti d’imposta utilizzati.

 

Modello 770 semplificato 2016 per chi è obbligatorio e quando?

L'invio modello 770 semplificato 2016, entro la scadenza del 15 settembre 2016, è per tutti i soggetti indicati nell'elenco sopra, ma con alcune variazioni, a partire dai soggetti elencati dopo gli eredi, ovvero:

  • Soggetti che percepiscono redditi esenti da Irpef ma che sono assoggettati al pagamento dei contributi Inps;•Intermediari che presentano dichiarazioni a nome dei contribuenti;
  • Titolari di posizione assicurativa Inail.

Il modello 770 semplifcato 2016, deve essere uitlizzato dai sostituti di imposta, per comunicare

  • Redditi da lavoro dipendente equiparati, come per esempio crediti di lavoro riconosciuti da sentenza come nel caso di TFR non pagato o mancato pagamento dello stipendio, o assimilati come gli assegni di mantenimento al coniuge o la retribuzione dei sacerdoti.
  • TFR;
  • Prestazioni sotto forma di capitale pagate da fondi pensione;
  • Redditi di lavoro autonomi;
  • Provvigioni e redditi diversi;

Oppure, per dichiarare Dati, come ad esempio:

  • Contributi previdenziali e assicurativi INPS, INAIL ecc e quelli relativi all’assistenza fiscale prestata;
  • Versamenti effettuati per crediti e compensazioni ma solo quando il datore di lavoro, ente pensionistico o Amministrazione dello Stato, non è obbligato a presentare per l’anno di imposta, il modello 770 Ordinario.
  • Somme pagate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.
  • Ritenute operate sui bonifici effettuati dai contribuenti per fruire di oneri deducibili e detraibili.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti