EconomiaWeb

Modello F24 Compilabile IMU 2013: Editabile, scrivibile da stampare

Modello F24 Compilabile IMU 2013: Editabile, scrivibile da stampare

Il Modello F24 compilabile Imu 2013 consente di compilare i dati contribuente, immobili e codici tributo direttamente sul computer e può essere stampato

Modello F24 Compilabile IMU 2013: Editabile, scrivibile da stampare

Il modello F24 Agenzia delle Entrate Editabile, Compilabile e Scrivibile è la versione gratuita disponibile online del nuovo modello cartaceo F24 che consente ai contribuenti di pagare gli acconti e il saldo IMU 2013.

In generale, il modello F24 anche detto "Modello di pagamento unificato”, consente di pagare in un’unica operazione, le somme dovute al Fisco non solo per l’IMU ma anche di altri tributi come Irap, Irpef, IVA ecc, di compensare il versamento con eventuali crediti, di versare eventuali Sanzioni e interessi di mora in caso di omissione nelle comunicazioni e dichiarazioni obbligatorie oppure di sanare tramite l’istituto del ravvedimento operoso sprint, breve e lungo, la propria posizione con il Fisco in caso di dimenticanze, ritardati pagamenti ed errori.

E’ bene precisare, che i soli contribuenti titolari di partita Iva, hanno l’obbligo di utilizzare il modello F24 nella sola modalità telematica, anche tramite intermediari nella fattispecie di commercialisti, professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc. mentre i contribuenti privati possono utilizzare e pagare il modello nel formato cartaceo e/o in modalità telematica se registrati 

 

 

Modello F24 Compilabile IMU 2013: editabile

La versione digitale del Nuovo Modello F24 consente ai contribuenti di poter innanzitutto scaricare il modello direttamente sul proprio PC e procedere quindi alla compilazione dei dati personali, dei codici tributi e di pagamento in riferimento agli immobili posseduti; una volta compilato, il modello può essere poi salvato o modificato e infine stampato, pronto per essere pagato fisicamente presso gli uffici preposti al versamento dell’imposta IMU ossia in Banca, in Posta o presso l’Agenzia di Riscossione, oppure, via internet mediante il servizio home banking presso le Banche convenzionate al servizio.

 

Il Nuovo Modello F24 2013 compilabile scrivibile IMU consente pertanto di:

  • compilare online le sezioni del modello F24 in quanto è un modello in bianco che può essere compilato con i propri dati, codici tributo, Codice Comune e tipologia di Immobile assoggettato all’IMU, e pagare la somma dovuta per acconti e saldo imposta mediante il servizio internet banking delle banche o della Posta abilitate al servizio.

  • Scaricare, modificare, salvare e stampare il modello F24 per poi pagare le somme dovute per l’IMU presso gli enti preposti alla riscossione

  

 

Modello F24 Compilabile IMU 2013: download Gratis

Il Nuovo Modello F24 Agenzia delle Entrate, ossia, la versione compilabile, scrivibile e salvabile online e da stampare è disponibile gratuitamente per tutti i contribuenti per consentire il pagamento delle somme dovuto per acconti e saldo IMU 2013. Modello F24 Editabile Compilabile

 

  

Modello F24 IMU 2013: Agenzia delle Entrate

La versione del nuovo Modello F24 IMU 2013 è scaricabile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate, si ricorda che il download è totalmente gratuito sia nel formato del modello in pdf, editabile che semplificato.

Con i seguenti link, è possibile scaricare il modello F24 Ordinario con allegate le istruzioni per la compilazione dei dati, codici tributo e calcolo e indicazione delle somme dovute.

 

 

 

Modello F24 accise Compilabile IMU 2013: 

Il nuovo modello f24 accise è stato approvato con il Prot. n. 2012/53906 dall’Agenzia delle Entrate che è intervenuta a modificare i modelli di versamento “F24” e “F24 Accise”, per consentire il versamento dell’IMU da parte dei contribuenti interessati dall’imposta.

Si ricorda che, l’obbligo da parte dei contribuenti di utilizzare il nuovo modello “F24” cartaceo è differito alla data del 1° giugno 2013, ferma restando la possibilità di utilizzare il nuovo modello cartaceo, disponibile sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate:

 


Modello F24 Semplificato Compilabile IMU 2013:

Il Modello F24 Semplificato 2013 è una nuova versione del modello F24 più semplice e intuitivo rispetto al modello f24 ordinario, introdotto dall’Agenzia delle Entrate per facilitare i contribuenti nella compilazione delle sezioni del modello per pagare l’IMU. Il modello è disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia in formato pdf ma è anche scaricabile in versione editabile, scrivibile e compilabile.

Con il modello F24 Semplificato IMU 2013, compilato online o a penna nel formato cartaceo, può essere presentato presso gli sportelli degli agenti della riscossione, delle banche convenzionate e degli uffici postali per procedere al pagamento delle somme dovute dal contribuente per gli acconti e saldo IMU 2013, al pari del modello f24 ordinario. 

Il nuovo modello di versamento facilitato modello F24 semplificato è utilizzabile a partire dal 1° giugno 2012:

 

 

Modello F24 IMU 2013: Dove e come si paga?

1) Contribuenti Privati:

  • Dove: I Contribuenti non titolari di partita Iva non sono obbligati al pagamento in via telematica, pertanto possono procedere la pagamento delle somme dovute per acconti e saldo IMU 2013, presentando il modello f24 debitamente compilato presso:

    • Banche

    • Uffici Postali

    • Qualsiasi sportello degli agenti della riscossione

  • Come:Le imposte dovute per l’IMU vanno pagate dai contribuenti presentando il Modello F24 compilato e pagando nelle seguenti modalità:

    • in contanti, oppure:

    • assegni bancari e circolari: presso le Banche

    • assegni bancari e circolari e/o vaglia cambiari: presso gli agenti della riscossione

    • Bancomat: presso gli sportelli bancari e degli agenti della riscossione dotati di terminali elettronici idonei

    • assegni postali, assegni bancari su piazza, assegni circolari, vaglia postali, o carta Postamat: presso tutti gli uffici postali 

  • Via Internet: I contribuenti privati, possono scegliere in modo facoltativo di inviare e pagare il modello F24 IMU 2013 per via telematica, utilizzando il software gratuito messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate. Per utilizzare il software "F24 online" e pagare per via telematica le imposte dovute, senza doversi quindi recare presso gli sportelli bancari, occorre essere registrati ai servizi telematici dell’Agenzia (Entratel o Fisconline) ed essere titolari di un conto corrente presso una delle banche che hanno stipulato con l’Agenzia delle Entrate un’apposita convenzione.

  

2) Contribuenti titolari di partita Iva:

  • Come e Dove: I contribuenti titolari di partita Iva hanno l’obbligo di effettuare i versamenti fiscali e previdenziali esclusivamente per via telematica tramite modello F24, pertanto, anche il pagamento dell’IMU deve seguire le stesse modalità di versamento online mediante i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate:

    • F24 Online: il software "F24 online" consente alle persone fisiche e alle società di compilare il modello F24 ed eseguire il pagamento online delle imposte senza doversi recare presso gli sportelli bancari. Per poter effettuare i pagamenti F24 online occorre essere registrati ai servizi telematici dell’Agenzia (Entratel o Fisconline) ed essere titolari di un conto corrente presso una delle banche che hanno stipulato con l’Agenzia delle Entrate un’apposita convenzione.

    • F24 Web: il servizio "F24 Web" permette ai contribuenti di compilare e trasmettere il modello di versamento F24 direttamente online senza dover scaricare il software di compilazione e invio. Il servizio è gratuito ed è riservato ai soli contribuenti in possesso delle credenziali di accesso ai servizi telematici Entratel e Fisconline dell’Agenzia delle Entrate. Il pagamento dell’IMU o di altre imposte avviene mediante "ordine di addebito" a beneficio dell’Agenzia sul conto corrente bancario o postale del contribuente.

    • F24 Cumulativo: può essere utilizzato per il pagamento dell’F24 telematico, solo dagli intermediari di cui all’art.3, comma 3, del D.P.R. n. 322 del 1998, abilitati al Servizio Entratel che effettuano il versamento a nome e per conto dei propri clienti previa adesione alla convenzione. 

  • Direttamente dal contribuente:

    • Con il servizio telematico (Entratel o Fisconline).

    • Con i servizi di home banking delle banche e di Poste Italiane, o i servizi di remote banking (Cbi) offerti dal sistema bancario.

  • Tramite gli intermediari abilitati:

    • che aderiscono a una specifica convenzione con l’Agenzia delle Entrate e utilizzano il software fornito loro gratuitamente dall’Amministrazione.

    • che si avvalgono dei servizi online offerti dalle banche e da Poste Italiane.

 

 

Modello F24 IMU 2013: come si compila?

Il modello F24, a prescindere dal formato utilizzato dal contribuente, ossia, nella versione cartacea ordinaria, online editabile, semplificata o accise, per poter essere accettato per il pagamento dell’IMU 2013 acconti e saldo, o qualsiasi altro tributo, deve essere compilato autonomamente dal contribuente che ha la facoltà di rivolgersi a Caf, Patronati e associazioni di categoria, commercialisti per la compilazione del modello f24, ovviamente dietro corrispettivo.

Nello specifico, il Modello F24 IMU 2013 è diviso in "Sezioni" in ciascuna delle quali sono presenti dei campi che il contribuente deve compilare, per esempio
pagare le imposte comunali (addizionale comunale, Imu, Ici, Tarsu/Tari e Tosap/Cosap) si deve compilare la parte riservata all’Imu e altri tributi locali, nella fattispecie vanno compilati i campi principali relativi a:

  • Contribuente: indicare codice fiscale, i dati anagrafici e il domicilio fiscale.

  • Coobbligato: va compilato in caso di versamento e dichiarazione a nome degli eredi della persona defunta. In questo caso indicare il codice fiscale dell’erede, genitore, tutore o curatore fallimentare con il relativo codice identificativo.

  • Codici tributo: qui vanno indicati i codici tributo che si riferiscono alla tipologia d’imposta da pagare.

  • Anno/periodo di riferimento: va indicato l’anno d’imposta, pertanto se si riferisce al primo, secondo acconto o saldo IMU 2013 va scritto 2013 in formato a 4 cifre. I contribuenti il cui periodo d’imposta non coincide con l’anno solare devono barrare l’apposita casella posta nella sezione Contribuente e indicare nella colonna "anno di riferimento" il primo dei due anni solari interessati.

  • Imu e altri tributi locali: per l’addizionale comunale all’Irpef, oltre al codice tributo e all’anno di riferimento, se si riferisce a versamenti relativi a comuni delle regioni Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta e nelle province autonome di Trento e di Bolzano andranno utilizzati gli specifici "codici enti".

  

 

IMU 2013 Modello F24 e Codici Tributo:

Il versamento dell’IMU per l’anno 2013 funziona come per l’anno 2012 con l’unica differenza che da quest’anno l’imposta dovuta dai contribuenti andrà interamente ai Comuni e non più allo Stato. Pertanto, la quota Stato sul modello F24 non va indicata per l’Abitazione Principale e Fabbricati per Uso Strumentale, mentre per i Terreni, Aree fabbricabili e Altri Fabbricati diversi dall’abitazione principale, va indicato il codice tributo a favore delle Stato.


Nel modello F24 vanno indicati i seguenti Codici Tributo Imu 2013:

Tipologia Immobile

a favore del Comune

a favore dello Stato

ABITAZIONE PRINCIPALE

3912

 

FABBRICATI AD USO STRUMENTALE

3913

 

TERRENI

3914

3915

AREE FABBRICABILI

3916

3917

ALTRI FABBRICATI

3918

3919

La casella "detrazione" conterrà sia la detrazione base pari a € 200,00 che quella aggiuntiva di € 50,00 per ogni figlio di età non superiore a 26 anni convivente con il contribuente.

 

 

Modello F24 Compilabile IMU 2013: scadenze acconto e saldo

Le scadenze fissate per il pagamento dell’IMU 2013 e la misura per l’Acconto, Seconda e Terza Rata e Saldo IMU, sono:

  • Primo Acconto IMU 2013 entro il 17 giugno 2013: i contribuenti interessati dal pagamento dell’IMU devono versare il primo Acconto pari al 50% dell’imposta dovuta o il 33% se il pagamento avviene in tre rate ma solo per le abitazioni principali e relative pertinenze.
  • Secondo Acconto IMU 2013 entro il 16 settembre 2013: Seconda rata per le abitazioni principali e relative pertinenze pari al 33% dell’imposta dovuta.
  • Saldo IMU 2013 entro il 16 dicembre 2013: Saldo pari alla differenza tra l’imposta annuale e l’acconto e/o la seconda rata già versata in settembre.

 

 

Modello F24 Imu 2013 e Ravvedimento operoso:

Il Contribuente che per dimenticanza o per errore non ha pagato l’acconto e saldo IMU 2013 o si accorge che in ritardo oltre la scadenza di giugno e dicembre, può ricorrere al Ravvedimento Operoso per non incorrere alle sanzioni amministrative previste per chi omette completamente la dichiarazione e il pagamento dell’IMU o li effettua in ritardo. In altre parole, il ravvedimento permette al contribuente che non ha pagato l’IMU o l’ha fatto in ritardo, di sanare la sua posizione con il Fisco acconsentendo di versare contestualmente mediante modello F24, il tributo, sanzione ridotta applicabile in percentuale diversa base ai giorni di ritardo e agli interessi di mora calcolati su ogni giorno di ritardo in base al tasso legale corrente.

La Legge, ha previsto 3 tipi di ravvedimento operoso: Sprint, Breve e Lungo a seconda dei giorni di ritardo in cui viene effettuato il pagamento, ciò consente al contribuente di sanare la sua posizione senza incorrere alla sanzione piena pari al 30% dell’imposta dovuta elevabile in caso di accertamento della violazione da parte del’Amministrazione Finanziaria.

Le 3 tipologie di ravvedimento non sono altro che 3 tipi di sanzioni ridotte che vengono applicate in diversa percentuale in base alla data in cui il contribuente effettua il pagamento, che sono pari allo 0,2%, 3,00% e 3,75%.

  • Sprint: qualora il pagamento venga effettuato entro i primi 14 giorni, viene applicata una sanzione ridotta pari allo 0,2% per ciascun giorno di ritardo. Il contribuente per regolarizzare la sua posizione deve versare contestualmente, indicando i relativi codici tributo sul modello F24, l’importo totale della sanzione ridotta, gli interessi legali calcolati sul tasso legale annuale che dal 1° gennaio 2012 equivale al 2,5% da calcolare sul numero dei giorni di ritardo, più l’importo per il tributo dovuto.

  • Breve: pagamento dal 15° giorno ed entro il 30° giorno viene applicata una sanzione ridotta pari 3%. Il contribuente per regolarizzare la sua posizione deve versare contestualmente, indicando i relativi codici tributo sul modello F24, l’importo totale della sanzione ridotta, gli interessi legali calcolati sul tasso legale annuale che dal 1° gennaio 2012 equivale al 2,5% da calcolare sul numero dei giorni di ritardo, più l’importo per il tributo dovuto.  

  • Lungo: pagamento oltre il 31° giorno ma entro 1 anno dalla scadenza prevista per l’IMU 2013, in questo caso la sanzione ridotta da calcolare è pari al 3,75%. Il contribuente per regolarizzare la sua posizione deve versare contestualmente, indicando i relativi codici tributo sul modello F24, l’importo totale della sanzione ridotta, gli interessi legali calcolati sul tasso legale annuale che dal 1° gennaio 2012 equivale al 2,5% da calcolare sul numero dei giorni di ritardo, più l’importo per il tributo dovuto.

 

 

Siti e link di riferimento ufficiale per Modello F24 Compilabile IMU 2013:

Modello F24: Scheda Informativa Agenzia delle Entrate

Modello F24 Accise: Scheda Informativa Agenzia delle Entrate

Modello F24 Semplificato Imu: Scheda Informativa Agenzia delle Entrate

 

Aggiornato il 23 dicembre 2013 11:06

Ti è piaciuto questo articolo?
Forse ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento
Nome (richiesto)
E-Mail (richiesto, non verrà visualizzata)
Sito Web (opzionale)
Commenti Codice Captcha