Incentivi Impianti Gpl e Metano: contributo statale elenco comuni

Incentivi Impianti Gpl e Metano sono contributi statali che i Comuni aderenti concedono ai cittadini residenti per installare un impianto più ecologico

Commenti 1Stampa

Incentivi Impianto Gpl e a Metano tornano a partire dal 1 Marzo i contributi per l’istallazione di impianti Gpl o a metano su auto private e commerciali a benzina o a diesel, da tale data, pertanto, saranno aperte le prenotazioni per eseguire la trasformazione dell’impianto di alimentazione dell’auto a benzina o diesel nelle officine convenzionate, ricordando che i contributi sono riservati ai cittadini residenti nei Comuni aderenti alla Convenzione ICBI.  

Per verificare che il proprio Comune abbia aderito alla Convezione ICBI per l’erogazione dei contributi per la trasformazione e istallazione di impianti Gpl e a Metano su auto private e commerciali ICBI, Lista Comuni Aderenti.

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: cosa sono e come funzionano

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio ha stanziato per il 2012, i fondi per incentivare la trasformazione dell’impianto di alimentazione di auto a benzina e diesel in Gpl  e a Metano, promossa dall’ICBI e riservati a cittadini residenti nei Comuni aderenti all’iniziativa.

Nello specifico, hanno diritto ad essere ammessi all’incentivo statale e ricevere i contributi tutte le persone fisiche e giuridiche che risultando residenti nei Comuni aderenti alla Convenzione ICBI, decideranno di trasformare l’impianto di alimentazione della propria auto a benzina o a diesel in Gpl o a metano, nelle varie officine autorizzate e riconosciute dalla Convenzione ICBI.

Il sistema di accesso agli incentivi Statali per la trasformazione GPL o a metano dell’impianto auto a benzina o Diesel, sia per privati che persone giuridiche, prevede 3 fasi:

  1. Prenotazione cronologica dei contributi online

  2. Anticipo del contributo da parte dell’installatore

  3. Rimborso diretto dell’incentivo all’officina

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: importo contributo

Il contributo statale per i cittadini che decidono di installare un impianto GPL o a METANO 2012 sulla propria auto a benzina o diesel ammonta a:

€ 500: per le persone fisiche e le persone giuridiche residenti/aventi sede nei Comuni aderenti alla Convenzione ICBI che installano un impianto di alimentazione a GPL sul proprio veicolo Euro 2/Euro 3 immatricolato dopo il 01/01/1997 

€ 650: per le persone fisiche e le persone giuridiche residenti/aventi sede nei Comuni aderenti alla Convenzione ICBI che installano un impianto di alimentazione a METANO sul proprio veicolo Euro 2/Euro 3 immatricolato dopo il 01/01/1997.

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: contributo statale

€ 150 di sconto da parte dell’installatore sul costo della trasformazione che non può superare il listino prezzi massimi, tale sconto dovrà essere obbligatoriamente indicato in fattura, per ottenere il riconoscimento del contributo statale sotto indicato. Lo sconto applicato dall’installatore, a differenza dell’incentivo, non viene rimborsato da ICBI, ma è a carico dell’officina.

€ 350 per il GPL/€ 500 per il Metano di contributo erogato da ICBI

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: Esempio contributo

  • Costo impianto GPL : € 1.500 Iva esclusa,

  • sconto installatore: € 150 (non rimborsabile dalla convenzione ICBI) 

  • Totale di € 1.350

€ 1.350 + IVA al 21% = di 1.633,50 meno l’incentivo erogato da ICBI di € 350 = Totale da pagare per il cittadino di € 1.283,50 

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: a chi spetta?

Tutte le persone giuridiche hanno diritto a ricevere il contributo erogato con gli incentivi statali per chi installa un impianto a Gas su veicoli commerciali a benzina o diesel, aventi sede legale o operativa presso un Comune aderente alla Convenzione ICBI, che provvedono all’installazione di un impianto di alimentazione a Gas su un veicolo commerciale di peso inferiore a 3,5t alimentato a benzina o diesel che risulti di loro proprietà od oggetto di contratto di leasing.

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: Partita IVA

  • € 750,00: per impianti a GPL di veicoli Euro 2/Euro 3 immatricolati dopo il 01/01/1997

  • € 1.000,00: per impianti a METANO di veicoli Euro 2/Euro 3 immatricolati dopo il 01/01/1997

In questo caso Non è previsto lo sconto da parte dell’installatore. Anche in questo caso ci sarà la prenotazione cronologica dei contributi on-line, l’anticipazione del contributo da parte dell’installatore e il rimborso diretto dell’incentivo all’officina.

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: veicoli commerciali

Possono beneficiare degli incentivi i veicoli commerciali leggeri rispondenti alle seguenti caratteristiche:

  • Vetture M1/veicoli commerciali N1 destinati al servizio di noleggio (con o senza autista)

  • Vetture M1/veicoli commerciali N1 destinati alle attività commerciali ed artigianali

  • Veicoli commerciali N1 per il trasporto merci urbano

L’accesso ai contributi, limitatamente ai mezzi aventi le caratteristiche sopra descritte , è possibile solo per l’esercizio di attività di trasporto in conto proprio.

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: come aderire

La persona giuridica o persona fisica che intende avvalersi degli incentivi statali 2012 per la trasformazione dell’impianto auto benzina o diesel a GPL e METANO dovrà effettuare a partire dal 1 marzo 2012:

1) Prenotazione: per usufruire degli incentivi statli per impianti gpl e a metano è necessario compilare la domanda online mediante la sezione: prenota via internet il contributo, presente sul sito ufficiale ICBI.

2) Assegnazione Codice di prenotazione: al momento della prenotazione, ICBI, rilascia e accerta in tempo reale la disponibilità finanziaria, accantonando l’importo del contributo e assegnando il relativo codice di prenotazionecon validità di 120 giorni. Tale codice, garantisce l’accantonamento del fondo. L’installatore consegna la ricevuta di prenotazione al beneficiario (stampata automaticamente attraverso la procedura).

3) Integrazione della Prenotazione: dopo il collaudo del veicolo, la prenotazione deve  essere completata con tutti i dati mancanti, stampata ed inviata con il resto della documentazione per il rimborso. La documentazione sarà ritenuta insufficiente ai fini del rimborso qualora il modulo di prenotazione risulterà mancante o incompleto.  

 

Incentivi Impianti Gpl e Metano: Requisiti 

L’installazione dell’impianto a Gpl o a Metano sul veicolo a benzina o diesel sia esso commerciale che privato deve essere eseguita presso un installatore aderente all’iniziativa, la lista delle autofficine aderenti può essere consultata sull’elenco dei comuni presenti sul sito ufficiale ICBI.

  • La data della fattura o ricevuta fiscale: necessaria per certificare l’avvenuta trasformazione dell’alimentazione del veicolo a benzina e diesel in Gpl o metano.

  • Le persone giuridiche che beneficiano del contributo devono trovarsi nei limiti della regola de minimis: ossia, devono rientrare nei € 200.000,00 complessivi di aiuti negli ultimi tre anni di cui al regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006.

  • NON hanno diritto ai contributi: le imprese che esercitano attività trasporto merci in conto terzi o nel settore della pesca e dell’agricoltura.

  • Gli incentivi non sono cumulabili: con contributi statali o di altra natura assimilabile.

  • La Trasformazione dell’impianto avviene seguendo un rigido ordine cronologico delle prenotazioni

  • Ogni istallatore aderente all’iniziativa ICBI non può effettuare più di 15 prenotazioni settimanali

  • Collaudo: deve avvenire entro 120 giorni dalla data di prenotazione pena l’annullamento della prenotazione stessa.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

stefano

15 ottobre 2012 17:33

Buongiorno
avevo l'intenzione di installare un impianto a metano su un auto a benzina e volevo sapere se ad oggi 15 ottobre gli incentivi sono ancora disponibili.
Grazie