Esenzione Ticket Sanitario 2015 patologia, gravidanza e invalidità

Commenti 0 Stampa

Esenzione Ticket Sanitario 2015 patologia, gravidanza e invalidità

Esenzione Ticket Sanitario 2015 reintrodotto l’obbligo per gli assistiti non esenti di pagare una quota fissa di 10 euro per ogni prescrizione medica di assistenza specialistica ambulatoriale, da aggiungere alla quota ordinaria del ticket, pari alla tariffa delle singole prestazioni fino all’importo massimo di 36,15 euro per ricetta. Alcune regioni, inoltre, come l’Emilia Romagna, Umbria e Toscana hanno deciso di suddividere la quota fissa di 10 euro in più quote di diverso importo, in relazione al reddito degli assistiti ed hanno stabilito particolari modalità e termini per consentire loro di certificare tale reddito.

Per quanto riguarda invece i ticket sui farmaci la competenza è delle Regioni che decidono in base ai costi effettivi della spesa farmaceutica e il tetto di spesa programmato, di introdurre un ticket sui farmaci di fascia A e alcune regioni in particolare hanno introdotto ticket sui medicinali e contemporaneamente individuato le categorie di soggetti esenti da tale ticket. 

 

Esenzioni Ticket 2015 per quali malattie?

Le esenzioni del ticket sanitario 2015 riconosciute dal Ministero della salute sono:

  1. per patologie croniche

  2. per invalidità

  3. esenzione ticket per reddito

  4. per malattie rare

  5. per gravidanza

  6. Test Hiv

  7. Diagnosi precoce Tumori

 

Patologie croniche:

Esenzione ticket sanitario 2015 patologie croniche, è regolata dal Decreto ministeriale n. 329/1999, successivamente modificato dal Decreto 296/2001 e dal regolamento delle malattie rare (DM 279/2001) ha stabilito che i soggetti affetti da malattie croniche e invalidanti siano esentati dal pagamento del ticket sanitario e quindi esonerati dal sostenere il costo delle prestazioni sanitarie correlate. Innanzitutto, il soggetto, per richiedere l’esenzione del ticket sanitario per patologia deve necessariamente:

a) Fare richiesta di esenzione ticket all’Azienda ASL di residenza: presentando un certificato medico che attesti la presenza di una o più malattie incluse nel d.m. 28 maggio 1999, n. 329 e successive modifiche. Il certificato per essere valido deve essere obbligatoriamente rilasciato da un presidio ospedaliero o ambulatoriale pubblico. Per il riconoscimento dell’esenzione per patologia possono andare bene anche: Sono validi ai fini del riconoscimento dell’esenzione anche: 

  • copia della cartella clinica rilasciata da una struttura ospedaliera pubblica

  • copia del verbale di invalidità

  • copia della cartella clinica rilasciata da una struttura ospedaliera privata accreditata, previa valutazione del medico del Distretto sanitario della Azienda USL di residenza

  • certificati delle Commissioni mediche degli Ospedali militari

  • certificazioni rilasciate da Istituzioni sanitarie pubbliche di Paesi appartenenti all’Unione europea 

b) Ricevuta l’intera documentazione, l’ASL di competenza: rilascerà al soggetto un attestato che riporti la definizione della malattia con il relativo codice identificativo e le prestazioni fruibili in esenzione

c) Per i soggetti che sono già esenti per le malattie sottoelencate è loro riconosciuta una condizione di maggior tutela come per le malattie rare:

  • Angioedema ereditario

  • Dermatomiosite

  • Pemfigo e pemfigoidi

  • Anemie congenite

  • Fenilchetonuria ed errori congeniti del metabolismo

  • Miopatie congenite

  • Malattia di Hansen

  • Sindrome di Turner

  • Spasticità da cerebropatia

  • Retinite pigmentosa

Importante: per Consultare l’elenco aggiornato delle malattie croniche e invalidanti che danno diritto all’esenzione del ticket sanitario.

 

Per invalidità:

lI diritto all’esenzione ticket sanitario 2015 invalidità, viene riconosciuto in presenza di uno stato di invalidità dell’assistito, riconosciuto per alcune o per tutte le prestazioni specialistiche.

Le categorie di invalidi che beneficiano dell’esenzione dal ticket sanitario sono state definite dall’art.6 del Decreto ministeriale 1° febbraio 1991, ovviamente, lo stato ed il grado di invalidità devono essere accertate da una Commissione medica della Azienda sanitaria locale di residenza dell’assistito. 

Esenzione Ticket sanitario per le seguenti categorie d’invalidità certificata, per tutte le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e le altre prestazioni specialistiche:

  • invalidi di guerra e per servizio appartenenti alle categorie dalla I alla V

  • invalidi civili ed invalidi per lavoro con una riduzione della capacità lavorativa superiore ai 2/3

  • invalidi civili con indennità di accompagnamento

  • ciechi e sordomuti

  • ex deportati nei campi di sterminio nazista KZ (categoria equiparata dalla legge agli invalidi e mutilati di guerra)

  • vittime di atti di terrorismo o di criminalità organizzata

Le altre categorie sottoelencate sono invece esenti dal pagamento dellle prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio ed altre prestazioni specialistiche correlate alla patologia invalidante:

Importante: Gli invalidi di guerra, titolari di pensione diretta vitalizia, hanno diritto a ritirare gratuitamente i medicinali appartenenti alla classe "C" su prescrizione del medico che ne attesti la comprovata utilità.

I cittadini invalidi civili, del lavoro o di servizio, hanno diritto all’esenzione del ticket sanitario riguardante le spese mediche e sanitarie, per richiedere l’esenzione, è obbligatoria la presentazione da parte del richiedente del certificato medico che attesti la presenza di invalidità e la percentuale mentre per gli invalidi del lavoro, causa di servizio o affetti da malattie professionali,è necessario il certificato rilasciato dall’Inail.
La quota percentuale d’invalidità dell’assistito corrisponde a diversi livelli d’esenzione ticket che determinano la gravità e la difficoltà arrecanti la malattia:

difficoltà lievi: compresa tra il 33,3% e il 66,6% 

difficoltà medio-gravi: corrispondenti ad invalidità comprese tra il 66.6% e il 99%

difficoltà gravi: corrispondenti ad invalidità pari al 100% esenzione dal pagamento anche della quota fissa sulla ricetta e dal ticket sulle cure termali INPS

 

Malattie rare:

Esenzione ticket sanitario malattie rare, è prevista per le patologie gravi, invalidanti e spesso prive di terapie specifiche, per le quali lo Stato ha deciso la copmpleta esenzione dal pagamento del ticket sanitario di tutte le prestazioni che occorrono per il trattamento e il monitoraggio della malattia rara accertata e per la prevenzione degli ulteriori aggravamenti. L’esenzione, inoltre, è allargata anche all’accertamento della malattia e alle indagini genetiche sui familiari dell’assistito eventualmente necessarie per la diagnosi di malattia rara di origine genetica. 

 

Per Gravidanza:

Esenzione ticket sanitario 2014 per gravidanza, per le donne e coppie che desiderano avere un figlio hanno diritto ad eseguire gratuitamente, quindi senza dover sostenere costi di ticket per le prestazioni specialistiche e diagnostiche, utili per tutelare la loro salute e quella del nascituro. L’elenco di tutte le prestazioni gratuite e garantite dal SSN, sistema Nazionale Sanitario sono contenuto nel Decreto ministeriale del 10 settembre 1998

Nello specifico, il Decreto prevede che siano Gratuite le prestazioni come:

  • visite mediche periodiche ostetrico-ginecologiche

  • alcune analisi, elencate nell’allegato A del Decreto, da eseguire prima del concepimento, per escludere la presenza di fattori che possano incidere negativamente sulla gravidanza. Se la storia clinica o familiare della coppia evidenzia condizioni di rischio per il feto, possono essere eseguite in esenzione tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per accertare eventuali difetti genetici, prescritte dal medico specialista

  • accertamenti diagnostici per il controllo della gravidanza fisiologica indicati, per ciascun periodo di gravidanza

  • tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per la diagnosi prenatale in gravidanza, nelle specifiche condizioni di rischio per il feto

  • tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per il trattamento di malattie (preesistenti o insorte durante la gravidanza) che comportino un rischio per la donna o per il feto, prescritte di norma dallo specialista.

 

Esenzione Test HIV:

Esenzione ticket sanitario 2015 Test HIV in tutte le strutture pubbliche è gratuito, anonimo e non obbligatorio, ogni assistito, può scegliere autonomamente di sottoporsi al test e non serve nessuna prescrizione specifica, in particolare, anche per le persone straniere che non hanno il permesso di soggiorno possono effettuare il test a titolo gratuito.

 

Esenzione ticket diagnosi precoce tumori:

Esenzione ticket sanitario 2015 per diagnosi precoce dei tumori: Tutti gli accertamenti per la diagnosi precoce di alcuni tumori sono completamente gratuiti e convenzionati nelle strutture pubbliche del Servizio Sanitario Nazionale, nello specifico sono esenti dal Ticket:

  • Esenzione per Mammografie: per le donne in età compresa tra 45 e 69 anni ogni 2 anni, se l’esame mammografico evidenzia la necessità di accertamenti più approfonditi, saranno gratuite anche le prestazioni di secondo livello

  • PAP TEST: esame citologico cervico-vaginale, da effettuarsi gratuitamente ogni 3 anni, a favore delle donne in età compresa tra 25 e 65 anni

  • Colonscopia: gratuita ogni 5 anni per tutti i cittadini di età superiore ai 45 anni

Importante: per tutti gli accertamenti sopra indicati è necessaria la prescrizione medica che deve obbligatoriamente contenere tutti i dati relativi all’assistito e il codice di esenzione. L’intervallo di tempo indicato per ciascuna prestazione deve essere rispettato anche se il primo accertamento è stato eseguito privatamente.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Lascia un commento
Contatti