Quando si fa la domanda di disoccupazione? Dove e come si richiede?

Come si fa la domanda di disoccupazione NASpI 2017? Quando si deve presentare la richiesta all'INPS? Ecco tutte le istruzioni, il modulo e la scadenza

Stampa

La domanda di disoccupazione NASpI, è la modalità attraverso la quale i lavoratori che hanno perso involontariamente il proprio lavoro, possono fare richiesta all’INPS al fine di ottenere il riconoscimento dell’indennità di disoccupazione quale contributo a sostegno del loro reddito.

Come tutti ricorderete, prima dell’entrata in vigore del Jobs Act, come indennità di disoccupazione c’erano in Italia 2 prestazioni l’ASpI, ossia, la disoccupazione con i requisiti ordinari e la mini-ASpI, la disoccupazione con i requisiti ridotti, entrambe sostituite dal nuovo sussidio universale di disoccupazione chiamato: NASpI, Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego.

Per effetto dei decreti attuativi della riforma del lavoro e degli ammortizzatori sociali, a decorrere dal 1° maggio 2015, per gli eventi di licenziamento occorsi ai lavoratori dipendenti e assimilati, apprendisti spetta la nuova indennità NASpI da richiedere direttamente all'Inps, secondo le modalità e gli obblighi previsti dalla normativa di riferimento.

 

Quando si fa la domanda di disoccupazione?

Quando si fa la domanda di disoccupazione? Affinché l'INPS possa riconoscere al lavoratore il beneficio dell'indennità di disoccupazione, l'interessato, deve presentare la domanda entro una determinata scadenza.

I termini di presentazione della domanda NASpI 2017, pena la decadenza, sono di 68 giorni.

Il calcolo dei 68 giorni parte da:

  • dalla data di cessazione del contratto di lavoro, quindi dal giorno del licenziamento. Nel caso in cui nel corso dei 68 giorni si verifichi: a) un evento di maternità indennizzabile, il termine è sospeso per un periodo pari alla durata dell’evento e riprende a partire al termine dello stesso per la parte residua; b) una malattia indennizzabile o un infortunio sul lavoro/malattia professionale indennizzabile dall’INAIL, il termine dei 68 giorni rimane sospeso per la durata dell’evento;
  • dalla data di cessazione del periodo di maternità indennizzato, quando questo sia insorto nel corso del rapporto di lavoro successivamente cessato;
  • dalla data di cessazione del periodo di malattia indennizzato o di infortunio/malattia professionale, quando questi siano insorti nel corso del rapporto di lavoro successivamente cessato;
  • dalla data di definizione della vertenza sindacale o dalla data di notifica della sentenza giudiziaria;
  • dalla data di fine del periodo corrispondente all’indennità di mancato preavviso ragguagliato a giornate;
  • dal 30° giorno successivo alla data di cessazione per il licenziamento per giusta causa.

 

Come e dove si fa la domanda di disoccupazione all'Inps?

Ecco le istruzioni su come richiedere il sussidio universale di disoccupazione NASpI: guida utile per tutte le persone che hanno perso il lavoro involontariamente nel corso del 2017.

Disoccupazione NASpI come si richiede all'Inps? I lavoratori che hanno perso il lavoro e sono in possesso dei requisiti NASpI, per presentare la domanda di disoccupazione NASpI 2017, devono procedere alla compilazione dell'apposito modulo domanda NASpI 2017, il quale può essere scaricato gratis all'indirizzo sopra riportato o dal sito Inps, in questo ultimo caso, l'esatta denominazione del modulo di domanda NASpI 2017 fac simile, è modello SR156

Ai fini di riconoscimento dell'indennità di disoccupazione, i lavoratori devono quindi inviare la domanda NASpI per via telematica all'INPS, e per farlo hanno 3 modalità:

  1. Presentare la domanda direttamente da soli: ma per farlo devono essere in possesso del PIN dispositivo INPS, e poi accedere al sito www.inps.it,
  2. Presentare la domanda tramite patronato - CAF ricordando che l'assistenza è gratuita;
  3. Chiamare il Contact Center INPS INAIL, al numero gratuito 803164 per chi chiama da fisso o il numero 06164164 da telefono cellulare.

Per maggiori informazioni su fac simile domanda disoccupazione Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego, vedi NASpI 2017 domanda di disoccupazione INPS.

 

Chi sono i beneficiari?

Chi può richiedere la disoccupazione 2017?

I lavoratori che in base alla normativa vigente, possono presentare domanda perché hanno diritto alla NASpI 2017 sono coloro che hanno perso involontariamente il lavoro, ivi compresa la giusta causa, fatta eccezione di chi si dimette volontariamente.

Chi può richiedere la disoccupazione NASpI 2017? Il sussidio universale spetta ai seguenti lavoratori:

Dipendenti e assimilati;

Apprendisti;

Soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato;

Personale artistico con rapporto di lavoro subordinato;

Dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni.

 

Chi non fare domanda?

Non possono richiedere la disoccupazione, in quanto esclusi dal beneficio della NASpI 2017 i seguenti lavoratori:

  • Dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni;
  • Operai agricoli a tempo determinato e indeterminato;
  • Lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per i quali resta confermata la specifica normativa.
  • Collaboratori, i quali però possono richiedere l'apposita indennità di disoccupazione Dis-coll 2017.

 

Quali sono i requisiti per avere la disoccupazione Inps?

L’indennità di disoccupazione si può ottenere solo quando:

  • il lavoratore perde il lavoro involontariamente, e quindi non a seguito di dimissioni volontarie;
  • il lavoratore si dimette per giusta causa;
  • il lavoratore è in possesso di tutti i requisiti disoccupazione Inps, ossia:
    • Stato di disoccupazione involontario ai sensi dell’articolo 1 , comma 2, lettera c), del decreto legislativo 21 aprile 2000, n .181, e successive modificazioni. Per informazioni su come ottenere il riconoscimento dello status di disoccupazione, utile ai fini NASpI, leggi la nostra guida aggiornata sullo statuo di disoccupato.
    • Requisito contributivo: almeno 13 settimane di contributi versati nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;
    • Requisito lavorativo: almeno 30 giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione.
  • Ha presentato al Centro per l'Impiego o all'INPS, la DID, dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro NASpI ed ha sottoscritto il cd. Patto di servizio personalizzato NASpI, la cui sottoscrizione e perseguimento degli obblighi in esso contenuti, sono fattore determinante sia per il riconoscimento dell'indennità che per il mantenimento del diritto.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili