Rottamazione cartelle 2017 domanda modulo documenti condono Equitalia

Rottamazione cartelle modulo domanda definizione agevolata Condono Equitalia 2017 come funziona sanatoria come fare la richiesta requisiti condizioni regole

Commenti 0Stampa

Rottamazione cartelle Equitalia 2017 modulo domanda, al via la rottamazione delle cartelle esattoriali di tributi omessi, come previsto dal decreto fiscale collegato alla nuova legge di Stabilità 2017, il cui testo è stato firmato dal presidente della Repubblica, Mattarella, pubblicato in Gazzetta Ufficiale e modificato da alcuni emendamenti all'esame del testo da parte delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera

Tante le ultime notizie sul condono Equitalia 2017, che come dice Renzi, non è un condono, ma una sanatoria parziale che mette fine agli interessi esagerati delle cartelle, chiamata rottamazione dei ruoli, come ad esempio l'estensione della sanatoria anche alle multe stradali quindi per le violazioni al Codice della Strada, all’IVA sui consumi, con modalità diverse, possibilità di rateazione dell'importo condonato in 5 rate da pagare entro settembre 2018, etc.

Per aderire alla rottamazione, Equitalia, provvedrà a pubblicare il modulo domanda rottamazione cartelle per la definizione agevolata delle vecchie cartelle notificate, con molta probabilità, tra il 2000 ed il 2016, ivi comprese le multe stradali quelle dovute per altri tributi locali ma solo se il Comune delibera entro 30 giorni, l’operatività della norma e l’IVA sui consumi.

Vediamo come funziona la domanda condono cartelle 2017, quale modulo rottamazione cartelle Equitalia, bisogna usare per pagare a rate o in un’unica soluzione la cartella condonata e come comunicare la rinuncia a eventuali contenziosi, requisito e condizione imprescindibile, per accedere ed ottenere l'adesione agevolata debiti Equitalia.

Vuoi sapere quanto puoi risparmiare? Allora leggi: rottamazione cartelle Equitalia: calcola lo sconto.

 

Chi può fare domanda di condono cartelle Equitalia 2017? Beneficiari:

I beneficiari del condono Equitalia che possono presentare la domanda di adesione alla rottamazione dei ruoli Equitalia 2017 sono:

  • Tutti i contribuenti che hanno ricevuto una cartella di pagamento Equitalia per un debito iscritto a ruolo, probabilmente, per cui ancora da definire con certezza, tra il 2000 ed il 31 dicembre 2016;
  • Tutti coloro che hanno chiesto una rateizzazione di una cartella: ma il requisito fondamentale per aderire, è che bisogna risultare in regola con i versamenti delle rate che scadono tra il 1° ottobre ed il 31 dicembre 2016. In questo caso, l’Agente, provvede a ricalcolare l’importo della nuova cartella condonata, tenendo conto di quanto già versato come capitale, interessi legali, aggio e spese di rateazione e notifica della cartella.

    Se però, l’importo già versato, copre il debito ricalcolato secondo le condizioni della sanatoria Equitalia 2017, il contribuente non deve più nulla ad Equitalia, a patto però che presenti il modulo domanda di adesione alla rottamazione dei ruoli.

    Per chi, invece, ha già versato delle somme a Equitalia, non può richiedere il rimborso di sanzioni, interessi di rateizzazione, mora o somme aggiuntive, dovute sui contributi e premi previdenziali.

    Con l’importo ricalcolato della nuova cartella di pagamento, quindi in caso di adesione, con il primo pagamento o il versamento in un’unica soluzione, scatta in automatico la revoca dei piani di rateazione in corso.

Sono esclusi dal condono Equitalia 2017:

  • I contribuenti che hanno chiesto una rateizzazione della cartella se l’ultima rata scade entro la fine 2016.

 

Domanda rottamazione cartelle 2017: requisiti e condizioni adesione

I requisiti domanda condono Equitalia 2017:

1) Rinunciare a eventuali contenziosi in corso con Equitalia. La rinuncia, deve essere comunicata obbligatoriamente dal contribuente al momento della  presentazione del modello di adesione alla definizione agevolata, entro 90 giorni dall’entrata in vigore delle norme, cioè: invio domande dal 7 novembre 2016 fino al 31 marzo 2017.

2) Aver ricevuto una notifica di cartella di pagamento Equitalia tra il 2000 ed il 31 dicembre 2016;

3) In caso di rateizzazione in essere, l’ultima rata non deve scadere entro la fine del 2016. Se scade nel 2017, si può richiedere il ricalcolo dell’importo;

4) In caso di rateizzazione in essere oltre il 2017, occorre essere in regola con le rate che scadono tra il 1° ottobre ed il 31 dicembre 2016;

5) Per chi intende aderire alla sanatoria, deve inviare obbligatoriamente la domanda di adesione rottamazione dei ruoli, utilizzando il modulo ufficiale DA1 Equitalia.

6) In sede di adesione, il contribuente, deve indicare obbligatoriamente sul modulo, la scelta con cui desidera pagare l’importo ricalcolato della nuova cartella scontata, per cui se in un’unica soluzione o a rate.

7) Per chi sceglie di pagare a rate la cartella condonata, la condizione di adesione è che la dilazione deve essere in massimo 5 rate, è tenuto a versare con le prime rate del 2017, il 70% di quanto dovuto, e con le rate del 2018, precisamente entro il 30 settembre 2018, il rimanente 30%.

8) Dalla presentazione della richiesta di adesione alla definizione agevolata, vengono stoppati i tempi di prescrizione e decadenza ma anche quelli per le ''azioni esecutive'' del fisco, come ad esempio le ganasce fiscali - fermo amministrativo Equitaliapignoramento auto o il pignoramento immobiliare o mobiliare, mentre non si fermano i provvedimenti già scattati.

Condono e pignoramenti ultime notizie: Marcia indietro sulla norma che consente di estinguere i pignoramenti dei beni pagando la prima o unica rata delle somme dovute per la rottamazione delle cartelle esattoriali. La modifica al decreto legge fiscale approvata nelle scorse ore dalle commissioni Bilancio e Finanze della Camera è stata cancellata. Il decreto nel testo originale prevedeva solo la sospensione e non l'estinzione dei pignoramenti.

 

Condono Equitalia 2017 multe stradali, bollo auto, IVA: come funziona la sanatoria?

Il condono Equitalia 2017 multe, è la possibilità per i cittadini di aderire alla rottamazione cartelle Equitalia grazie alla nuova sanatoria prevista dal decreto fiscale collegato alla Legge di Stabilità 2017

Secondo le ultime indicazioni, è possibile fruire anche del condono multe stradali, con la possibilità di definire chiudere le cartelle di multe stradali non pagate. 

In questo caso però, la sanatoria multe Equitalia è solo sugli interessi, perché la sanzione applicata sulle multe è di per sé già una sanzione amministrativa per violazione del codice della strada, ed è per questo motivo che il beneficio è limitato agli interessi, oppure, alle maggiorazioni previste in questo caso per il tardato pagamento dalla legge di depenalizzazione del 1981.

I cittadini, pertanto, che hanno ricevuto una cartella di una multa stradale non pagata, possono accedere al condono Equitalia 2017. 

Condono Equitalia 2017 IVA sui consumi funziona allo stesso modo, per chi ha ricevuto la notifica di una cartella di pagamento Equitalia per l’IVA sui consumi mentre è esclusa dalla rottamazione, l’Iva all'importazione, e le somme dovute a titolo di recupero di ''aiuti di stato’’, ossia, le multe Ue e su quelle derivanti da pronunce di condanna della Corte dei conti. 

La rottamazione cartelle, non si applica neanche alle multe, alle ammende e alle sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti o sentenze penali di condanna, si applica, invece, ai bolli, vedi a tale proposito: condono Equitalia rottamazione cartelle bollo auto e superbollo.

 

Rottamazione cartelle 2017 modulo domanda condono Equitalia e documenti:

Modulo domanda rottamazione cartelle Equitalia 2017: Per aderire alla nuova sanatoria, il contribuente deve attendere la pubblicazione del modulo domanda di adesione rottamazione dei ruoli Equitalia, compilarlo e spedirlo entro il 31 marzo 2017. 

Il nuovo modulo rottamazione cartelle è stato pubblicato sul sito Equitalia:

Come di presenta la domanda e documenti da allegare:

La dichiarazione di adesione alla definizione agevolata - condono Equitalia 2017 può essere presentata in due modi:

  1. presso gli Sportelli dell’Agente della riscossione utilizzando il modulo DA1;
  2. alla casella e-mail/PEC della Direzione Regionale di Equitalia Servizi di riscossione di riferimento, inviando il modulo DA1, debitamente compilato in ogni sua parte, allegando la copia del documento di identità.

Equitalia Servizi di riscossione comunicherà al contribuente entro il 31 maggio 2017 (180 giorni dopo la pubblicazione del DL sulla Gazzetta Ufficiale) l’ammontare complessivo delle somme dovute e gli invierà i bollettini di pagamento.

Come si compila il modulo? In sede di compilazione del modulo domanda condono Equitalia rottamazione cartelle, il contribuente oltre che indicare i propri dati deve anche scegliere la modalità con cui intende pagare la nuova cartella scontata, se in un’unica soluzione o a rate. Per maggiori informazioni leggi la nostra guida su come compilare il modulo DA1.

Entro 6 mesi dalla pubblicazione del decreto, poi, Equitalia, comunicherà a chi ha aderito alla rottamazione cartelle 2017, l’importo della nuova cartella condonata o delle singole rate, con la data di scadenza di ciascuna. 

Le modalità con cui pagare la cartella condonata sono:

  1. Con bollettini precompilati;
  2. Con domiciliazione bancaria, sul conto della banca;
  3. Con pagamento diretto agli sportelli del concessionario della riscossione.

Per chi sceglie di pagare mediante la rateizzazione, è possibile pagare l'importo condonato in un massimo di 5 rate e su ognuna, saranno calcolati gli interessi. 

Il 70% dell'importo dovuto, inoltre, dovrà essere obbligatoriamente versato entro il 31 dicembre 2017 ed il 30% con l’ultima e quinta rata, entro il 30 settembre 2018. 

Per chi richiede l’adesione tramite il modulo domanda ufficiale, ma poi non paga o paga le rate in ritardo o in modo insufficiente, Equitalia, fa decadere immediatamente il beneficio della rottamazione e fa riprendere il conteggio delle sanzioni e degli interessi delle vecchie cartelle.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti