Non mi arriva la posta a casa cosa fare? Un reclamo a Poste Italiane

La posta non arriva, si riceve in ritardo la bolletta scaduta o l'avviso ricevimento raccomandata si ha diritto a fare reclamo a Poste Italiane e a rimborso

Commenti 0Stampa

Se non arriva la posta a casa o se le bollette si ricevono sempre in ritardo e a volte addirittura già scadute, oppure, se i pacchi o raccomandate si perdono per strada, cosa si può fare? C'è un modo per tutelarsi e segnalare il disservizio postale e magari presentare un reclamo formale a Poste Italiane?

Si, il consumatore può tutelarsi e segnalare il disservizio alle poste, presentando un reclamo formale anche per via telematica, inoltre, nel caso di accertato disservizio, Poste Italiane è obbligata a corrispondere al cliente un indennizzo. Ecco cosa e come fare:

 

Se non ricevo la posta a casa a chi devo rivolgermi?

Il cittadino che a causa di un nuovo postino, mancanza di personale o altre cause tali, da determinare un disservizio nella ricezione regolare di lettere, raccomandate, bollette arrivate scadute e pagate in ritardo, o pacchi, e della posta in generale, può rivolgersi direttamente agli uffici di Poste Italiane per presentare un reclamo di disservizio postale.

Le modalità, i termini, l'indennizzo, sono previsti tutte tematiche che rientrano nella Carta della qualità dei servizi della società di Poste Italiane. Secondo tale Carta, il cittadino che subisce un ritardo, danneggiamento o mancato recapito della posta universale ha diritto a darne specifica comunicazione tramite reclamo e ad un indennizzo.

Se il reclamo, non ha riscontro o non risolve il problema, allora l'utente può rivolgersi direttamente all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Direzione Servizi Postali, che attiverà immediatamente un'opportuna verifica sull'azienda. Comunque sia, è diritto dell'utente, attivare una procedura di ricorso all'autorità per rivendicare le proprie ragioni circa il disservizio e l'eventuale danneggiamento.

 

La posta non arriva o è in ritardo cosa fare? Un reclamo:

Se la posta arriva sempre in ritardo o non si riceve affatto, il cittadino deve scrivere a Poste Italiane e segnalare il disservizio. 

Per legge, infatti, l'utente che ha un disservizio del servizio postale universale, ossia, di lettere fino a 2 chilogrammi, pacchi fino a 20 kg, raccomandate e assicurate, che sono i soli servizi che Poste Italiane, ha l'obbligo di garantire in tutta Italia anche con specifiche tariffe accessibili a tutti gli utenti, ha diritto a presentare un reclamo.

Come fare reclamo a Poste Italiane se la posta non arriva o per mancata consegna? Il cittadino per inviare un reclamo, può utilizzare 4 modalità:

  1. Compilare la Lettera di reclamo Poste Italiane e consegnarla direttamente in qualsiasi ufficio postale. 
  2. Spedire la lettera tramite raccomandata a Casella Postale 160 – 00144 Roma.
  3. Inviare il reclamo online Poste Italiane
  4.  Contattare il call center al numero 803.160 per ricevere assistenza dal personale delle Poste. 

I clienti invece che hanno sottoscritto contratti di spedizione periodiche o continuative, possono presentare reclamo scritto tramite:

PEC indirizzata a reclamibusiness@postecert.it 

Raccomandata indirizzata a Casella Postale 600 – 00144 Roma

Per reclami Business, invece, contattare il numero di assistenza 800.160.000.

 

In quanto tempo Poste Italiane risponde ai reclami sui disservizi postali?

Poste Italiane, secondo la carta della qualità e per legge, risponde ai reclami disservizi entro 45 giorni, se la risposta non soddisfa l'utente, questi può attivare una procedura di Conciliazione per le risoluzioni extragiudiziali delle controversie con la clientela.

Tale procedura, per i singoli consumatori è attivabile rivolgendosi alle Associazioni dei consumatori, se neanche questa non va a buon fine, l’interessato può chiedere il parere circa la vicenda, all’Autorità di Regolamentazione, fermo restando la facoltà dell'utente di adire in qualsiasi momento all’Autorità Giudiziaria indipendentemente dalla presentazione del reclamo.

 

Quando è possibile presentare un reclamo? Motivi del disservizio postale:

I motivi che rendono possibile l'invio del reclamo per disservizio postale sono:

Ritardo o mancato recapito della posta.

Danneggiamento o distruzione.

Manomissione totale o parziale.

Mancato ottemperamento del servizio postale.

Mancata o irregolare restituzione dell'avviso di ricevimento per esempio della raccomandata A/R.

Entro quanto tempo Poste Italiane deve rispondere al reclamo? Per Legge, i tempi di risposta  ai reclami per prodotti postali nazionali è di 45 giorni mentre per quelli internazionali, le tempistiche possono esser e più lunghe, in quanto dipendono da Paese a Paese. In ogni caso, l'azienda di Poste, si impegna a comunicare entro 45 dollari l'esito definitivo del reclamo.

 

Dopo quanti giorni di ritardo va presentato il reclamo alle Poste?

Secondo quanto previsto dalla Carta della qualità di Poste Italiane, l'utente può inviare un reclamo entro le seguenti tempistiche: 

Posta prioritaria spedita in Italia il reclamo può essere presentato dal sesto giorno lavorativo dopo la data di spedizione, 3 giorni se si tratta di raccomandata e non oltre i 3 mesi. In Europa è dopo 10 gironi lavorativi e non oltre i 6 mesi, in paesi extraeuropei dal 20° giorno dalla data di spedizione fino a 6 mesi.

Posta massiva: dal 6° giorno lavorativo in poi.

 

Chi ha diritto al rimborso per mancata consegna spedizione della posta?

I casi in cui è previsto un rimborso o indennizzo per mancata consegna o spedizione della posta, che è quindi motivo accertato di disservizio postale universale sono:

Posta Raccomandata per l'Italia: se il ritardo nella consegna è oltre 10 giorni lavorativi alla data di spedizione, il rimborso è pari al costo della spedizione.

Se invece il ritardo è maggiore di trenta giorni lavorativi, il rimborso per mancato recapito o danneggiamento totale è pari a 30,00 euro + costi spedizione.

Se il ritardato recapito o perdita della posta si riferisce all'avviso di ricevimento anche di un atto giudiziario, non si ha diritto ad alcun rimborso.

Raccomandata Internazionale: si ha diritto ad un indennizzo per mancata consegna, manomissione o danneggiamento pari a 30 DTS, Diritto Speciale di Prelievo, ossia a circa 30-35 euro. Per la restituzione al mittente di una raccomandata senza informazioni circa il motivo della mancata consegna estera si ha diritto al rimorso dei costi di spedizione

Posta Assicurata per l'Italia: se la consegna avviene dopo oltre 10 giorni dalla data di spedizione si ha diritto a ricevere il rimborso dei costi di spedizione ad eccezione del diritto di Assicurazione, ritardo di oltre 30 giorni rimborso di 30,00 euro + costo della spedizione, fatta eccezione per i casi di perdita o danneggiamento.

Per mancato recapito e danneggiamento totale, il cliente ha diritto alla restituzione del valore dichiarato e al costo pagato per la spedizione ad eccezione del diritto di Assicurazione. Per il danneggiamento parziale dell'assicurata si ha invece diritto al rimborso del valore dichiarato ma non di quelli che risultano integri.

Assicurata Internazionale indennizzo per mancata consegna, manomissione o danneggiamento è pari al valore dichiarato e costi spedizione, se il danneggiamento è parziale, l'indennizzo spetta per i soli valori che non risultano integri.

Invii con contrassegno nazionale e internazionali: è restituibile l'importo al mittente solo se la spedizione risulta effettuata ma la somma non riscossa, per mancato recapito invece spetta l’indennizzo previsto per il servizio utilizzato. 

L’assegno di rimborso o di indennizzo, vengono emessi direttamente da Poste Italiane entro 40 giorni lavorativi a decorrere dalla comunicazione al cliente dell’esito del reclamo. Attenzione: per giorni lavorativi si intono i giorni che vanno dal lunedì al venerdì esclusi sabato e festivi.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti