Assicurazione Rc professionale costi 2017 obbligo professionisti

Rc professionale 2017 obbligatoria per tutti i liberi professionisti commercialisti, Caf, medici ingegneri cos'è come funziona, costi polizza assicurazione

Commenti 0Stampa

La assicurazione RC professionale è un obbligo sancito dal D.P.R. 137/2012- 14/08/2012 al fine di garantire il libero professionista dalle richieste di danno in caso di errori, omissioni, negligenza professionale e responsabilità contrattuale causati a Terzi, compresi i clienti. Ma cos'è e come funziona, come scegliere la polizza più giusta in base all'ordine di appartenenza, cosa e quali danni e garanzie copre?

 

Assicurazione Rc professionale 2017 per chi è obbligatoria?

L'obbligo di stipulare un contratto di assicurazione Rc professionale è fissato dall'articolo 5 del Dpr 137/2012 che prevede per diverse categorie di professionisti tra cui Commercialisti, Architetti, Ingegneri, Geometri, Medici, Avvocati, Amministratori di Condominio e appartenenti alle Professioni Regolamentate, l'obbligo di stipulare attraverso specifiche convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, un'adeguata assicurazione a copertura di eventuali danni provocati dal professionista al cliente, ivi compresa la perdita di documenti. Il professionista pertanto nell'esercizio della sua attività, è tenuto a rendere noto al cliente, in sede di assunzione dell’incarico professionale, gli estremi della polizza RC e il relativo massimale.

Assicurazione Rc professionale 2017 per chi è obbligatoria?

La RC professionale è una polizza assicurativa obbligatoria per tutti i professionisti iscritti agli albi professionali, la cui copertura deve risultare attiva nel momento in cui il professionista assume l'incarico verso il cliente diventandone così responsabile. Tale obbligo, è pertanto per tutti i professionisti iscritti agli ordini professionali per cui dai commercialisti ai medici, per quest'ultimi l'obbligo è scattato dal 13 agosto 2014, dagli ingegneri agli amministratori di condominio, indipendentemente dal fatto che il professionista sia un dipendente, collaboratore o un libero professionista, se lavori solitamente senza firmare i progetti o sia senza Partita Iva.

Stesso obbligo anche per le società tra professionisti.

Le uniche eccezioni sono rappresentate dai professionisti iscritti all'Ordine degli Avvocati che sono attualmente l'unica categoria con esclusione dall'obbligo Rc professionale insieme ai praticanti, circolare INAIL del 3 marzo 2014 che ha chiarito che il tirocinio svolto dai praticanti negli studi professionali per l’accesso alla libera professione non rientra nell'obbligo di assicurazione.

 

Polizza Rc professionale 2017: quali danni copre?

Una polizza Rc professionale 2016 deve coprire innanziututto tutte le responsabilità professionali previste per legge fino ad un certo massimale fissato in base alla tipologia di danno, ad esempio un danno materiale, diretto, una perdita patrimoniale, un'interruzione dell'attività, e del volume d’affari ma anche del valore dell’incarico.

Ma una polizza Rc professionale da cosa garantisce? La stipula obbligatoria di una Rc professionale per i liberi professionisti presenti nell'elenco professioni obbligati RC professionale, garantisce la copertura dai seguenti colpe, danni e responsabilità, nello specifico da danni patrimoniali, responsabilità civile contrattuale, colpa grave e lieve, violazioni della privacy, colpe dei dipendenti o collaboratori, sanzioni fiscali erogate ai clienti per errori o omissioni del professionista, costi e spese legali, conduzione dello studio, retroattività della copertura della polizza assicurativa, la perdita di documenti e da diffamazione e ingiuria.

Riassumendo tutti i professionisti sono tenuti a stipulare una polizza di RC professionale 2015 al fine di garantire la copertura di tutti i rischi connessi all'esercizio della propria attività professionale. Nel caso in cui invece il professionista obbligato alla rc professionale, non stipuli la polizza, l’ordine di appartenenza potrebbe richiamarlo o sanzionarlo, oltre al dover risarcire personalmente l'eventuale danno.

 

Guida alla scelta della Polizza Rc per i professionisti:

Attualmente sono tantissime le offerte dedicate alle polizze Rc professionali ma come fare per scegliere la migliore? Innanzitutto occorre tenere conto della compagnia assicurativa quindi decidere se optare per una italiana, inglese o americana, il tipo di prodotto offerto oltre ovviamente alle garanzie di cui il professionista ha bisogno nell'esercizio della sua attività ed infine il prezzo della polizza.

  1. Pertanto per valutare e confrontare diversi preventivi di polizza RC professionale 2017, il professionista deve considerare tutte le garanzie inserite nel contratto, partendo dal fatto che un prezzo molto economico potrebbe una copertura troppo limitata delle garanzie e quindi della copertura dei rischi collegati ai diversi tipi di danni e risarcimento. 
  2. Altra cosa importante da considerare, prima di stipulare la polizza, è vedere se è presente la clausola colpa grave, ossia, la copertura del danno nel caso in cui dovesse paventarsi una danno al cliente per negligenza, imperizia, imprudenza o inosservanza delle leggi, dei regolamenti e degli ordini pubblici da parte del professionista.
  3. Prestare molta attenzione alla Compilazione del questionario allegato al contratto della polizza Rc professionale della compagnia assicurativa, in quanto una dichiarazione non veritiera da parte del professionista, potrebbe consentire alla compagnia di impugnare il questionario e non pagare, o pagare limitatamente, l'eventuale danno previsto in polizza.
  4. Considerare la Franchigia contenuta nella polizza, ossia, di quella parte di somma che in caso di sinistro rimane di competenza del professionista. Per cui più la franchigia è bassa e meglio, tenendo conto che nella maggior parte dei casi le franchigie variano dalle 500 alle 1000 euro.
  5. Scelta del massimale polizza Rc professionale: diciamo subito che il massimale è la somma pagata dalla compagnia in caso di danno, considerando che ogni tipologia di danno corrisponde ad uno specifico risarcimento massimo determinato in base al fatturato e all'attività svolta dal professionista.
  6. Verificare sempre se nel contratto assicurativo sono comprese anche le spese legali o solo le garanzie delle stesse. In caso affermativo, la compagnia potrà intervenire o sostituirsi all'assicurato-professionista in caso di procedimenti penali.
  7. Verificare la presenza della clausola retroattività e garanzia postuma: ciò consente al professionista di essere tutelato e quindi avere la copertura assicurativa, prima della sottoscrizione della polizza. Ad esempio il professionista provoca un danno al cliente ma non è assicurato, decide quindi di sottoscrivere una polizza Rc professionale e il risarcimento è coperto dalla compagnia. Ovviamente, ogni compagnia prevede un periodo massimo di retroattività, oltre il quale non rispondono del danno, tale periodo massimo solitamente è di 3 anni. La garanzia postuma è invece una copertura aggiuntiva, che la compagnia offre all'assicurato per coprire eventuali danni successivi alla sua cessazione dell'attività.
  8. Premio polizza Rc professionale: ogni compagnia assicurativa offre dei prezzi diversi per le polizze RC per i professionisti, in base al tipo di prodotto offerto, le franchigie, i danni e il relativo risarcimento, i massimali correlati al rischio dell'esercizio della professione.

 

Assicurazione Rc professionale Costi 2017:

I costi per stipulare una polizza Rc professionale 2017 dipendono molto dal tipo di compagnia scelta, dal comune e dalla regione di residenza, e dalla professione svolta. Per semplicità, possiamo dire che il prezzo polizza Rc professionale dipende dal Tipo di attività professionale svolta ed il rischio correlato, il Massimale offerto dalla compagnia e scelto dal professionista, dal suo Fatturato annuo, Sinistri pregressi, dal tipo di compagnia, dalla franchigia e dalle garanzie offerte. Esistono infatti tipi di professioni più rischiose rispetto ad altre, ovvero, maggiore è il rischio di causare danni a terzi e maggiore è il costo della polizza.

Consideriamo per esempio l'attività di un medico chirurgo che effettua interventi anche molto delicati, il rischio è molto più alto rispetto ad un ingegnere che non firma progetti, o un commercialista o un Caf che effettua una dichiarazione dei redditi sbagliata.

Il costo del premio assicurativo che il professionista dovrà versare per essere assicurato, sarà quindi proporzionale al rischio, al massimale e al fatturato e come avviene per il calcolo del premio delle polizze Rc auto dove la situazione pregressa dell'assicurato, incidenti avuti negli 5 anni, influenza non poco il premio annuale anche per la RC professionale, la compagnia terrà conto di eventuali sinistri occorsi al professionista negli ultimi anni.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti