Tobin tax 2016: imposta sulle transazioni finanziarie aliquote

Tobin tax 2016 imposta sulle transazioni finanziarie è la tassa sui trasferimenti di proprietà di azioni e derivati calcolata su aliquote in base al valore

Commenti 0Stampa

Tobi tax 2016 imposta sulle transazioni finanziarie è stata introdotta con l'articolo 1 commi da 491 a 500 del decreto legge 228/2012, e si applica a partire dal 1 marzo 2013 su i trasferimenti di proprietà di azioni e strumenti partecipativi emessi da società residenti nel territorio dello Stato.

L'aliquota tobin tax è stata pari allo 0,12% sul controvalore del saldo netto positivo di fine giornata, fino al 2013, poio aumentata nel 2014 e 2015 allo 0,20% sul valore della transazione prevedendo una riduzione del 50% per le transazioni effettuate su mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione.

L’aliquota 2016 potrebbe per subire un ulteriore aumento per effetto di un emendamento alla Legge di Stabilità 2016 in discussione alla Camera, per finanziarie l'opzione donna, pensione anticipata donne.

 

 

Tobin tax cos’è l’imposta sulle transazioni finanziarie?

Il decreto Imposta sulle transazioni finanziarie Tobin Tax, ha introdotto una nuova tassa sui trasferimenti di proprietà di azioni e di altri strumenti finanziari e di derivati, che adottata in Italia dal 2013. Il decreto comunque prevede che la tassa venga calcolata sulla base di specifiche aliquote e valore dell’operazione, un’imposta per tali trasferimenti.

In altre parole, acquirenti e controparti sono soggetti alla Tobintax, e pertanto dovranno pagare l’imposta sulle operazioni di trasferimenti di:

  • azioni

  • strumenti finanziari partecipativi

  • derivati

  • operazioni ad alta frequenza.

L’imposta sulle transazioni finanziarie, non è dovuta qualora l’operazione abbia come oggetto:

  • Obbligazioni.

  • Titoli di stato.

  • Quote di fondi comuni d’investimento.

  • Società Sicav.

  • Azioni di società con capitale inferiore ai 500 milioni di euro.

     

Esclusioni e esenzione dal pagamento:

L’esclusione dal pagamento dell’imposta sulle transazioni finanziarie, sono per i casi di:

trasferimento di proprietà per successione o donazione

operazioni di emissione e di annullamento dei titoli azionari e dei predetti strumenti finanziari;

operazioni di conversione in azioni di nuova emissione;

operazioni di vendita con patto di riacquisto o acquisto con patto di rivendita, o anche operazioni buy-sell back o sell-buy back.

trasferimenti di proprietà di azioni negoziate in mercati regolamentari o sistemi multilaterali di negoziazione emesse da società la cui capitalizzazione media nel mese di novembre, dell’anno precedente a quello in cui avviene il trasferimento di proprietà, sia inferiore a 500 milioni di euro. Tale misura è volta ad evitare di penalizzare i titoli meno liquidi e le PMI.

Vi è l’esenzione dall’imposta sulle transazioni finanziarie, per i trasferimenti di azioni e titoli rappresentativi e sui contratti derivati in caso di:

  • operazioni che abbiano come controparte l’Unione Europea, Banche centrali di altri stati, organismi internazionali esonerati in base agli accordi multilaterali.

  • intermediari che effettuano per conto di una società emittente, operazioni atte a favorire la loro liquidità.

  • enti di previdenza sociale pubblici e privati ed alle forme pensionistiche complementari.

  • operazioni fra società con rapporto di controllo o di comune controllo.

  • operazioni effettuate nell’ambito di riorganizzazione aziendale.

  • operazioni relative a prodotti e servizi etici o socialmente responsabili.

 

Per chi è obbligatoria la tobin tax?

La tassa sulle transazioni finanziarie è obbligatoria per:

Acquirenti, a nome dei quali viene effettuato il trasferimento della proprietà delle azioni, degli strumenti partecipativi e dei titoli rappresentativi, indipendentemente dalla loro residenza e dal luogo di conclusione del contratto

Controparti delle operazioni su derivati e altri valori mobiliari indipendentemente dalla residenza delle stesse e dal luogo di conclusione delle operazioni.

Da coloro che immettono ordini di acquisto e vendita, modifica e cancellazione, per le operazioni ad alta frequenza.

 

Aumento aliquote tobin tax 2016?

La Tobin tax si applica su aliquote diverse:

1) Imposta sulle transazioni finanziarie su Azioni e altri strumenti partecipativi:

L’imposta sulle transazioni finanziarie si applica sul trasferimento di proprietà di azioni e altri strumenti finanziari partecipativi emessi da società italiane e sui titoli rappresentativi dei suddetti strumenti emessi da qualsiasi società anche estera.

L’aliquota applicata su tali trasferimenti e dovuta da chi acquista, è pari allo 0,20% sul valore della transazione che si calcola in base al saldo netto giornaliero per ciascun strumento finanziario.

Inoltre, è prevista una riduzione dello 0,10% per i trasferimenti effettuati all’interno dei mercati regolamentati mentre rimangono escluse dall’assoggettamento dell’imposta:

Le operazioni di emissione e annullamento dei titoli azionari e degli strumenti finanziari

Le operazione di conversione di obbligazioni in azioni di nuova emissione e di acquisizione temporanea di titoli 

I trasferimenti di proprietà di azioni negoziate in mercati regolamentari o sistemi multilaterali di negoziazione emesse da società la cui capitalizzazione media nel mese di novembre dell’anno precedente a quello in cui avviene il trasferimento sia inferiore a 500 milioni di euro.

2) Imposta sulle transazioni finanziarie su operazioni in derivati: 

L'imposta sulle transazioni finanziarie si applica anche sulle operazioni su contratti derivati e su titoli con sottostante prevalente, e dovuti da ciascuna controparte.

L’imposta sulle transazioni finanziarie è dovuta pertanto su

operazioni su contratti derivati che abbiano come sottostante prevalente uno o più strumenti finanziari.

operazioni su contatti derivati il cui valore dipenda prevalentemente da strumenti finanziari di cui al comma 491.

operazioni su contatti derivati i cui valori mobiliari, permettano di acquisire o vendere o che comportino un regolamento in contanti determinato prevalentemente da strumenti finanziari di cui al comma 4991.

Su tali derivati, è dovuta delle controparti, un’imposta fissa diversa a seconda del tipo di strumento e  e valore del contratto, espressa nella tabella 3: imposta sulle transazioni finanziarie per strumenti finanziari allegata alla legge di stabilità, contenuta nel supplemento ordinario n.212 /L in Gazzetta Ufficiale a pagina 133. 

Per le operazioni che avvengono in mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione, l’imposta è ridotta a 1/5 al fine di garantire forme di mercato più trasparenti e quindi più sicure per gli investitori e risparmiatori.

3) Imposta sulle transazioni finanziarie su operazioni ad alta frequenza:

La Tobin tax si applica sulle operazioni ad alta frequenza, effettuate sul mercato finanziario italiano. L’imposta è dovuta da colui che effettua gli ordini e si applica con un’aliquota dello 0,02% sul controvalore degli ordini annullati o modificati, che in una giornata di borsa superino la soglia fissata da specifico decreto ministeriale, che in ogni caso non può essere inferiore al 60% degli ordini trasmessi.

A tal proposito, è bene ricordare che sono considerate operazioni ad alta frequenza, quelle generate da uno specifico algoritmo informatico che determina in maniera automatica le decisioni relative all’invio, alla modifica e alla cancellazione degli ordini e dei relativi parametri, che avvengono con un intervallo non superiore al mezzo secondo.

Aumento aliquote Tobin Tax 2016? Si, è questa una delle novità che si stanno delineando, l'aumento della tobin tax, previsto in un emendamento alla Legge di Stabilità durante il passaggio della manovra alla Camera, prevede infatti, un aumento dell'aliquota che dall'attuale 0,20% passarebbe allo 0,40% per le transazioni che avvengono fuori dai mercati regolamentati.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti