Esenzione tasse scolastiche 2017 Scuola superiore: reddito ISEE

Esonero tasse scolastiche 2017 reddito ISEE per studenti iscritti al 4° e 5° anno scuola superiore iscrizione frequenza esami contributo volontario

Commenti 0Stampa

L’esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche 2017, è un’agevolazione consentita per merito, per basso reddito, e per appartenenza a speciali categorie di beneficiari. 

Ogni anno, il MIUR, con specifica nota ufficiale, provvede a pubblicare la tabella con i nuovi limiti reddituali rivalutati in base al tasso d'inflazione, a cui le famiglie degli studenti iscritti al 4° e 5° anno delle scuole superiori, devono rifarsi, al fine di verificare il possesso dei requsiiti per ottenere l'esonero per tutte le tasse scolastiche. 

Vediamo quindi a chi spetta il beneficio, quali sono i nuovi importi delle tasse scolastiche 2017 dovuti e quali sono i requisiti di reddito richiesti per ottenere l’esonero.

 

Tasse scolastiche 2017 nuovi importi:

Le tasse scolastiche 2017, sono previste, e quindi obbligatorie, solo per gli studenti del 4° e 5° anno di scuola superiore, o meglio, degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado.

Tasse scolastiche 2017 nuovi importi MIUR:

  • Tassa d’iscrizione: 6,04 euro, la tassa è dovuta solo per il 4° e 5° anno;
  • Tassa di frequenza; 15,13 euro;
  • Tassa per esami: 12,09 euro;
  • Tassa di rilascio diplomi: 15,13 euro.

Riguardo invece, il versamento del contributo dovuto dai candidati esterni agli esami di Stato, il pagamento deve essere effettuato solo nel caso in cui gli studenti, intendano sostenere esami con prove pratiche di laboratorio. 

In questi casi, il versamento della tassa erariale e del contributo, deve essere eseguito solo dopo l’assegnazione della sede d'esame da parte del competente Direttore generale.

 

Esenzione tasse scolastiche 2017 limite reddito ISEE:

Il MIUR, con la nota prot. n.2076 del 23 febbraio 2016, ha provveduto a pubblicare il limite di reddito rivalutato dell’1% in base al tasso d’inflazione 2016, da applicare ai casi di esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche per il nuovo anno scolastico.

Sulla base della suddetta nota, ecco la nuova tabella limiti di reddito esonero tasse scolastiche 2017:

Nuclei familiari con 1 solo componente: 5.336,00 euro;

2 componenti: limite reddito pari a 8.848,00 euro;

3 componenti: 11.372,00 euro;

4 componenti: 13.581 euro;

5 componenti: 15.789 euro;

6 componenti: 17.895 euro

7 componenti e oltre; 19.996 euro.

 Vedi anche le novità introdotte dallo Student Act scuola superiore Legge di Bilancio 2017.

 

Pagamento tasse scuola superiore: quando e per chi è obbligatorio?

Il pagamento delle tasse scolastiche, non è dovuto per gli studenti iscritti, o che devono iscriversi, alla scuola primaria e secondaria di primo grado.

Sono esonerati dal pagamento delle tasse scolastiche erariali, anche gli studenti che si iscrivono al 1°, 2° e 3° anno di scuola superiore, ossia, di istruzione secondaria di secondo grado.

Il pagamento tasse scolastiche 2017 è obbligatorio, invece, per gli studenti che devono isciversi al 4° e 5° anno della scuola superiore.

Ai sensi del Decreto legislativo 16 Aprile 1994, n. 297, art. 200, però è ammessa l'esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche, per meriti delo studente, per motivi economici, e quindi basso reddito familiare o per l'appartenenza a speciali categorie di beneficiari.

 

Tasse scuola 2017: Contributo scolastico e dichiarazione dei redditi

Come più volte confermato dallo stesso Ministero dell'Istruzione, il contributo scolastico non è obbligatorio, nel senso che la scuola non può richiedere al genitore, o alla famiglia in generale, di richiedere e farsi pagare contributi obbligatori di qualsiasi genere o natura sia per l'espletamento delle attività che al meteriale scolastico come fotocopie, materiale didattico o altro), fatta eccezione per la richiesta di eventuali rimborso di spese anticipate dalla scuola per conto delle famiglie medesime, come ad esempio:

Assicurazione individuale degli studenti per RC e infortuni;

Libretto delle assenze;

Gite scolastiche, etc.

Il contributo volontario scolastico non è quindi obbligatorio e deve essere versato solo ed esclusivamente se la famiglia dello studente, vuole aiutare e sostenere la scuola.

Tasse scuola 2017 dichiarazione dei redditi: Per conoscere tutte le novità leggi i nostri articoli di approfondimento su:

Spese istruzione detraibili dalla dichiarazione dei redditi;

Detrazione spese frequenza e deduzione contributo volontario scolastico.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti