EconomiaWeb

Dichiarazione Successione Editabile 2014: modello denuncia compilabile

Dichiarazione Successione Editabile 2014: modello denuncia compilabile

Dichiarazione Successione Editabile 2014 2015 modulo 4 salvabile e compilabile va presentato all’Agenzia Entrate entro 1 anno dalla morte del congiunto

Dichiarazione Successione Editabile 2014: modello denuncia compilabile

La Dichiarazione di Successione 2014 2015 o denuncia di successione è una comunicazione obbligatoria che gli eredi devono presentare mediante apposita modulistica all’Agenzia delle Entrate entro 1 anno dalla morte del proprio congiunto. Questo obbligo, riguarda sia gli eredi che hanno o intendono accettare l’eredità, chi vi ha già rinunciato o rinuncerà, sia ai rappresentanti legali che agli esecutori testamentari. 

Tale dichiarazione di successione legittima, deve essere redatta su specifico modello chiamato: Modulo 4 - Dichiarazione di Successione facilmente reperibile presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate o online, scaricabile con download gratuito sul sito ufficiale dell’Agenzia in formato pdf e in formato doc. ovvero editabile, compilabile, modificabile.

 

Dichiarazione di successione 2014 2015 Editabile: Modulo 4 compilabile

Il modulo 4 - Dichiarazione di Successione editabile in formato doc. consente ai contribuenti di poter compilare direttamente dal proprio pc tutti i campi dei riquadri del modello contrassegnati da una lettera e da un titolo, nei quali vanno indicati gli eredi e i legatari, il valore dell’eredità con la descrizione analitica degli immobili, azioni e titoli intestati al defunto, quote di partecipazione non quotate in borsa né negoziate al mercato ristretto, aziende, altri beni, beni trasferiti a titolo oneroso negli ultimi sei mesi dal defunto ed eventuali detrazioni), le donazioni e le liberalità effettuate dal defunto e le passività. L’ultima parte è, invece, riservata all’ufficio.

Modello Denuncia di Successione 2014 2015 Editabile, compilabile, download gratuito, formato doc editabile

 

Dichiarazione di Successione 2014 2015 Agenzia delle Entrate: modello pdf

Il modello dichiarazione di successione in formato pdf si trova nella sezione moduli e nelle note informative "dichiarazione di successione" del sito dell’Agenzia delle Entrate. E’ bene ricordare che la registrazione della comunicazione di denuncia di successione può essere eseguita anche da un solo soggetto obbligato e deve essere redatta su modulistica conforme a quella approvata dal Ministero delle Finanze e presentata all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente su base territoriale, ovvero, in base all’ultimo domicilio del defunto mentre per i congiunti deceduti all’estero vale l’ultimo domicilio in Italia, se conosciuto, altrimenti è competente l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate di Roma.

 Dichiarazione di successione modello Agenzia delle Entrate: Modulo 04 - Dichiarazione di successione - pdf

 

Dichiarazione di successione 2014 2015 per chi è obbligatoria?

Dichiarazione di successione editabile 2015 2015 per chi e quando è obbligatoria? Le persone o soggetti che sono obbligati a presentare all’Agenzia delle Entrate il modello per la dichiarazione di successione entro 1 anno dalla morte del congiunto, sono:

Eredi e Legatari

Immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta

Amministratori dell’eredità

Curatori delle eredità giacenti

Esecutori testamentari

Trust

 

Dichiarazione di successione 2014 2015 quando non è obbligatoria?

La dichiarazione di successione 2014 2015 non è obbligatoria quando sussistono i requisiti di esenzione dichiarazione di successione. Tali requisiti, sono stati recentemente modificati dall'entrata in vigore del Decreto Semplificazioni varato dal governo Renzi che ha previsto che i contribuenti sono esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione di successione, qualora l’eredità devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta abbia un valore non superiore a 100 mila euro e non comprenda immobili o diritti reali immobiliari. Attualmente, invece, la soglia che fa scattare l’obbligo di dichiarazione di successione è di 25.822 euro. Inoltre, è stato tolto l’obbligo di allegare alla dichiarazione, i documenti in originale, pertanto, i contribuenti eredi possono allegare alla dichiarazione di successione copie non autenticate di documenti, accompagnate da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio successione eredi e scompare anche l’obbligo di presentare la dichiarazione integrativa in caso di rimborso fiscale erogato dopo la dichiarazione di successione.

Valore Eredità coniuge e parenti in linea retta Presentazione Dichiarazione di Successione
eredità di valore non superiore ad euro 100.000 euronon deve essere presentata la dichiarazione, né pagata alcuna imposta
eredità di valore superiore ad euro 100.000 eurooccorre presentare la dichiarazione anche se non deve essere pagata alcuna imposta
eredità di valore oltre 1.000.000 eurodeve essere presentata la dichiarazione, e pagata l’imposta di successione.
 

Importante: Gli eredi e i legatari che hanno presentato la dichiarazione di successione sono esonerati dall’obbligo della dichiarazione ai fini dell’imposta comunale sugli immobili IMU. E’ infatti a cura dell’Agenzia delle Entrate che riceve la dichiarazione di successione a trasmetterne copia a ciascun Comune in cui sono ubicati gli immobili. 

 

Dichiarazione di successione editabile 2014 2015 come si compila il modulo 4?

Dichiarazione di successione editabile 2014 2015 come si compila il modulo 4? Ogni modello di dichiarazione di successione, sia esso in versione editabile e che in pdf o cartaceo, va compilato dagli eredi con i seguenti dati e informazioni da riportare:

Pagina 1 Modello Dichiarazione Successione: va indicata la data del decesso, i dati anagrafici del defunto, i dati del testamento se non c’è procedere barrando la casella Legge, e indicare il valore dell’asse ereditario.

Pagina 2 Modello Dichiarazione Successione: va indicato il grado di parentela con il de cuius, ovvero, con la persona deceduta, e l’elenco degli allegati alla dichiarazione.

Pagina 3 Modello Dichiarazione Successione Quadro A: va indicato per ogni erede, il grado di parentela, i dati anagrafici ed il codice fiscale.

Pagina 4 Modello Dichiarazione Successione Quadro B: vanno indicati i dati catastali degli immobili ereditati dalla persona defunta.

Pagine 10,11,12 Modello Dichiarazione Successione: vanno inserite le eventuali osservazioni. 

 

Dichiarazione di Successione Editabile compilazione dati anagrafici e beni immobili:

Nella dichiarazione di successione devono necessariamente essere indicati:

dati anagrafici del defunto

dati anagrafici degli eredi e legatari

indicazione del grado di parentela con il defunto

Deve, inoltre, essere riportata la descrizione analitica di tutti i beni e diritti soggetti all’imposta, con il relativo valore, intestati al defunto, ovvero, indicazione di:

  • beni immobili

  • aziende

  • partecipazioni in società di qualsiasi genere

  • quote di partecipazione non quotate in borsa né negoziate al mercato ristretto

  • altri beni

  • beni trasferiti a titolo oneroso

  • donazioni

  • conti correnti bancari

  • investimenti finanziari, ad esclusione dei titoli di Stato o equiparati

Esempio Fac simile Compilazione Modello Dichiarazione Successione: Esempio Fac simile Compilazione Modello Dichiarazione Successione

 

Dichiarazione di Successione documenti 2014 2015:

Dichiarazione di Successione 2014 2015 cosa serve e quali documenti?

L'entrata in vigore del decreto SEMPLIFICAZIONI FISCALI ha introdotto importanti novità in tema di dichiarazione di successione 2014. Infatti, non è più obbligatorio allegare la denuncia con gli originali o le copie autenticate dei documenti, ma sono sufficienti le copie non autenticate, insieme alla dichiarazione sostitutiva atto di notorietà.

L’art. 30 dello stesso Testo Unico obbligava, invece, ad allegare alla dichiarazione di successione la copia autentica di alcuni documenti quali gli atti di ultima volontà dai quali è regolata la successione; l'atto pubblico o la scrittura privata autenticata dai quali risulta l'eventuale accordo delle parti per l'integrazione dei diritti di legittima lesi; l’ultimo bilancio o inventario di cui all’art. 15, comma 1; i documenti di prova delle passività e degli oneri deducibili nonché delle riduzioni e detrazioni di cui agli articoli 25 e 26 del medesimo Testo Unico.

Gli eredi quindi devono presentare la denuncia di Successione con il modulo 4 Dichiarazione di successione + i seguenti documenti:

  • Certificato di Morte con auotcertificazione.

  • Fotocopia dei codici fiscali del defunto e di tutti gli eredi

  • fotocopia di un documento di identità del defunto e di tutti gli eredi.

  • Autocertificazione in carta semplice da cui risultino le generalità del defunto nonché la parentela e le generalità di tutti i suoi eredi e legatari.

  • Autocertificazione per le agevolazioni prima casa.

  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio indicante i soggetti ai quali è devoluta l’eredità o eventuale testamento che regola la successione con estratto per riassunto dell’atto di morte.

  • Eventuali atti di rinuncia accettazione eredità.

  • Per ciascun Immobile oggetto di successione è necessario presentare 1 copia del titolo di provenienza: in caso di compravendita, donazione, divisione: è necessario il rogito notarile con il quale è stato acquistato dal defunto e in caso di precedente successione: portare la copia della dichiarazione di successione.

  • Documentazione catastale: allegando eventuali licenze, concessioni e condoni nonché eventuali accertamenti di valore

  • Rendita catastale: se l’immobile è privo di rendita richiederla all’Agenzia del Territorio onde evitare futuri accertamenti, anche in conguaglio

  • In caso di successione di terreni agricoli o suoli edificatori: si consiglia di richiedere al Sindaco del Comune ove sono ubicati gli immobili, un certificato di destinazione urbanistica, allo scopo di fornire all’ufficio elementi per l’accertamento di valore.

 

Dichiarazione di successione scadenza: entro quanto tempo va presentata dagli eredi?

La dichiarazione di successione è una comunicazione obbligatoria che gli eredi devono presentare all’Agenzia delle Entrate entro 1 anno dal decesso del congiunto mediante compilazione dell’apposito Modulo Dichiarazione di Successione che va successivamente presentato all’ufficio della Circoscrizione, ove, era fissata l’ultima residenza del defunto.

Nel caso in cui, il congiunto deceduto non abbia la residenza italiana o se il decesso è sopraggiunto all’estero, la denuncia di successione da parte degli eredi deve essere presentata presso l’Agenzia presente nella circoscrizione in cui era fissata l’ultima residenza italiana conosciuta, nel caso in cui non si conosca invece l’ultimo indirizzo, la denuncia di successione va presentata: all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate di "ROMA 6", in Via Canton 20 – CAP 00144 Roma.

Successivamente alla presentazione della dichiarazione di successione  all’Agenzia, gli eredi sono tenuti entro 30 giorni a presentare la richiesta di voltura degli immobili agli uffici dell’Agenzia del Territorio.

 

Dichiarazione di Successione 2014 2015 voltura immobili:

A seguito di un decesso da parte di un congiunto, gli eredi, i loro tutori o curatori, gli amministratori dell’eredità o gli esecutori testamentari sono obbligati oltre che a presentare il modello di Dichiarazione di successione all’agenzia delle entrate entro 1 anno dalla morte, anche alla presentazione della domanda di voltura degli immobili, ove fosse l’intestatario la persona deceduta, per aggiornare in catasto gli attuali intestatari del bene immobile.

Nel caso in cui la persona che ha lasciato l’eredità, sia stato titolare del diritto di usufrutto, il nudo proprietario deve presentare la voltura catastale per la riunione di usufrutto.

La domanda di voltura catastale obbligatoria in caso di decesso dell’intestatario di un immobile lasciato in eredità ai congiunti, va compilata per via telematica, per verificare le modalità di presentazione domanda voltura catastale successione e vendita immobili

La richiesta della voltura va poi presentata o spedita per posta raccomandata entro 30 giorni all’Ufficio provinciale nel cui territorio di competenza ha sede l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate presso il quale è stata registrata la denuncia di successione.

 

Come si calcola il valore catastale di un immobile in successione?

Il valore catastale di un immobile si calcola moltiplicando la rendita catastale (rivalutata del 5%) per i seguenti coefficienti:

  • 110: per la prima casa

  • 120: per i fabbricati appartenenti ai gruppi catastali A e C (escluse le categorie A/10 e C/1)

  • 140: per i fabbricati appartenenti al gruppo catastale B

  • 60: per i fabbricati delle categorie A/10 (uffici e studi privati) e D

  • 40,8: per i fabbricati delle categorie C/1 (negozi e botteghe) ed E.

Per i terreni non edificabili il valore imponibile si determina, invece, moltiplicando per 90 il reddito dominicale già rivalutato del 25%. 

 

Dichiarazione di succession calcolo costo Imposta:

Con la dichiarazione di Successione gli eredi sono tenuti al pagamento dell’imposta di successione che non va versata immediatamente, ma solo dopo che la denuncia sia stata liquidata dall’Agenzia delle Entrate. Dalla data di accettazione e registrazione della dichiarazione di successione, gli eredi devono effettuare il versamento dell’imposta entro 60 giorni tramite modello F23.

Nei casi di eredità con beni immobile, prima di presentare la dichiarazione di successione gli eredi sono tenuti ad autoliquidare, cioè a pagare:

Imposte ipotecaria: 2% dell'immobile

Imposte catastale: 1%: misura di 200 euro per prima casa

Imposte di bollo: 64,00 euro

Tassa ipotecaria: 35 euro

Diritti di segreteria

Tributi per certificati

 

Calcolo Imposta di Successione: Aliquote

Per calcolare l’Imposta di successione occorre distinguere le diverse aliquote di Imposta di successione in base all’asse ereditario:

aliquota imposta successione al 4%: per coniuge e parenti in linea retta con una franchigia di un milione di euro per ciascun beneficiario

aliquota imposta successione al 6%: per gli altri parenti fino al 4°e degli affini in linea retta, nonché degli affini in linea collaterale fino al terzo grado, con una franchigia di 100.000,00 euro per ciascun fratello o sorella

aliquota imposta successione all’8%: per tutti gli altri soggetti

Importante: Se il beneficiario è persona portatrice di handicap riconosciuto grave ex L. n. 104/1994 la franchigia è di un milione e mezzo di euro.

In altre parole, le aliquote di Imposta successione variano in base al grado di parentela e quote, nello specifico: 

EredeAliquote Imposta di SuccessioneImposta Ipotecarie e Catastali
Coniuge4% sulla quota ereditata eccedente 1 milione di euroimposta ipotecaria (2%) e catastale (1%) sugli immobili
(o di 200 euro ciascuna, se per l’erede è una prima casa))
Parenti in linea retta4% sulla quota ereditata eccedente 1 milione di euro
Fratelli e sorelle6% sulla quota ereditata eccedente 100 mila euro
imposta ipotecaria (2%) e catastale (1%) sugli immobili
(o di 200 euro ciascuna, se per l’erede è una prima casa)
Parenti affini fino al 4°grado6% sulla quota ereditata (senza alcuna franchigia)imposta ipotecaria (2%) e catastale (1%) sugli immobili
(o di 200 euro ciascuna, se per l’erede è una prima casa)
Affini fino al 3° grado6% sulla quota ereditata (senza alcuna franchigia)imposta ipotecaria (2%) e catastale (1%) sugli immobili
(o di 200 euro ciascuna, se per l’erede è una prima casa)
Altri soggetti8% sulla quota ereditata (senza alcuna franchigia)imposta ipotecaria (2%) e catastale (1%) sugli immobili
(o di 200 euro ciascuna, se per l’erede è una prima casa)

 

Se a beneficiare del trasferimento è una persona portatrice di handicap grave, riconosciuta tale ai sensi della legge n. 104/1992, l’imposta si applica sulla parte del valore della quota che supera 1.500.000 euro. 

 

Dichiarazione di Successione 2014 imposta Ipotecaria e catastale:

Nel caso in cui l’oggetto della successione ci sono beni immobili o diritti reali immobiliari, oltre all’imposta di successione, sono dovute anche le imposte ipotecarie e catastali.

Tali imposte a partire dal prossimo anno subiranno aumento imposte di registro, ipotecaria e catastale 2014 da 168 euro a 200 euro se è prima casa per la quale appunto è prevista l’agevolazione se non di lusso.

Tale agevolazione spetta se il beneficiario (ovvero, nel caso di immobili trasferiti a più beneficiari, almeno uno di essi), ha i requisiti necessari per fruire dell’agevolazione cd. "prima casa", ovvero se:

  • abbia la residenza nel Comune in cui si trova l’immobile o si obblighi a trasferirla entro diciotto mesi

  • non abbia altre abitazioni nello stesso comune

  • non abbia altre abitazioni acquistate con le agevolazioni della prima abitazione

Per ulteriori informazioni sui requisiti prima casa vedere Nuova Guida Fiscale successioni Agenzia delle Entrate.

 

Imposta di Successione come si paga con il modello f23? 

Le imposte di successione vanno pagate dagli eredi con modello f23 se accettano l’eredità da parte del defunto, l’accettazione e la rinuncia deve essere sempre comunicata all’Agenzia delle Entrate con la Dichiarazione di Successione da presentare entro 1 anno dalla morte del congiunto. Le imposte di successione e ipotecarie e catastali devono essere versate se nell’asse ereditario è presente uno o più immobili lasciati agli eredi e vanno pagate tramite Modello F23 - tributi presso banche o tramite l’esattoria competente per territorio.

La ricevuta del versamento dell’imposta di successione va presentata in allegato con il resto dei documenti richiesti per procedere alla denuncia di successione da parte degli eredi.

 

Cosa va indicato nel Modello Dichiarazione di Successione? 

Dichiarazione di Successione: Conto Corrente persona deceduta o cointestato. Nella Dichiarazione di successione vanno indicati i Conti Correnti intestati al defunto, pertanto, gli eredi devono richiedere alla banca o agli intermediari finanziari di comunicare per iscritto la situazione economica del congiunto al momento della morte, non tenendo conto degli addebiti derivanti da assegni presentati per il pagamento almeno 4 giorni prima della morte, indipendentemente dalla data di emissione. Nello specifico la banca e gli intermediari dovranno rilasciare previa richiesta degli eredi in successione:

  • il saldo dei conti

  • il valore dei titoli

  • il valore dei fondi di investimento

Per i conti correnti, i titoli e i rapporti cointestati tra il defunto e altre persone devono essere considerati divisi al 50%, pertanto, in caso di cointestazione tra il defunto e un altro soggetto, il valore da indicare nella successione è pari alla metà.

 

Dichiarazione di Successione: l’Automobile o moto intestate alla persona defunta vanno inserite nel modello?

Nella Dichiarazione di successione non devono essere inserite né l’automobile né la moto o altri veicoli anche se intestate alla persona defunta, gli eredi devono semplicemente fare la richiesta della registrazione dell’atto di accettazione dell’eredità di un veicolo presso uno Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) quando si dispone del certificato di proprietà (CdP). 

Se la richiesta viene presentata da un incaricato, alla documentazione deve essere allegata la delega rilasciata dall’erede, per il Pubblico Registro Automobilistico (PRA), il modello TT2120 per l’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC) e la fotocopia del documento di identità/riconoscimento dell’erede.

  

Dichiarazione di Successione 2014 2015 in caso di errori nel modello:

Se gli eredi si accorgono di aver effettuato degli errori sulla Dichiarazione di Successione: se hanno indicato per errore l’importo dell’imposta o il valore dell’eredità, possono rimediare presentando:

Dichiarazione di Successione integrativa: se ci sono altri immobili che non sono stati dichiarati nella successione principale, in questo caso vanno sempre pagate le imposte con un minimo per ogni imposta di euro 200,00 dal 2014.

Dichiarazione di Successione Modificativa: quando vanno fatte delle correzioni dal punto di vista catastale, mappale o necessità di integrare eventuali beni non inseriti nelle precedenti dichiarazione, in questo caso vanno pagate le imposte minime di 200 + 200 euro per ogni nuovo inserimento.

Importante: in ogni caso, sia che se si tratti di Dichiarazione Principale, Integrativa o Modificativa vanno sempre versate la tassa ipotecaria di 35 euro e l’imposta di bollo di 64,00 euro.

 

Dichiarazione di Successione omessa o ritardata presentazione modello:

Se la presentazione della dichiarazione di successione e il pagamento delle imposte obbligatorie vengono effettuate in ritardo o omesse dagli eredi dopo il termine di 12 mesi dalla data di apertura della successione, e quindi, dalla data di decesso del congiunto, possono regolarizzare la loro posizione con il fisco ricorrendo al ravvedimento operoso con una maggiorazione degli interessi nella misura del tasso legale rapportati agli effettivi giorni di ritardo rispetto alla scadenza, pagamento del tributo e sanzione ridotta da calcolare in base al ritardo rispetto la data di scadenza dei termini di presentazione, ciò consente di evitare l’applicazione di una sanzione omesso modello dichiarazione di successione in occasione di accertamento formale e controllo da parte dell’Agenzia fiscale che in caso di omessa presentazione della dichiarazione di successione punisce la violazione con una sanzione amministrativa dal 120% al 240% ovvero da 258 € 1.032 € dell’imposta liquidata dall’Ufficio delle Entrate.

Con il ravvedimento operoso dichiarazione successione nella denuncia Successione, gli eredi oltre a versare il tributo dovuto, devono calcolare le sanzioni ridotte nella seguente misura: 

A) Se la presentazione della Dichiarazione di Successione avviene in ritardo ma entro i primi 14 giorni:

Gli eredi possono ricorrere al Ravvedimento Operoso SPRINT, novità introdotta dal Governo Monti con il Decreto Salva Italia Dl 98/2011 che consente al contribuente di regolarizzare il ritardato pagamento con una penalità giornaliera sensibilmente ridotta pari ad una sanzione dello 0,2% per ciascun giorno di ritardo, oltre al pagamento degli interessi legali calcolati in base al tasso legale annuale che dal 1° gennaio 2012 equivale al 2,5% da calcolare sul numero dei giorni di ritardo, più il pagamento del tributo dovuto o la presentazione della dichiarazione successione integrativa. 
Nello specifico, il Ravvedimento Operoso Sprint è possibile utilizzarlo solo se il contribuente effettua il Pagamento complessivo di: Tributo +0,2% della sanzione minima di 258 euro + interessi legali: entro e non oltre i 14 giorni successivi alla scadenza del termine previsto per la presentazione, ovvero, entro 1 anno dalla morte del congiunto. Codice Tributo sanzione 672T.

B) Se la presentazione della Dichiarazione di Successione avviene in ritardo dal 15°giorno al 30°giorno: € 32,25 (corrispondente ad 1/8 della sanzione minima di 258 euro) con il codice tributo 672T . Il 3,75% del totale delle imposte versate in autoliquidazione; per le imposta ipotecaria, catastale e la tassa ipotecaria utilizzando un unico codice tributo (674T), per l’imposta di bollo il codice 675T. 

C) Se il ritardo è superiore ai 30 giorni ma la regolarizzazione avviene comunque entro 1 anno: € 51,60 (corrispondente ad 1/5 della sanzione minima di 258 euro) con il codice tributo 672T e Il 6% del totale delle imposte versate in autoliquidazione; per le imposta ipotecaria, catastale e la tassa ipotecaria utilizzando un unico codice tributo (674T), per l’imposta di bollo il codice 675T. 

Decorso un anno dalla scadenza per la presentazione della dichiarazione di successione (24 mesi dall’apertura della successione), non è più possibile accedere al ravvedimento operoso.

 

Siti di rieferimento ufficiale:

Dichiarazione di Successione Editabile 2014 2015 Agenzia delle Entrate

Risoluzione Agenzia delle Entrate successioni- pdf: Interpello ai sensi dell’articolo 11 della legge n. 212 del 2000 -Rettifica di valore degli immobili inseriti nella dichiarazione di successione – Decreto Legislativo 31 ottobre 1990, n. 346, articolo 31

 

Aggiornato il 13 settembre 2014 11:03

Ti è piaciuto questo articolo?

5 Commenti
maria antonietta
19 dicembre 2012 10:20
grazie, siete stati molto esaurienti e chiari, complimenti
giovanni
30 ottobre 2013 12:03
Fantastico, sopratutto x il modulo editabile ed il mod. compilato come esempio.
Grazie 1000
teresa
3 gennaio 2014 23:34
Grazie molto chiaro ed esauriente
giorgio
7 gennaio 2014 11:44
Chiarissima... complimenti
belisario
23 febbraio 2014 16:59
Complimenti! Ci sono tutte le notizie necessarie e sufficienti per consentire a chiunque di poter compilare e presentare autonomamente la denuncia di successione senza alcuna necessità di rivolgersi a terzi. Nuovamente complimenti e grazie di cuore.
Lascia un commento
Nome (richiesto)
E-Mail (richiesto, non verrà visualizzata)
Sito Web (opzionale)
Commenti Codice Captcha