Iscrizione Vies 2017 Agenzia delle entrate: Modello online e costo

Iscrizione Vies 2017 Agenzia Entrate come si fa? Procedura online che consente a imprese e professionisti di effettuare operazioni intracomunitarie, costo

Commenti 0Stampa

L'iscrizione VIES 2017 è gratuita per tutti i contribuenti passivi IVA che intendono effettuare operazioni intracomunitarie nel loro esercizio dell'attività.

Per essere iscritti nell'archivio, non serve pagare nulla e basta darne specifica comunicazione all'Agenzia delle Entrate tramite modello AA7 per i soggetti diversi dalle persone fisiche e modello AA9 per le imprese individuali e lavoratori autonomi, che va presentato per la dichiarazione di inizio attività o per via telematica secondo le nuove regole introdotte dal Decreto Semplificazioni che ha previsto l'inclusione nell'archivio da parte delle imprese in qualsiasi momento.

 

Iscrizione VIES 2017 cos'è, come funziona e a cosa serve?

Il VIES è un sistema informatico che consente raccogliere e trasmettere tutte le informazioni relative alle partite IVA comunitarie registrate, per cui dalla possibilità di verificare il numero di partita IVA alle informazioni sulle forniture intracomunitarie esenti da IVA effettuate tra le amministrazioni degli Stati membri.

In altre parole, gli archivi VIES funzionano come una grandissima banca dati digitale nella quale le informazioni aggiornate in tempo reale dalle amministrazioni nazionali diventano verificabili in tutti gli altri paesi membri.

Per l'impresa o il professionista che intende effettuare operazioni commerciali intracomunitarie, l'iscrizione al VIES è obbligatoria anche se gratuita, alla luce delle nuove disposizioni del decreto semplificazioni, l’inclusione nell’archivio VIES è automatica.

Pertanto i contribuenti passivi IVA che siano imprese, società, professionisti che intendono effettuare cessioni e acquisiti di beni, prestazioni o servizi con gli altri operatori residenti nei paesi della Comunità Europea, devono richiederne l'inclusione al momento della presentazione della dichiarazione di inizio attività o anche successivamente con una comunicazione telematica.

 

Iscrizione VIES 2017: richiesta automatica

Iscrizione VIES 2017 dichiarazione inizio attività: il contribuente che intende esercitare l'opzione ed essere quindi incluso nell'archivio Vies 2017 in automatico, deve esprimere la scelta compilando il campo “Operazioni Intracomunitarie” del quadro I modello AA7 se è un soggetto diverso dalla persona fisica mentre modello AA9  se il soggetto è un'impresa individuale, un professionista, un lavoratore autonomo, stesso iter anche se l'apertura avviene tramite la Comunicazione Unica, ComUnica.

Iscrizione VIES per I soggetti già titolari di partita Iva:

Per coloro che vogliono iniziare ad effettuare operazioni commerciali all'interno dell'Unione Europea, nel corso della loro attività, possono farlo utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, direttamente se si possiede il pin o altrimenti rivolgendosi agli intermediari incaricati, che dovranno compilare online l'istanza inclusione archivo VIES

Una volta effettuata l'iscrizione, l'Agenzia delle Entrate provvede ad effettuare l'inclusione nell'archivio VIES del numero di partita Iva del soggetto che ne ha richiesto l'inclusione, il quale può verificarne l'esito anche online.

Si ricorda inoltre che una volta inclusi nell'archivio, partono controlli formali nei confronti dei soggetti, al fine di verificare la correttezza e la regolare presentazione degli elenchi riepilogativi relativi alle operazioni intracomunitarie effettuate mediante la presentazione del modello Intrastat, se a seguito di tali controlli dovesse risultare che il soggetto non ha provveduto a presentare alcun elenco riepilogativo per 4 trimestri consecutivi, l'Agenzia sarà tenuta ad escluderlo dall'archivio Vies, i cui effetti partano dal 60° giorno successivo alla data della comunicazione dell'esclusione.

 

Chi ha l'obbligo di iscrizione al VIES Agenzia delle Entrate?

L’obbligo di iscrizione al VIES al fine di effettuare operazioni intracomunitarie è da parte di tutti i soggetti che esercitano attività impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, o vi istituiscono una stabile organizzazione. Inoltre, la richiesta che ricordiamo è sempre gratuita, può essere presentata anche dai soggetti che non risiedono in Italia ma che presentano la dichiarazione per l’identificazione diretta ai fini Iva (modello ANR) o che si identificano tramite nomina di un rappresentante fiscale.

I soggetti passivi Iva per effettuare operazioni di scambio intracomunitarie devono essere inclusi nell’archivio Vies, VAT information exchange system. Le modalità per l'iscrizione sono state recentemente modificate dal decreto semplificazioni che ha previsto l'inclusione dei contribuenti in via automatica se espressa sul modulo per la dichiarazione di inizio attività oppure, successivamente, effettuandola per via telematica direttamente se si possiede il PIN Agenzia delle Entrate Fisconline o Entratel o rivolgendosi agli intermediari autorizzati.

Allo stesso modo, imprese e professionisti possono revocare l'opzione in qualsiasi momento.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti