EconomiaWeb

Numerazione progressiva fatture emesse 2014 come e esempi fatturazione

Numerazione progressiva fatture emesse 2014 come e esempi fatturazione

Numerazione progressiva fatture emesse dal 1 gennaio 2014 Agenzia delle Entrate, quali tipi fatturazioni sono ammesse, esempi, fattura senza azzeramento

Numerazione progressiva fatture emesse 2014 come e esempi fatturazione

Per la numerazione progressiva delle fatture emesse 2014 non ci sono più limiti, infatti, con Risoluzione n.1/E del 10 gennaio l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la numerazione in ordine progressivo delle fatture non è più obbligatoria, l’importante è che sia mantenuta la condizione di garanzia dell’identificazione univoca della fattura stessa. 

 

Numerazione progressiva fatture emesse 2014:

L’articolo 1, comma 325, lettera d), della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha modificato le disposizioni contenute nell’articolo 21, comma 2, lettera b), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, prevedendo che la fattura per le operazione effettuate a partire dal 1 gennaio 2013, debbano contenere un numero progressivo che la identifichi in modo univoco”.

Pertanto, in base alla nuova disposizione della Legge di Stabilità 2013, non sussiste più l’obbligo di numerare le fatture “in ordine progressivo per anno solare”, fermo restando la condizione di identificazione univoca della fattura emessa.

Tale modifica, fa seguito alla Direttiva Europea 2006/112/CE del Consiglio del 28 novembre 2006, come modificata dalla direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, resa necessaria per uniformare la disciplina comunitaria in materia di fatturazione in quanto la Commissione europea aveva rilevato come la normativa italiana, imponendo ai soggetti passivi di ricominciare ogni anno una nuova serie di numeri sequenziali, introduceva un ulteriore adempimento a carico dei soggetti passivi non richiesto dall’articolo 226 della suddetta direttiva. 

  

Come fare la numerazione fatture emesse dal 1° gennaio 2014:

Con l’introduzione della nuova normativa della numerazione progressiva delle fatture emessa a partire dal primo gennaio 2014, non è più obbligatoria ma rimane compatibile la numerazione progressiva nell’anno solare tale da garantire l’identificazione univoca della fattura. Ciò significa che a partire da tale data, i soggetti passivi d’Iva possono adottare una numerazione delle fatture in modo tale da non dover necessariamente ripartire da 1 ogni anno, utilizzando una numerazione progressiva ininterrotta per tutti gli anni solari di attività del contribuente, fino alla cessazione dell’attività stessa.

La numerazione progressiva dal 1° gennaio 2014, può pertanto iniziare anche dal numero successivo a quello dell’ultima fattura emessa nel 2013, l’importante è che sia garantita l’identificazione in modo univoco della fattura, malgrado la numerazione non inizi da 1.

In base ai chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, quindi i soggetti passivi d’IVA possono adottare 2 tipologie di numerazione progressiva per le fatture emesse a partire dal 2013: 

  • Primo Tipo di Fatturazione Progressiva: il soggetto passivo d’IVA non azzera il numero della fattura all’inizio dell’anno e prosegue con la nuova numerazione iniziando dal primo gennaio 2013 con il numero 1, cioè prosegue progressivamente la numerazione del 2012 per tutta la vita dell’impresa. Per i contribuenti che scelgono di optare per questo tipo di numerazione progressiva senza azzeramento all’inizio di ciascun anno solare , dovranno procedere dal numero 1 – ovvero dal numero x+1 fino all’infinito, senza necessità di specificare il riferimento all’anno, a serie alfanumeriche ecc, in quanto “di per sé, idonea ad identificare in modo univoco la fattura, in considerazione della irripetibilità del numero di volta in volta attribuito al documento fiscale”.  

  • Secondo Tipo di Fatturazione Progressiva: il contribuente mantiene il sistema di numerazione progressiva per anno solare, in quanto l’identificazione univoca della fattura è compatibile con quanto sancito dall’articolo 21 del Dpr 633/1972. In merito a questa tipologia di numerazione della fattura, con il cd. sistema di numerazione progressiva per anno solare, ovvero, con l’azzeramento all’inizio di ciascun anno, l’Agenzia delle Entrate ha specificato che il numero della prima fattura emessa per ciascun anno deve iniziare dal numero 1.

 

Numerazione progressiva fatturazione 2014 esempi:

La Risoluzione n.1/E dell’Agenzia delle Entrate in merito ai chiarimenti della nuova normativa sulla numerazione progressiva delle fatture che può avvenire dal primo gennaio 2013 seguendo il cd. sistema di numerazione progressiva per anno solare, ovvero, secondo la tipologia fino adesso vigente oppure senza azzerare la numerazione ad inizio anno e continuare in progressione pre tutta l’attività fino alla sua cessazione, in base a quanto stabilito dalla nuova normativa a seguito della direttiva europea, si conclude fornendo alcuni esempi utili a chiarire le 2 diverse tipologie di numerazione per le fatture emesse dal primo gennaio 2014, adottando la numerazione progressiva all’interno dell’anno solare, con azzeramento all’inizio di ciascun anno.

Esempi numerazione fatture emesse:

Fattura n. 1

Fattura n. 2

Fattura n. 3

oppure:

Fattura n. 1/2014 o n. 2014/1

Fattura n. 2/2014 o n. 2014/2

Fattura n. 3/2014 o n. 2014/3

Fattura n. 4/2014 o n. 2014/4

E’ importante sapere che il contribuente ha comunque l’opportunità di continuare ad adottare il sistema di numerazione progressiva per anno solare, in quanto l’identificazione univoca della fattura è, anche in tal caso, comunque garantita dalla contestuale presenza nel documento della data che, in base alla lettera a) del citato articolo 21, costituisce un elemento obbligatorio della fattura. 

 

Numerazione progressiva fatture emesse il 1° gennaio 2014 senza azzeramento:

La numerazione progressiva fatture emessa a partire dal 1 gennaio 2014, il contribuente non deve azzerare il numero della fattura all’inizio dell’anno ma deve proseguire la nuova numerazione iniziando con il numero 1, ovvero, proseguendo progressivamente la numerazione del 2012 per tutta la vita dell’impresa.

Esempio: se l’ultima fattura del 2013 ha il numero x, la prima fattura del 2014 può avere il numero x +1. 

Per i contribuenti che scelgono di optare per questo tipo di numerazione progressiva senza azzeramento all’inizio di ciascun anno solare, dovranno procedere dal numero 1 – ovvero dal numero x+1 fino all’infinito, senza necessità di specificare il riferimento all’anno, a serie alfanumeriche ecc, in quanto “di per sé, idonea ad identificare in modo univoco la fattura, in considerazione della irripetibilità del numero di volta in volta attribuito al documento fiscale”.

 

Aggiornato il 23 dicembre 2013 13:10

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento
Nome (richiesto)
E-Mail (richiesto, non verrà visualizzata)
Sito Web (opzionale)
Commenti Codice Captcha