Finanziamenti Pmi 2017 vittime di mancati pagamenti: modulo domanda

Finanziamenti agevolati alle Pmi vittime di mancati pagamenti, modulo domanda Invitalia aperte dal 3 aprile requisiti a chi spetta quanto e quando

Stampa

Finanziamenti agevolati Pmi 2017 vittime mancati pagamenti: a partire da oggi 3 aprile 2017, le Piccole e Medie Imprese, hanno la possibilità di fare domanda per accedere al fondo per il credito che copre i mancati pagamenti da parte delle imprese debitrici.

Le PMI creditrici, pertanto, possono inviare la domanda per accedere ai finanziamenti e al fondo per il credito alle aziende in una situazione di potenziale crisi di liquidità a causa dei ritardi nei pagamenti, istituiti dalla scora legge di stabilità.

Vediamo quindi cosa sono i finanziamenti agevolati a PMI 2017, come funziona il fondo di credito, chi può farne richiesta, quali sono le agevolazioni INVITALIA e come presentare la domanda.

 

Finanziamenti agevolati a Pmi 2017 vittime mancati pagamenti:

I finanziamenti agevolati alle Pmi vittime di mancati pagamenti, sono un'agevolazione introdotta con la precedente legge di stabilità che prevede la possibilità per l'impresa, creditrice, che sia vittima del mancato pagamento di quanto dovuto da parte di un'altra azienda, debitrice, di richiedere ed ottenere un finanziamento agevolato fino a un massimo di 500 mila euro e comunque non superiore alla somma dei crediti documentati e non pagati vantati dall’impresa beneficiaria nei confronti delle imprese debitrici.

Nello specifico, tali finanziamenti agevolati PMI 2017 vittime di mancati pagamenti, sono stati introdotti dall'art. 1 della legge n. 208/2015 commi 199-202 che ha previsto l'istituzione del cd. Fondo per il credito alle aziende vittime di mancati pagamenti, per il sostegno delle piccole e medie imprese in situazioni di crisi di liquidità causate dal mancato pagamento di fatture, compensi, corrispettivi, bolle ecc. da parte di aziende debitrici.

Con i decreti ministeriali successivi, del 17 ottobre e del 22 dicembre 2016, il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, ha poi definito rispettivamente, i limiti, i requisiti e le modalità per fruire dei finanziamenti agevolati dal Fondo e le modalità tecniche, operative e la scadenza per presentare la domanda.

 

Finanziamenti PMI vittime mancati pagamenti: requisiti beneficiari

Quali sono le imprese che possono accedere al fondo?

Possono accedere a finanziamenti PMI vittime di mancati pagamenti, le piccole e medie imprese in possesso dei seguenti requisiti:

1) La PMI deve risultare in una situazione di potenziale crisi di liquidità per i mancati pagamenti imputate, in un procedimento penale in corso al 1° gennaio 2016 per estorsione, truffa, insolvenza fraudolenta o false comunicazioni sociali.

A tal fine, sono considerate imprese in crisi di liquidità, quelle che hanno uno scostamento del 20% tra crediti non incassati nei confronti di una impresa ed il totale dei "crediti verso clienti".

Ciò significa quindi, che se il rapporto tra crediti non incassati e il totale dei crediti non è superiore al 20%, l'impresa creditrice, non può presentare la domanda di finanziamenti agevolati PMI 2017.

2) Altro requisito importantissimo che l'impresa deve possedere per poter richiedere il finanziamento, è l’essere regolarmente iscritta nel registro delle imprese

3) La società non deve risultare in stato di scioglimento o liquidazione, essere sottoposta a procedure concorsuali per insolvenza o ad accordi stragiudiziali o piani asseverati o ad accordi di ristrutturazione dei debiti.

4) Qualora l'impresa creditrice in crisi di liquidità per mancati pagamenti, sia in possesso del cd. rating di legalità, avrà priorità nella domanda e nell'attribuzione dei fondi, in quanto il 10% delle risorse complessive, 10 milioni per il 2017 e per il 2018, sono destinate alle imprese in possesso del bollino blu impese virtuose rilasciato dall'Antitrust.

 

Finanziamenti a PMI 2017: cosa prevede l'agevolazione?

Cosa prevede l'agevolazione finanziamenti a PMI vittime mancati pagamenti?

L’agevolazione per le imprese in situazioni di crisi di liquidità, consiste nel poter presentare un'apposita domanda al Fondo per il credito alle aziende vittime di mancati pagamenti e richiedere il riconoscimento di un finanziamento agevolato di importo non superiore a 500.000 euro e comunque di un importo non superiore alla somma dei crediti documentati e non pagati all’impresa beneficiaria dell'agevolazione.

La durata del finanziamento agevolato PMI 2017, non può essere inferiore ai 3 anni e non superiore ai 10 anni, ivi compreso il periodo di preammortamento che può essere al massimo di 2 anni.

 

Finanziamenti agevolati Pmi 2017: modulo domanda Invitalia

L'agevolazione dei finanziamenti a Pmi 2017 vittime di mancati pagamenti, può essere concessa, ai sensi dell’art. 5 d.lgs. n. 123/98, solo previa procedura di valutazione allo sportello.

La domanda vera e propria, deve essere inviata online, tramite l'apposita procedura telematica spiegata sul sito Invitalia: “Accoglienza Istanze DGIAI”.
Come e dove si presenta il modulo domanda? La domanda Invitalia per il finanziamento agevolato PMI 2017, deve essere inviata al seguente indirizzo: "https://agevolazionidgiai.invitalia.it - sezione “Accoglienza Istanze DGIAI” tramite PEC attiva e registrata nel Registro delle imprese.
Da quando partono le domande per i finanziamenti PMI 2017? L'invio delle domande e degli allegati, è a partire dalle ore 10:00 del 3 aprile 2017 e fino alla chiusura dello sportello disposta con Decreto del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?