Voucher Inps lavoro accessorio 2017 limiti reddito a 7000 euro

Voucher Inps 2017 lavoro accessorio limite reddito 7000 euro in tutti i settori quali sono i requisiti come funziona per cassaintegrati mobilità disoccupati

Commenti 0Stampa

Il lavoro accessorio 2017 a seguito dell'entrata in vigore del decreto attuativo del Job Act. DL 15 giugno 2015 n.81 disciplina dei contratti di lavoro e revisione in tema di mansioni, è stato modificato in alcune disposizioni al fine di rendere le prestazioni di lavoro accessorio accessibili a tutti i settori e garantire la piena tracciabilità dei buoni lavoro INPS, Voucher lavoro accessorio.

Le novità lavoro accessorio introdotte dal DL 81/2015, decreto attuativo Jobs Act riguardano:

Voucher Inps nuovo limite reddito per il prestatore che aumenta fino a 7 mila euro in caso di una pluralità di committenti:

Possibilità di pagare con i voucher INPS anche chi è in cassa integrazione, mobilità o in disoccupazione o in altre prestazioni di sostegno al reddito;

Comunicazione preventiva obbligatoria da parte del committente;

Acquisto voucher per via telematica obbligatorio per committenti imprenditori o professionisti.

 

Lavoro accessorio 2017 cos'è e come funziona?

Cos'è il lavoro accessorio 2017? Il lavoro accessorio è una forma di lavoro atipica, ovvero, che non rientra nelle consuete forme contrattuali di lavoro subordinato, quindi da dipendente, e né di lavoro autonomo con partita IVA, ma come un insieme di prestazioni caratterizzate da un limite di reddito ben preciso e pagamento effettuato tramite voucher lavoro INPS. I quali però, non possono essere utilizzati da tutte le persone, ma solo da quelle autorizzate dalla legge a svolgere il lavoro accessorio ossia da: pensionati, studenti nei periodi di vacanza, percettori di indennità di disoccupazione NASPI, Cassa integrazione, mobilità, inoccupati, chi ha un contratto a tempo indeterminato full time o part time a patto che il lavoro accessorio non avvenga nei confronti dello stesso datore di lavoro, cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno. 

Come funziona il lavo accessorio? Quando il committente, azienda o imprenditore, ha bisogno di  personale per eseguire piccoli lavori, può utilizzare i voucher lavoro INPS, per far svolgere tali attività di lavoro a studenti, pensionati, cittadini extracomunitari, dipendenti ecc. Il pagamento della prestazione accessoria, viene pagata pertanto con i suddetti voucher, dal valore di 10 euro lordi che sono 7,50 euro per il lavoratore e 2,50 euro per INPS e INAIL. 

 

Voucher INPS 2017 cassaintegrati, mobilità e disoccupati

Possibilità di utilizzare i voucher INPS 2017 anche per chi percepisce indennità di cassa integrazione e sostegno al reddito: in questi casi, è possibile per tali soggetti prestare lavoro accessorio in tutti i settori compresi gli enti locali, nel limite di reddito massimo di 3000 euro netti, 4 mila euro lordi, all'anno, ossia, dal 1° gennaio al 31 dicembre, annualmente rivalutati dall'ISTAT.

 

Voucher lavoro accessorio 2017 limite reddito a 7000 euro:

Le novità introdotte dal Jobs Act nel lavoro accessorio sono entrate in vigore del Decreto 81/2015 e con la circolare INPS del 19 agosto 2015. Tali novità riguardano:

Voucher lavoro accessorio 2017 limite reddito: con l'entrata in vigore del decreto attuativo del Jobs Act, è stato aumentato il compenso massimo che il prestatore può ricevere dal committente. In base all'articolo 48 comma 1 del decreto legge 81/2015, infatti, il limite di reddito per i prestatori di lavoro accessorio è stato aumentato da 500 euro a 7000 euro netti pari a 9.333 euro lordi calcolati nel corso di un anno civile, ossia, dal 1° gennaio al 31 dicembre. 

Tale nuovo limite reddito voucher INPS a 7 mila euro, compenso rivalutabile ogni anno, è però riferito alla totalità di committenti. Il compenso massimo per le prestazioni effettuate nei confronti del singolo committente, rimangono invece invariate a 2020 euro, qualora prestate verso un singolo committente imprenditore o professionista. Tale novità del Dl 81/2015 si applica anche al settore agricolo, nello specifico:

a) attività lavorative occasionali a carattere stagionale prestate da pensionati e da giovani con meno di 25 anni qualora iscritti ad un ciclo di studio a prescindere dall'ordine e grado compatibilmente ai periodi di vacanza scolastica e in qualsiasi periodo per gli studenti universitari;

B) attività agricole svolte  a  favore  di  soggetti  di  cui all'articolo 34, comma 6, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Tali attività, non possono però essere svolte dai soggetti che nel corso del 2017, ovvero, l'anno precedente, a quello di utilizzo dei voucher, siano iscritti negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli.

 

Comunicazione committente obbligatoria: 

Obbligo di comunicazione da parte del committente prima dell'inizio della prestazione, questa è un'altra novità introdotta dall’art 49, comma 3, Dl 81 che prevede l’obbligo da parte del committente di comunicare per via telematica, sms o posta elettronica:

  • i dati anagrafici ed il codice fiscale del lavoratore che presta l'attività di lavoro accessorio;
  • il luogo in cui va resa la prestazione;
  • la durata dell'attività che ricordiamo non può superare i 30 giorni.

alla Direzione territoriale del lavoro competente, prima dell’inizio della prestazione. Sebbene la nuova norma sia già entrata in vigore, il Ministero del Lavoro, con nota n.3337 del 25 giugno 2015 ha chiarito che fino a quando non verranno predisposte le necessarie modifiche per l'attivazione del servizio telematico della comunicazione, questa sarà effettuata secondo le attuali procedure.

Aggiornamento, legge i le novità voucher Inps 2017 comunicazione entro 1 ora.

 

Obbligo acquisto voucher per via telematica per imprenditori e professionisti:

Obbligo di acquisto buoni lavoro Inps per via telematica per i committenti imprenditori e professionisti, questa è un'altra importante novità introdotta dall'articolo 49 comma 1 del DL 81/2015 in ambito del lavoro accessorio. In base a tale novità, i committenti imprenditori o liberi professionisti, hanno ora l'obbligo di dover acquistare i voucher solo per via telematica nelle seguenti modalità:

  • Voucher telematico INPS: attraverso quindi il portale online dell'Istituto.
  • Tabaccai convenzionati INPS – FIT;
  • Servizio internet Banking Intesa Sanpaolo;
  • Banche Popolari abilitate.

I committenti non imprenditori o professionisti, possono invece continuare ad acquistare i buoni, anche presso gli Uffici Postali di tutta Italia mentre quelli cartacei sono disponibili presso le sedi INPS esclusivamente per l'acquisto servizi voucher baby-sitting introdotti, in via sperimentale.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti