Pensione INPS pagata al 10 del mese come indennità e assegni?

Legge Stabilità dal 1° gennaio 2015 pagamento al 10 assegno a pensionati e invalidi e indennità a cassa integrati, lavoratori in mobilità e disoccupazione

Commenti 0Stampa

Legge di Stabilità 2015 tutti i pagamenti Inps spostati al 10 del mese? Si, è questa una delle novità inaspettate inserite nel testo bozza del disegno di legge, che prevede di uniformare al 10 del mese tutti i pagamenti dello Stato, nello specifico quelli dell'INPS ed ex Inpdap.

Ciò creaerà non poche difficoltà, visto che da anni e anni, gli assegni pensione e di accompagnamento e le indennità sono da sempre erogate il primo giorno del mese, e tra i precettori ci sono queli che pagano il mutuo tramite rid, chi i finanziamenti e chi le bollette con la sicurezza che i soldi arrivino sul loro conto entro il 1° giorno di ogni mese.

Attenzione ultimo aggiornamento dal Governo: in un un tweet il Ministero dell'Economia fa sapere che i pensionati che riceveranno la pensione il 10 del mese saranno solo 800.000 persone, ossia, coloro che ricevono un doppio assegno INPS-Inpdap (dipendenti pubblici) mentre per tutti gli altri rimarrà al primo del mese. Ecco cosa risponde in un comunicato del 22 ottobre, INPS su pagamento pensioni al 10.  I sindacati chiedono comunque un confronto con Renzi

 

Pagamenti INPS al 10: da quando e quali sono?

Quali pagamenti INPS slittano al 10 del mese? Secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2015, lo slittamento dall'1 al 10 del mese riguarderebbe tutti i pagamenti erogati dall'INPS, quindi:

  • Assegno pensione
  • Indennità di disoccupazione, ASpI e la futura NASPI.
  • Indennità di cassa integrazione e mobilità.
  • Assegno di accompagnamento per gli invalidi civili.
  • Rendite vitalizie.

Da quando scatta la norma? Il pagamento al 10 del mese scatterebbe proprio a partire dal 1° gennaio 2015 quando gli assegni pensione e indennità e quello per gli invalidi civili sarà erogato dall'INPS al 10 gennaio 2015 che guarda caso cade di sabato e quindi slitta direttamente al lunedì successivo 12 gennaio.

 

Perché il Governo vuole pagare al dieci la pensione?

Il Governo inserisce nel disegno Legge di Stabilità lo slittamento dei pagamenti erogati dell'INPS al 10 del mese, perché? L'obiettivo, almeno ufficialmente, è quello di razionalizzare e uniformare tutti i pagamenti delle prestazioni erogate dall'INPS. Ora però, ci si chiede perché allora non uniformarli tutti al primo del mese anziché spostarli al 10 e creare difficoltà a chi percepisce indennità e assegni di accompagnamento e pensioni. 

Questa novità, è già stata molto contestata dai sindacati dei pensionati e anche dal segretario della CGIL Susanna Camusso che ospite di Floris nella trasmissione "Di martedì", interpellata a tal proposito dal conduttore, risponde che spostare il pagamento delle pensioni e indennità al 10 del mese è "puro accanimento da parte del Governo" perché spiega, dietro a questo slittamento non c'è una ragione valida, nel senso che pagare al 10 del mese anziché al primo tutti i pagamenti non si traduce in chissà quale risparmio per lo Stato. Dello stesso parere anche i Segretari generali di Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil che in un comunicato, dicono "Il Governo non ha previsto per loro alcun tipo di aiuto e di sostegno ma ha pensato a come complicargli ulteriormente la vita. E' semplicemente inaccettabile". 

Dalla parte dei pensionati e dei giovani già fortemente provati dalla crisi occupazionale, si sono schierate anche le associazioni dei consumatori considerando la norma come "un vero e proprio sopruso nei confronti dei pensionati, che sono stati tra le fasce più colpite dalla crisi economica". Il presidente di Federconsumatori Elio Lannuti e il presidente di Adusbef , Rosario Trefiletti, affermano in una nota che spostare i pagamenti oltre che essere una danno per i pensionati è un danno a tutta l'economia dal momento che, come spesso accade sono proprio i nonni a dare supporto economico alle famiglie impoverite dalla crisi. 

 

Legge Stabilità 2015: pensioni e indennità slitta pagamento?

Legge di stabilità 2015 pensioni pagate al 10: Il pagamento pensioni e indennità INPS, ex Inpdap pagate al 10 del mese anziché il 1°, è un'iniziativa che il Governo Renzi ha inserito nel testo Legge di Stabilità 2015. La norma prevede infatti che "i trattamenti pensionistici, gli assegni, le pensioni e le indennità di accompagnamento erogate dagli invalidi civili, nonché le rendite vitalizie dell'istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro sono poste in pagamento il giorno 10 di ciascun mese". Il pagamento slitta al giorno successivo se il 10 del mese è "festivo o non bancabile". Inoltre, sempre dal testo della Ddl di Stabilità, si legge dell'inasprimento delle regole in caso di decesso del pensionato al fine di evitare le frodi nei confronti dell'INPS, prevedendo quindi l'obbligo di inviare per via telematica, il certificato di morte da parte del medico che accerta il decesso e l'obbligo della banca di restituire eventuali importi già accreditati e non spettanti.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti