Docfa 4 Agenzia delle Entrate: download software accatastamento

Docfa 4 è un software gratuito messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate per la compilazione delle domande di accatastamento e denuncia variazioni

Commenti 0Stampa

DOCFA 4.00.2 è il software gratuito messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per aiutare tecnici professionisti come geometri, architetti, ingegneri, ecc. nella compilazione e presentazione agli uffici tecnici erariali del modello di "Accertamento della Proprietà Immobiliare Urbana". 

L’ultima versione di Docfa 4.00.2 (Documenti Catasto Fabbricati) è obbligatoria dal 1 dicembre e può essere utilizzata per presentare al Catasto:

  • dichiarazioni di fabbricato urbano o nuova costruzione (accatastamento)

  • denunce di variazione

  • denunce di unità afferenti ad enti urbani

   

Docfa 4 Agenzia delle Entrate: cos’è e come funziona?

Il software gratuito dell’Agenzia delle Entrate, si chiama DOCFA ed è stato istituito dal gennaio 1996 per aiutare i professionisti del settore nella compilazione e nella presentazione telematica online presso gli uffici catastali dei documenti tecnici di aggiornamento degli immobili urbani.

L’ultima versione aggiornata del software è Docfa 4.00.1 da poco rilasciata dall’Agenzia è stata introdotta come da Circolare n.2 2012 Agenzia del Teritorio per facilitare le procedure relative al censimento dei fabbricati rurali nel Catasto, da effettuarsi in base alla sussistenza del requisito di ruralità fermo restando il classamento originario degli immobili rurali ad uso abitativo, infatti, in base al comma 14-Ter dell’articolo 13 del Decreto Legga n.2011 del 2011 ha previsto che i "fabbricati rurali iscritti nel catasto terreni, con esclusione di quelli che non costituiscono oggetto di inventariazione, devono essere dichiarati al catasto edilizio entro il 30 novembre 2012", ma è delle ultime ore la possibilità che questa scadenza possa essere prorogata a luglio 2013 dopo le continue richieste da parte dei tecnici visto le difficoltà della migrazione dei fabbricati rurali, ancora censiti al catasto terreni, al catasto civile urbano.

Nelle ultime ore difatti sono trapelate diverse indiscrezioni sulla possibilità di un eventuale proroga della scadenza per l’accatastamento fabbricati rurali ma ciò andrebbe a scontrarsi duramente con la logica del Governo Monti, che nonostante le forti pressioni sia da parte delle forze politiche che dalle associazioni di categoria, rimane fermo sul termine del 30 novembre a causa di una probabile ripercussione sulla riscossione dell’IMU, alla quale saranno appunto assoggettati anche gli immobili rurali.

Una paura però discutibile dal momento che secondo i professionisti del settore, una proroga retroattiva non andrebbe a ledere il pagamento dell’IMU in quanto una quantificazione di una rendita provvisoria senza l’archiviazione del dato, consentirebbe immediatamente la riscossione dell’IMU e, successivamente, l’assoggettamento del fabbricato a tutti gli oneri fiscali ed eventuali conguagli previsti.

 

Docfa 4.00.2: novità aggiornamento

La nuova versione del software Docfa 4.00.2 Agenzia del Territorio riguarda l’aggiornamento del software rilasciato per facilitare l’invio online di:

  • Dichiarazione di variazione presentata ai sensi del DM 26/7/2012

  • Dichiarazione di variazione presentata ai sensi dell’art. 13, comma 14-ter, del DL 201/2011

  • dichiarazioni di fabbricato urbano o nuova costruzione (accatastamento)

  • denunce di unità afferenti ad enti urbani 

 

1) Novità Docfa 4.00.2: Tipologia Documento 1 e 2

Per Docfa 4.00.2 sono state introdotte nuove funzionalità per la trasmissione telematica degli allegati ed il suo utilizzo è obbligatorio a partire dal 1 dicembre 2012. Tale versione, prevede nuove "Tipologie di Documento" per le dichiarazioni dei fabbricati rurali per le quali sono state previste le nuove modalità di registrazione in Catasto. Nello specifico la Tipologia:

Documento 1: deve essere utilizzata per le dichiarazioni di fabbricati di nuova costruzione o oggetto di interventi edilizi, per i quali sussistono i requisiti di ruralità, ai sensi dell’art.2, comma 5 del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 26 luglio 2012, ovvero del successivo comma 7 dello stesso articolo. Per tale opzione è necessario allegare le previste autocertificazioni redatte utilizzando i modelli allegati al citato decreto ministeriale. 

Documento 2: va utilizzata invece per le dichiarazioni al Catasto Edilizio Urbano di fabbricati rurali già censiti al Catasto Terreni, purché costituenti unità immobiliari ovvero immobili o loro porzioni che, nello stato in cui si trovano, sono di per se stessi utili ed atti a produrre un reddito proprio, ai sensi dell’art. 13, comma 14-ter, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214. Per tale opzione è necessario allegare le previste autocertificazioni redatte utilizzando i modelli allegati al decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 26 luglio 2012.

Qualora si tratti di UIU già censita in una delle categorie del gruppo D, diversa dalla categoria D/10, e si voglia solo dichiarare la ruralità del bene (UIU a destinazione speciale, strumentale all’attività agricola), si utilizza la tipologia di documento 1, contestualmente alla selezione della nuova causale “Richiesta ruralità” (Docfa “Semplificato”).

Nel caso di una dichiarazione Docfa, in forma ordinaria non semplificata, con dichiarazione di ruralità, si possono selezionare entrambe le tipologie di documento menzionate, a seconda del caso ricorrente. La richiesta di ruralità non è ammessa per tutte le destinazioni catastali (ad esempio sono escluse le categorie A/1 e A/8, nonché quelle comprese nei gruppi E ed F).

 

2) Novità Docfa 4.00.2: nuova causale Richiesta Ruralità

In Docfa 4.00.1 Progeo è stata introdotta una nuova causale di variazione: “Richiesta ruralità”, che può essere utilizzata solo in combinazione con la tipologia di documento 1, ossia solo per le dichiarazioni di fabbricati di nuova costruzione o oggetto di interventi edilizi, per i quali sussistono i requisiti di ruralità, e consente nel caso di unità immobiliari già censite nel gruppo delle categorie D (eccetto la D/10), la presentazione di variazioni semplificate, per la cui compilazione sono richiesti solo i dati identificativi dell’immobile.

 

3) Novità Docfa 4.00.2: Autocertificazione e allegati

Le novità Docfa 4.00.1 riguardano anche la possibilità di poter allegare alla presentazione telematica degli atti del classico documento DOCFA anche altri documenti quali:

  • Autocertificazione per Fabbricati Rurali: le Domande di iscrizione al Catasto del requisito di ruralità devono essere accompagnate dall’autocertificazione del richiedente che deve essere obbligatoriamente sottoscritta su apposito Modello: Modello B per le unità rurali abitative e Modello C per le unità rurali strumentali e non abitative che si riferiscono alle destinazione tipicamente del settore agricolo, come allevamento o ricovero bestiame, se la domanda viene presentata da rappresentanti legali di cooperative di imprenditori agricoli o consorzi è necessario integrare la dichiarazione redatta sul Modello C con l’elenco degli identificativi catastali dei fondi che costituiscono l’aziende agricole dei soci, e deve contenere la dichiarazione appunto che l’immobile possiede i requisiti di ruralità a decorre da 5 anni prima dalla data di presentazione della domanda. Le dichiarazioni Docfa di fabbricati rurali privi delle necessarie autocertificazioni non potranno essere registrate e quindi inviate e costituiranno motivo di rifiuto per incompletezza o per difformità dell’autocertificazione rispetto ai modelli allegati al Decreto. 

  • Allegati in formato:

    • TIFF: (estensione .tif) con documenti in formato immagini digitali, il cui file può essere aperto, modificato e salvato ed è riconoscibile da tutti i più diffusi programmi di elaborazione delle immagini.

    • PDFA: formato PDF per le amministrazioni pubbliche Italiane

4) Causali di esenzione dal pagamento del tributo speciale catastale:

Altra novità del programma Docfa 4.00.1 è l’introduzione della voce “Altro” e di causali di “gratuità” specifiche, per le quali è prevista la disabilitazione della compilazione del campo contenente il numero di unità costituite o derivate per il conteggio del tributo dovuto.

Le causali di “gratuità” si riferiscono:

  • Allineamento Identificativo Catastale

  • Variazione Toponomastica 

  • Planimetria già presentata in via Cartacea

In tutti gli altri casi, non è ammesso il valore zero per il conteggio del tributo dovuto, e quindi deve essere sempre applicato il tributo speciale catastale, secondo le tariffe vigenti al momento della presentazione. 

 

DOCFA 4: Domanda accatastamento

Una volta inserita la Domanda di iscrizione al catasto del requisito di Ruralità attraverso il sistema DOCFA 4.00.2, viene registrata, lavorata, verificata e controllata dagli organi preposti dell’Agenzia del Territorio. Pertanto, l’esito negativo della verifica viene accertato con provvedimento motivato del Direttore dell’Ufficio e registrato negli atti catastali come: Mancato riconoscimento della ruralità dichiarata con domanda/richiesta prot. n° del, che aggiorna i dati inseriti nel catasto. Il diniego della ruralità viene notificato ai soggetti interessati che possono impugnare la decisione dinnanzi alla Commissione Tributaria Provinciale. 

In caso di esito positivo invece l’annotazione sarà: Dichiarata sussistenza dei requisiti d ruralità con domanda/richiesta prot. n. del

 

Docfa 4 Agenzia del Territorio: download software

La nuova versione del software per la compilazione e l’invio telematico delle domanda per il requisito di ruralità dei fabbricati rurali e per le denunce di variazioni e censimento immobili, Docfa 4.00.1 Agenzia del Territorio, può essere scaricato dai professionisti del settore con download software Docfa 4.00.1 gratuito dal sito dell’Agenzia delle Entrate con tutte le informazioni tecniche, supporto, istruzioni e guida all’installazione del programma zippato.

Docfa 4.00.2 Agenzia delle Entrate

Dopo aver eseguito la decompressione del file, nella directory verrà copiato in automatico il file di installazione Docfa4.00.1-Setup.exe, ciò consentirà al programma di installare direttamente la procedura eseguendo il file Docfa4.00.1-Setup.exe.
Prima dell’utilizzo della procedura si consiglia di leggere il file LEGGIMI.TXT presente nella directory di installazione.

  

Siti e link di riferimento ufficiale Docfa 4 Agenzia del Territorio

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti