Fideiussione affitto 2017: canoni di locazione e deposito cauzionale

Fidejussione affitto 2017 canoni locazione e deposito cauzionale, locatore richiede all'affittuario garanzia bancaria o assicurativa del regolare pagamento

Commenti 0Stampa

La Fideiussione affitto 2017 è una garanzia che la banca o compagnia di assicurazione concede a persone fisiche e società, al fine di garantire il regolare pagamento dei canoni di locazione o del deposito cauzionale da parte dell'affittuario.

Questo tipo di garanzia, è infatti molto richiesta oggi dai locatori che ricercano sempre più importanti garanzie nei confronti degli eventuali locatari in modo da evitare possibili ed eventuali problemi legati al mancato pagamento dell'affitto, deposito cauzionale e decreti ingiuntivi per richiedere lo sfratto per morosità.

 

Fideiussione affitto cos'è, come funziona e tipi:

La fideiussione affitto può essere di due tipi:

1) la fideiussione bancaria per affitto;

2) la fideiussione assicurativa affitto.

Nella prima fattispecie è la banca che garantisce il regolare pagamento del canone di locazione qualora l'affittuario non paghi l'affitto mensile nella seconda invece è la compagnia assicurativa ad essere il garante.

Fideiussione affitto come funziona? Negli ultimi anni, a causa della crisi economica, sono state molte le famiglie italiane che non sono riuscite a pagare l'affitto, i locatori pertanto si sono trovati a far fronte a vere e proprie difficoltà come il dover pagare le tasse sugli immobili locati anche se i canoni di locazione non venivano effettivamente percepiti, decreti ingiuntivi per richiedere lo sfratto per morosità ecc. Per questo motivo, oggi, in Italia sono sempre di più i proprietari di immobili e agenzie immobiliari che prima di affittare una casa o un locale commerciale, richiedono al potenziale inquilino una fideiussione bancaria o assicurativa per il contratto di locazione.

 

Fideiussione affitto 2017 quando si richiede e per cosa?

La fideiussione bancaria affitto 2017 prevede che l'affittuario, previa specifica domanda, richieda alla banca, la concessione di una garanzia che garantisca al locatore il regolare pagamento dei canoni, una garanzia ovviamente che non è gratis ma prevede dei costi di commissione, variabili in base alla durata del contratto. Tali costi, consistono quindi in una percentuale di interessi che l'affittuario deve pagare alla banca, da calcolare in base al canone di locazione annuo.

Ad esempio se il canone di locazione è pari a 800 euro al mese, per 12 mesi è di 9.600 euro, l'affittuario deve pagare alla banca oltre alle spese di apertura pratica che solitamente si aggirano dalle 40 alle 80 euro, anche gli interessi percentuali che sono in genere del 3%. Per cui il 3% di 9.600 euro sono 288 euro per un contratto di fideiussione di 12 mesi. 

L'affittuario prima di sottoscrivere il contratto deve quindi verificare la durata contrattuale della fideiussione che di solito è di 6 mesi o 1 anno e fissare il periodo in cui la banca sarà garante dei canoni di locazione. Inoltre è bene leggere sempre sul contratto, il tipo di copertura fideiussoria prevista dalla banca, che per l'affitto generalmente è sulla base di un massimo di copertura oltre il quale la banca non è responsabile e il numero dei canoni per i quali la banca risarcisce il locatore in caso di inadempienza da parte dell'affittuario.

Un'altra clausola importante da verificare è la presenza o meno di quella che prevede la cd. escussione a prima richiesta, se questa è presente nel contratto significa che la banca è obbligata a pagare il canone di locazione appena il locatore ne fa richiesta scritta, se invece non è presente significa che la banca non risarcisce il locatore prima dell'avvio di un procedimento nei confronti dell'affittuario.

Per richiedere una fideiussione bancaria per affitto, il locatario deve rivolgersi alla sua banca o altro istituto bancario e presentare la domanda per la concessione e sottoscrizione del contratto di garanzia, fatto salvo l'esito positivo dei controlli sulle sue dichiarazioni reddituali e garanzie. A tal fine, la banca richiede la seguente documentazione:

 

Fideiussione assicurativa affitto 2017 canoni di locazione e deposito:

Oltre alla fideiussione bancaria c'è la fideiussione assicurativa per affitto ossia quando la garanzia invece che essere rilasciata dalla banca viene concessa dalla compagnia assicurativa o finanziaria.

I contratti e le clausole contrattuali sono molto simili alle due fattispecie che prevedono anche lo stesso iter di domanda che sono:

  • Domanda di fideiussione per affitto;
  • Sottoscrizione della polizza;
  • Pagamento degli interessi in base al valore del canone di locazione annuale, come nell'esempio riportato sopra per quella bancaria;
  • Garanzia che nel caso in cui l'affittuario non dovesse pagare anche una sola rata mensile del canone di affitto, è la compagnia di assicurazione a farsi carico del risarcimento nei confronti del locatore dei canoni non pagati o dei danni riportati nell'immobile, oggetto del deposito cauzionale.

Le differenze tra una fideiussione bancaria per affitto e una fideiussione assicurativa per affitto sono soprattutto nella clausola cd. escussione a prima richiesta presente in quella bancaria ma non in quella assicurativa.

Per cui è bene sapere che se il locatore accetta questo tipo di contratto, il risarcimento per un canone di locazione non pagato dall'affittuario può essere rimborsato non direttamente dalla compagnia, ma solo dopo l'avvio di un procedimento giudiziario del locatore contro l'inquilino moroso.

Un'altra differenza tra quella assicurativa e bancaria sta nei controlli sull'inquilino, infatti, la compagnia di assicurazione non può effettuare le stesse verifiche che può attivare la banca.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti