Regime di cassa 2017 artigiani commercianti autonomi come funziona?

Nuovo regime di cassa 2017 per artigiani commercianti autonomi con Partita IVA in contabilità semplificata novità Legge di Bilancio cos'è come funziona?

Commenti 0Stampa

Novità Partite IVA in regime semplificato, inserita nella Legge di Bilancio 2017, una norma che prevede l’introduzione del regime principio di cassa nel 2017 per artigiani, commercianti, autonomi, ed in generale, per tutte le piccole partite iva in contabilità semplificata.

Il regime di cassa 2017, pertanto, consentirà ai soggetti interessati, di essere tassati solo sugli importi effettivamente pagati o incassati, con l’esclusione di quelli non incassati per morosità o inadempienza della controparte.

In questo modo le piccole e medie imprese, gli autonomi e non solo, in contabilità semplificata, potrebbero così determinare il reddito da dichiarare, seguendo le stesse regole attualmente in vigore per i liberi professionisti.

Vediamo quindi cos’è e come funziona il regime di cassa 2017, chi sono i soggetti beneficiari, in cosa consiste il principio di cassa e quali sono tutte le altre novità Partire IVA Legge di Stabilità 2017.

 

Nuovo regime di cassa per artigiani commercianti autonomi:

La possibilità di estendere il principio di cassa anche alle piccole e medie imprese, agli autonomi e ai commercianti e artigiani, in questi anni, è stata più volte richiesta dagli stessi interessati e dalle associazioni di categoria, che hanno spinto il Governo, a prendere in considerazione, l’eventualità di introdurre il principio di cassa alle Partite Iva in regime semplificato, proprio con questa nuova Legge di Bilancio 2017. 

Se la norma passerà, i contribuenti titolari di partita IVA nel regime contabile semplificato che svolgono attività commerciale e artigianale, di lavoro autonomo, potranno  determinare il reddito secondo il principio di cassa, a prescindere al momento dell’effettivo incasso della fattura.

Cosa cambia con il passaggio dal principio di competenza a quello di cassa?  Che il piccolo artigiano, o il piccolo commerciante, che riceve in ritardo una fattura, o non la riceve affatto, perché magari il fornitore è moroso o inadempiente, non debba far rientrare l'importo non ancora incassato, nel proprio reddito, come vorrebbe, il principio di competenza, ma che concorra alla formazione del reddito, solo quando questo è stato effettivamente incassato dall’artigiano o dal commerciante.

Forse ti interessa anche:

Novità Partite IVA 2017 Legge di Bilancio;

Nuova IRI 2017 imposta sul reddito imprenditoriale.

 

Regime di Cassa 2017 cos’è e come funziona?

Che cos’è il principio di cassa 2017 e come funziona? Fino ad oggi, le piccole e medie imprese e autonomi non professionisti, hanno applicato il principio di competenza economica, per determinare il reddito da dichiarare al Fisco, tramite la dichiarazione dei redditi.

Ciò significa che fino adesso queste PMI, hanno applicato un principio, in base al quale, i costi o i ricavi, devono essere imputati nel periodo temporale in cui hanno effetto, a prescindere da quando questi sono stati effettivamente pagati o incassati. 

Per cui, il principio di competenza economica, non tiene conto della data effettiva di quando è pagato un costo o ricevuto un incasso, ma tiene conto della data in cui il costo o il ricavo è stato generato.

Con la Legge di Stabilità 2017, ora, Legge di Bilancio 2017, l’intento del Governo, è andare a sostituire per i titolari di Partita IVA in regime semplificato, il principio di competenza, con il regime di cassa, così come avviene già per i professionisti.

I professionisti, infatti, per determinare il reddito da dichiarare al Fisco, applicano il principio di cassa. In base a tale regie di cassa, concorrono alla formazione del reddito, solo i compensi effettivamente incassati nel corso dell’anno.

Analogo discorso anche per le spese, fatta eccezione per alcuni casi particolari, quali ad esempio le quote di ammortamento, TFR o i canoni leasing, in questi casi, il principio di cassa, consente di dedurre dal reddito, solo i costi effettivamente sostenuti dal professionista nel corso del periodo d’imposta.

Vuoi conoscere le altre novità 2017 per i titolari di Partita IVA? Allora, ti interesserà leggere:

Indicatori di affidabilità compliance al posto degli Studi di settore;

Abbassamento aliquota contributi Inps 2017;

 

Partita IVA in contabilità semplificata novità Legge di Bilancio 2017:

I titolari di partite Iva nel regime contabile semplificato 2017, grazie alla nuova legge di Bilancio 2017, potrebbero avere un’importante opportunità di ripresa economica.

A partire dal prossimo anno, sempre se la norma verrà confermata definitivamente, i contribuenti minori nel regime semplificato, potrebbero applicare, ai fini di determinazione del reddito e quindi della tassazione, il regime di cassa, al posto del principio di competenza. 

Ma chi sono i contribuenti che applicano il regime contabile semplificato?

Sono i contribuenti minori, ossia, le imprese, o i professionisti, che nell’anno solare, hanno avuto ricavi non superiori a 400mila euro o 700mila euro, a seconda del tipo di prestazioni di servizi o attività svolti.

I contribuenti minori, il cui regime naturale è il regime semplificato, possono optare, con apposita comunicazione all’Agenzia delle entrate, al regime ordinario, ma perderebbero alcune importanti semplificazioni come ad esempio l’esonero dall’obbligo del Bilancio e dalla tenuta delle scritture contabili come il libro giornale, il libro inventari, etc.

Dall’altra però, il regime semplificato comporta degli adempimenti bene precisi per i contribuenti titolari di Partita IVA, come ad esempio: 

  • L’obbligo di registrare tutte le fatture di acquisto e cessioni, oneri deducibili ai fini di imposta sui redditi e fuori campo IVA.
  • L’obbligo di registrare gli incassi/pagamenti entro 60 giorni dall'incasso realizzato e dei pagamenti effettuati.
  • Registro dei beni ammortizzabili;
  • Libro Unico del Lavoro: solo se l’impresa ha dei dipendenti.

Sei un lavoratore autonomo? Allora forse ti interessa sapere che le spese di formazione deducibili al 100%.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti