Autocertificazione Durc 2017 modello Editabile Compilabile fac simile

Autocertificazione Durc 2017 modello Dichiarazione Sostitutiva della Documentazione Unica di Regolarità Contributiva per Lavori Privati e Pubblici

Commenti 0Stampa

Autocertificazione Durc 2017 che attesta la non commissioni di illeciti ai fini del rilascio della DOCUMENTAZIONE UNICA DI REGOLARITA’ CONTRIBUTIVA, per accedere ai benefici normativi e contributivi, a partire dal 15 aprile 2013 non dovrà più essere inviata per via telematica al Ministero del Lavoro ma alle Direzioni Territoriali del Lavoro (Dtl), questo è quanto stabilito dal Ministero del Lavoro con la Circolare n. 4839 del 10 aprile 2013.

L’autocertificazione Durc, pertanto, deve essere inviata per via telematica tramite PEC alla Dtl competente territorialmente in base all’ubicazione legale dell’impresa che richiede il il rilascio Durc, utilizzando l’apposito Modello di Autocertificazione da scaricare e compilare dal proprio pc e il cui file contenente la firma digitale del legale rappresentante, spedito via email.

Si ricorda, inoltre, che l’autocertificazione Durc non è ammessa per attestare la regolarità contributiva mentre è possibile autocertificare il versamento della contribuzione obbligatorie in quanto si riferisce all’attestazione degli Istituti e Casse Edili circa la correttezza della posizione contributiva.

 

Autocertificazione Durc Lavori:

In generale, il DURC pur rientrando nella categoria dei certificati, non può essere prodotto tramite dichiarazione sostitutiva in quanto non è considerabile "oggetto di sicura conoscenza" da parte del dichiarante, come accade, invece, per gli "elementi di fatto oggettivi riferiti alla persona".

Fatta eccezione, per i casi previsti dall’art. 4, comma 14-bis, della legge 12 luglio 2011 n. 106 “Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 13 maggio 2011 n. 70 concernente Semestre Europeo – Prime disposizioni urgenti per l’economia”, ovvero, la possibilità di utilizzare l’autocertificazione Durc: “Per i contratti di forniture e servizi fino a 20.000,00 euro stipulati con la pubblica amministrazione e con le società in house, i soggetti contraenti possono produrre una dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’art. 46, comma 1, lettera p), del Testo Unico di cui al D.P.R. 445/2000, in alternativa al documento di regolarità contributiva. Le amministrazioni procedenti sono tenute ad effettuare controlli periodici sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive”.

 

Nuovo DURC online 2017:

Il nuovo DURC online 2017 è la nuova procedura semplificata che consente alle aziende di richiedere il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) in tempo reale. Il rilascio della certificazione, ora può avvenire in pochissimi minuti utilizzando i sistemi informatici dell'INPS, INAIL e cassa edile, ed ha una validità di 120 giorni. 

Inoltre, non è più necessario richiedere un nuovo DURC in funzione della finalità per la quale lo stesso deve essere utilizzato e può essere utilizzato lo stesso DURC valido anche per altri soggetti, scaricando la certificazione onlie, direttamente da internet.

Vantaggi nuovo DURC online: 

1) Prima l'azienda che doveva richiedere il DURC, poteva aspettare anche 1 mese per vedersi rilasciato il documento, ora grazie alla dematerializzazione, il Documento di regolarità contributiva online, può essere rilasciata in tempo reale.

2) Nel caso in cui, risultino delle carenze contributive da parte dell'azienda, entro 72 ore il sistema comunica al richiedente le cause dell'irregolarità, se vengono risolte, il certificato viene rilasciato in pochi giorni.

Per accedere al servizio: DURC online INPS e DURC online INAIL. Per avvalersi della procedura telematica, l’utente deve essere in possesso di utenza e password/PIN.

 

Autocertificazione Durc Lavori Pubblici: limiti

La dichiarazione sostitutiva Durc, nell’ambito di Lavori Pubblici, è possibile utilizzare l’autocertificazione nei seguenti casi:

Contratti di forniture di importo netto fino a 20.000,00 Euro

Contratti di acquisizione di servizi di importo netto fino a 20.000,00

Per attestare la non commissioni di illeciti, ai fini del rilascio della DOCUMENTAZIONE UNICA DI REGOLARITA’ CONTRIBUTIVA, per accedere ai benefici normativi e contributivi

 

Autocertificazione Durc Lavori Privati: non è possibile

Con una nota n. 573/2012, Inail e Inps, di concerto con il Ministero del Lavoro, hanno provveduto a chiarire le novità circa la possibilità di autocertificazione del Durc introdotte dal Decreto sulle Semplificazioni, Legge di Stabilità  (L. n. 183/2011, art. 15, co. 1).

Nello specifico, è stata confermata la non ammissibilità dell’autocertificazione Durc per attestare la regolarità contributiva di un’impresa o ditta anche individuale mentre è possibile autocertificare il versamento della contribuzione obbligatorie in quanto si riferisce all’attestazione degli Istituti e Casse Edili circa la correttezza della posizione contributiva.

Pertanto nell’ambito di Lavori Edili Privati, il Durc non è autocertificabile ed è obbligatorio il suo rilascio da parte dell’amministrazione concedente prima dell’avvio dei lavori. 

 

Modello fac simile Autocertificazione pdf:

Il modello di Autocertificazione Durc 2016, ovvero, la Dichiarazione Sostitutiva di regolarità contributiva, in formato pdf è scricabile gratuitamente online. Tale versione va pertanto salvato e stampato dopodiché va compilato scannerizzato e inviato tramite PEC:

Dichiarazione sostitutiva di regolarità contributiva

Autocertificazione Durc Comune di Roma

Allegato per ditte aventi solo posizioni o INPS o INAIL

Autocertificazione Durc Liberi Professionisti, Lavoratori Autonomi

 

Modello Autocertificazione Durc 2017 Editabile e Compilabile:

Il Modello di Autocertificazione Durc 2017 Editabile è una versione che può essere scaricata gratis sul proprio pc, compilata direttamente online, stampata ed eventualmente modificata. Il file creato va poi firmato dal legale rappresentante mediante firma digitale e inviato alla Dtl competente per territorio tramite PEC:

Autocertificazione Durc Editabile e Compilabile

Dichiarazione sostitutiva di certificazione D.U.R.C. formato word

Autocertificazione Durc Ditta Individuale Senza dipendenti formato editabile

 

Aurtocertificazione Durc 2017 cos’è e come funziona?

L’Autocertificazione Durc da presentare tramite specifico modello, deve essere inviato via e mail a partire dal 15 aprile 2013 non più al Ministero del Lavoro bensì alla Dtl, Direzioni Territoriali del Lavoro.

Si ricorda che, la DTL territorialmente competente alla ricezione de modello auotocertificazione DURC tramite PEC, Posta Elettronica Certificata, è quella della sede legale dell’impresa interessata o, nel caso di aziende plurilocalizzate, quella della sede legale. Gli indirizzi delle caselle di posta elettronica delle singole DTL sono pubblicati sul sito del Ministero del Lavoro (www.lavoro.gov.it) sotto la voce “uffici territoriali”.

Importante: l’autocertificazione, necessaria ai fini del rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (Durc), può comunque essere trasmessa con le altre modalità indicate nella circolare del Ministero del Lavoro n. 34/2008: consegna personale presso la DTL competente, raccomandata con ricevuta di ritorno o via fax.

Al fine di rilascio del Durc online, l’interessato deve dichiarare mediante autocertificazione, l’inesistenza a suo carico di provvedimenti, amministrativi o giurisdizionali, definitivi in ordine alla commissione delle violazioni ed illeciti elencati nell’Allegato A:

  • Omicidio colposo a seguito di infortunio sul lavoro: periodo di non rilascio DURC per 24 mesi

  • Reati derivanti dalla rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro: 24 mesi

  • Lesione personale colposa a seguito di infortunio sul lavoro: 18 mesi

  • Contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro del datore di lavoro o dirigenti nei cantieri: 12 mesi

  • Contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro del datore di lavoro o dirigenti:12 mesi

  • Contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro del datore di lavoro o dirigenti nelle costruzioni: 12 mesi

  • Contravvenzioni in materia di igiene sul lavoro punite con l’arresto: richiesta rilascio DURC dopo 12 mesi

  • Contravvenzioni in materia di sicurezza sul lavoro:12 mesi

  • Sanzioni a datori di lavoro che hanno occupato lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno, scaduto, ecc: dopo 8 mesi

  • Sanzioni per occupazione di lavoratori in nero: Durc dopo 6 mesi

  • Violazioni in materia di riposo giornaliero e settimanale: DURC dopo 3 mesi

Ai fini del rilascio della documentazione Unica di regolarità Contributiva. Tale autocertificazione, utile per accedere ai benefici normativi e contributivi va presentata per i datori di lavoro, con specifico modello firmato dal legale rappresentante della società, da inviare alla Dtl territorialmente competente, una sola volta, fermo restando che ogni eventuale modifica di quanto dichiarato, dovrà essere tempestivamente comunicata al medesimo ufficio.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti