Domanda di disoccupazione 2017 online: requisiti INPS importo durata

Domanda di disoccupazione 2017 online come richiederla, quando presentarla all'INPS requisiti, quanto spetta d'indennità, calcolo importo mensile e durata

Commenti 0Stampa

Purtroppo sono tanti i lavoratori che, anche il prossimo anno, si troveranno costretti a presentare la domanda di disoccupazione 2017 a causa di un licenziamento involontario.
Ecco perché abbiamo voluto scrivere una guida semplice e pratica, su quali sono i requisiti per accedere alla disoccupazione 2017, come fare a richiederla online e come calcolare l’importo e la durata dell’indennità spettante nel nuovo anno.

 

Chi ha diritto alla disoccupazione 2017?

I lavoratori che hanno diritto alla disoccupazione 2017, sono:

Tutti i lavoratori a tempo indeterminato e determinato; 

  • Lavoratori a tempo determinato PA;
  • Apprendisti; 
  • Soci lavoratori che hanno aderito o instaurato dopo l'associazione, un rapporto di lavoro in forma subordinata:
  • Personale artistico con rapporto di lavoro subordinato.

Sei un collaboratore domestico che è stato licenziato? Vedi: Domanda di disoccupazione colf e badanti.

Non hanno diritto alla disoccupazione Naspi:

  • Dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni
  • Operai agricoli a tempo determinato o indeterminato.
  • Lavoratori extracomunitari con premesso di soggiorno per lavori stagionali;
  • Lavoratori titolari di pensione.
  • Coloro che hanno cessato il contratto subordinato a seguito di dimissioni volontarie o risoluzione consensuale, fatta eccezione per alcuni casi particolari.

 

Domanda di disoccupazione 2017 requisiti INPS:

Prima di illustrare i requisiti che servono per presentare la domanda di disoccupazione nel 2017, è necessario iniziare la nostra guida, con una piccola premessa: a partire dal 1° maggio 2015, è entrata in vigore, per effetto di uno dei decreti attuativi del Jobs Act sul riordino degli ammortizzatori sociali, la nuova indennità di disoccupazione Naspi. 

A seguito di questa novità, è cambiata la normativa sulla disoccupazione, gli aventi diritto, i requisiti, l’importo e la durata dell’indennità per i lavoratori che perdono involontariamente il lavoro.

Detto ciò, vediamo i requisiti Inps per presentare la domanda di disoccupazione 2017:

1) Stato di disoccupazione: la richiesta di riconoscimento dello status di disoccupato, avviene in automatico, presentando la domanda di disoccupazione online all’inps, con conseguente obbligo per il lavoratore, di recarsi al Centro per l’Impiego, per stipulare il patto di servizio personalizzato.

2) Almeno 13 settimane di contributi versati nei 4 anni precedenti il licenziamento;

3) Almeno 30 giornate di lavoro effettivo o equivalenti nei 12 mesi prima dell’inizio del periodo di disoccupazione, a prescindere dai contributi versati. 

Vuoi maggiori informazioni sulla disoccupazione Inps?

 

Domanda di disoccupazione online 2017: come richiederla all’INPS?

Domanda di disoccupazione online 2017 come si presenta all’Inps?

La domanda di disoccupazione Naspi 2017, per gli eventi di licenziamento che si verificano a partire dal 1° gennaio 2017, deve essere presentata online, ossia, per via telematica all’Inps, utilizzando i moduli domanda di disoccupazione, ufficiali.

Pertanto, il lavoratore che perde il lavoro, può presentare la domanda di disoccupazione online 2017, in queste 3 modalità:

  1. Direttamente online, se possiede il Pin Inps dispositivo, accedendo ai servizi telematici del portale dell'Istituto;
  2. Chiamando il numero verde INPS: n. 803164 gratuito da rete fissa oppure n. 06164164 da rete mobile;
  3. Recandosi presso Caf e Patronati: che provvederanno ad inviare la domanda online, gratuitamente.

 

Disoccupazione 2017 quando presentarla? Scadenza entro 68 giorni:

La domanda di disoccupazione va richiesta all’INPS, entro 68 giorni dalla data di:

  • Cessazione dell'ultimo contratto di lavoro. Se durante i 68 giorni, si verifica un evento di maternità indennizzabile, la scadenza, rimane sospesa per tutto il periodo e riprende per la parte residuale, una volta terminato il periodo oggetto di indennizzo. In caso di malattia indennizzabile dall’inps o di infortunio sul lavoro/malattia professionale indennizzabile dall’INAIL, durante i 68 giorni, il termine è sospeso per la durata dell’evento;
  • Cessazione del periodo di maternità indennizzato, qualora si sia verificato durante il rapporto di lavoro, poi cessato;
  • Cessazione del periodo di malattia o di infortunio/malattia professionale, insorti quando il rapporto di lavoro era ancora in essere;
  • Definizione della vertenza sindacale o dalla data di notifica della sentenza giudiziaria;
  • Di fine del periodo corrispondente all’indennità di mancato preavviso ragguagliato a giornate;
  • Dal 30° giorno successivo alla data di cessazione per licenziamento per giusta causa.

 

Domanda di disoccupazione 2017: calcolo dell’importo e durata Naspi:

Per quanto riguarda il calcolo disoccupazione NASPI, ossia, il calcolo dell’importo dell’indennità di disoccupazione 2017, si calcola dividendo la somma di tutte le retribuzioni imponibili ai fini previdenziali, ricevute negli ultimi 4 anni, per il numero di settimane di contribuzione. 

Infine, moltiplicare il quoziente ottenuto, per il numero 4,33.

In base al risultato, quindi, se la retribuzione è pari o superiore a 1.195 euro (soglia 2016), l’indennità Naspi è pagata al 75% mentre se superiore a tale soglia,si aggiunge una somma pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo. In ogni caso, l’importo non può comunque superare i 1300 euro al mese.

va tenuta presente inoltre, che in base alla nuova normativa Naspi, è prevista una progressiva riduzione dell’importo dell’assegno di disoccupazione, a partire dal 91° giorno. Tale riduzione, consiste nel ridurre l’importo della naspi, del 3% al mese.

La durata dell’indennità di disoccupazione 2017, dipende da quanti contributi il lavoratore ha versato, prima di essere licenziato, ma in ogni caso, non può superare la durata massima di 2 anni.
In particolare, la durata massima di disoccupazione 2017, è pari alla metà delle settimane coperte dai contributi versati negli ultimi 4 anni, precedenti al giorno di perdita del lavoro.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti