Finanziamenti a tasso zero 2017 nuove imprese giovani under 35 e donne

Finanziamenti a tasso zero 2017 Invitalia giovani under 35 e donne, requisiti, cosa spetta alle nuove imprese agevolate, settori e spese ammesse domanda

Commenti 0Stampa

Finanziamenti a tasso zero 2017 giovani under 35 e donne pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 5 settembre 2015 il DECRETO 8 luglio 2015 , n. 140 Regolamento recante criteri e modalità di concessione alle agevolazioni volte a sostenere la creazione e il sostegno di nuove micro e piccole imprese costituite prevalentemente o esclusivamente da giovani e da donne.

Vediamo chi sono i beneficiari, i requisiti richiesti per presentare la domanda di partecipazione e quali sono i settori agevolabili ecc.

 

Finanziamenti a tasso zero 2017 giovani e donne: Requisiti

Il decreto 140/2015 del MISE finanziamenti nuove imprese giovani e donne pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 5 settembre 2015 prevede la concessione di agevolazioni per creare e sostenere micro e piccole imprese, vediamo chi sono le Imprese beneficiarie:

1) imprese costituite sotto forma di società e società cooperative;

2) costituite per oltre la metà dei soci da giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni o da donne.

3) costituite da non più di12 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione;

4) micro e piccole imprese, secondo la classi stabilite dal regolamento GBER e dal decreto del Ministro delle attività produttive 18 aprile 2005.

Requisiti per accedere alle nuove agevolazioni giovani e donne:

a) essere costituite ed iscritte nel Registro delle imprese;

b) godere di tutti i diritti, non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;

c) non aver rimborsato o aver depositato in un conto bloccato, agevolazioni pregresse riconosciute della Commissione europea;

d) dimostrare di possedere tutti i requisiti al momento della domanda, per l'impresa già costituita o entro 45 giorni per le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa;

d) non essere un'impresa controllata da soci di imprese che hanno cessato, nei 12 mesi precedenti alla data di domanda, un’attività simile a quella per cui si richiede l'accesso all'agevolazione.

 

Cosa spetta? Finanziamenti agevolati nuove imprese:

Che tipo di agevolazione prevede il decreto MISE 140/2015? Per i giovani tra i 18 e i 35 anni e per le donne che creano o hanno creato un'impresa da meno di 12 mesi la possibilità di accedere ad un finanziamento agevolato per gli investimenti a tasso zero.

In quanto tempo va restituito il finanziamento? La restituzione delle rate, a tasso zero deve avvenire entro 8 anni, ovvero, con un piano di ammortamento a rate semestrali con scadenza fissa al 31 maggio e 30 novembre di ciascun anno.

Per accedere all'agevolazione, all'impresa è richiesta la garanzia della copertura finanziaria dell'investimento con proprie risorse o con un finanziamento esterno, e non pubblico, pari al 25% delle spese ammissibili complessive.

 

Settori agevolabili e spese ammesse:

I settori agevolabili con il finanziamento a tasso zero giovani under 35 e donne sono tutti quelli che:

1) prevedono investimenti non superiori a 1.500.000 euro relativi alla Produzione di beni nei settori industria, artigianato e prodotti agricoli; Fornitura di servizi, Commercio e Turismo; Altre attività importanti per l’imprenditorialità giovanile quali: il Turismo-Cultura e l'Innovazione sociale.

2) riguardano la trasformazione dei prodotti agricoli, fatta eccezione per le attività effettuate dall'azienda agricola per preparare l'animale o il vegetale alla prima vendita;

svolte nell’azienda agricola necessarie per preparare un

3) I programmi di investimento da realizzare entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, scadenza prorogabile al massimo per altri 6 mesi;

4) resta facoltà del MISE stabilire diverse priorità di intervento nelle attività e nei settori.

Spese ammesse al finanziamento agevolato a tasso zero:

Le spese che possono essere ammesse all'agevolazione del finanziamento a tasso zero sono i costi sostenuti dall'impresa per l'investimento a partire dalla data in cui ha presentato la domanda, o da quando è stata costituita. Sono poi ammissibili le spese per acquistare beni materiali e immateriali e servizi purché rientranti nelle seguenti categorie: fabbricati, ristrutturazioni, terreno aziendale, macchinari e impianti, software e servizi TIC, brevetti, marchi e licenze, formazione dei soci e dipendenti e consulenze.

 

Domanda online a Invitalia:

Da quando si può presentare la domanda di finanziamento agevolato 2017? I termini per l'inizio e la fine di invio delle domande di finanziamento a tasso zero per gli investimenti, riservato alle imprese a maggioranza di giovani under 35 e da donne, sono stabiliti da specifico provvedimento MISE pubblicato sul sito internet di INVITALIA, del Ministero dello Sviluppo Economico in Gazzetta Ufficiale.

In base all'ultimo aggiornarnamento, al via le domande di finanziamento a tasso zero.

Come e dove si presenta la richiesta? La domanda per la concessione del finanziamento deve avvenire per via telematica attraverso il sito ufficiale Invitalia.

Una volta effettuata la richiesta,è la stessa Invitalia a verificare il possesso dei requisiti di accesso, l'esperienza lavorativa dei soci, capacità di organizzazione, mercato di riferimento con vantaggi, analisi competitività e strategie di marketing, valutazione dell'investimento in termini di fattibilità economica, spese ammissibili e garanzie fornite. Terminata questa fase, la domanda viene istruita, ed entro 60 giorni il soggetto gestore, comunica al richiedente l'esito dell'istruttoria. Se questa è positiva, si passa alla verifica tecnica dell'investimento e la congruità delle spese indicate in domanda. Conclusa anche questa fase, entro 30 giorni, si passa alla presentazione della documentazione, stipula del contratto di finanziamento ed erogazione dell'agevolazione.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti