Milleproroghe 2017 testo: spesometro Intrastat graduatorie PA

Decreto Milleproroghe 2017 testo Spesometro semestrale Intrastat acquisti graduatorie precari PA redditi pensioni dis-coll lavoro comunicazione beni ai soci

Stampa

Decreto Milleproroghe 2017 testo approvato al Senato e alla Camera, fiducia al maxiemendamento che prosegue l'iter per la conversione in legge del decreto che dovrebbe arrivare proprio in questi giorni.

Tantissime le proroghe e i rinvii ma anche le novità apportate al testo Milleproroghe rispetto al testo uscito dal Governo con il provvedimento del 29 dicembre, con il voto di fiducia al Senato e alla Camera, infatti, il decreto ne esce notevolmente modificato.

Tra le misure più importanti che sono state approvate al Senato e alla Camera con il decreto Milleproroghe troviamo l’adeguamento pensioni con il no alla decurtazione prevista per quest’anno, la proroga della Dis-Coll fino al 30 giugno 2017 indennità che poi diventerà strutturale con il Jobs Act autonomi 2017, comunicazione IVA trimestrale fatture emesse e ricevute che da trimestrale è diventata semestrale, con il cd. Spesometro semestrale 2017 ed il cui invio per il primo semestre è stato prorogato al 18 settembre anziché al 25 luglio, rinviato il termine per l’inizio della sperimentazione della lotteria scontrini 2017 dal 1° marzo al mese di novembre, proroga di un anno, e quindi fino al 31 dicembre 2017, dello sconto 50% IVA su case di classe A e B acquistate direttamente dal costruttore, obbligo assunzioni disabili slittato al 2018.

Fra i provvedimenti più discussi del Milleproroghe 2017, c’è il rinvio a fine anno del decreto contro le pratiche abusive di servizio taxi e noleggio auto con conducente, la cd. legge “anti Uber”, che ha sollevato la protesta dei taxisti in tutta Italia e specialmente a Roma e Milano.

 

Decreto Milleproroghe 2017 testo: Spesometro

Il testo del decreto Milleproroghe 2017 al suo passaggio al Senato e alla Camera, ha subito diverse modifiche, cosa peraltro auspicata da tutti, vista la velocità con cui il nuovo Governo Gentiloni, dovette approvare il decreto prima della fine dell’anno, inserendovi diverse misure in extremis, una per tutte, il cumulo gratuito dei contributi e il calcolo dei contributi figurativi per raggiungere i requisiti dell’Ape sociale. 

Tra le proroghe più rinnovate negli ultimi anni e onnipresenti nel Milleproroghe è quella relativa al Sistri, il nuovo sistema integrato dei rifiuti, giunto ormai al quinto, e forse ultimo, rinvio annuale, in attesa del suo avvio al 25 gennaio 2018.

Tra le novità fiscali introdotte con il Milleproroghe 2017 per quanto riguarda il Fisco, troviamo quella relativa allo Spesometro semestrale 2017.

Per venire incontro alle esigenze dei commercialisti ed associazioni di categoria, il Governo, ha deciso infatti di confermare, ma solo per il primo anno di applicazione del nuovo spesometro 2017 e solo per le fatture emesse e ricevute, la proroga scadenza dello Spesometro fatture 2017 al 18 settembre 2017 anziché al 25 luglio come precedentemente deciso in sede di riconversione in legge del decreto 193/2016 collegato alla Legge di Bilancio 2017 che ha appunto to introdotto le due nuove comunicazioni IVA trimestrali fatture e liquidazioni periodiche.

Per l’anno 2017, pertanto, i contribuenti e i loro intermediari, dovranno procedere ad inviare per via telematica all’Agenzia delle Entrate:

  • 2 volte lo Spesometro semestrale fatture: entro il 18 settembre e 28 febbraio 2018;
  • 4 volte, lo Spesometro trimestrale con la Comunicazione periodiche IVA 2017entro: 
    • 31 maggio 2017 per comunicare il primo trimestre;
    • 16 settembre 2017 che cadendo di sabato fa slittare la scadenza al 18 settembre 2017: per il secondo trimestre;
    • 30 novembre 2017: per il terzo trimestre;
    • 28 febbraio 2018: per quarto trimestre IV° trimestre entro l’ultimo giorno del mese di febbraio dell’anno successivo.

 

Ddl Milleproroghe 2017 Fisco: Intrastat acquisti e comunicazione ai Soci:

Nel Ddl Milleproroghe 2017 da convertire in legge entro il 28 febbraio, fa un gran ritorno l'Intrastat acquisti.

L’Intrastat acquisti 2017, era stato infatti abolito per effetto dell’entrata in vigore del Decreto Legge 193/2016, ossia, il famoso decreto fiscale collegato alla Legge di Blancio 2017 che ha introdotto tra l'altro anche il nuovo Spesometro.

Ora, con il Ddl Milleproroghe 2017 è stato approvato un emendamento che prevede l'obbligo di comunicazione Intrastat Acquisti 2017 per un altro anno e poi dal 2018, al via le nuove semplificazioni INTRA cessioni.

Il Ddl Milleproroghe 2017, ha inoltre fissato nuove semplificazioni per i bilanci, prevedendo la possibilità di determinare le imposte dovute e di posticipare la scadenza d’invio della dichiarazione dei Redditi SC e Irap di 15 giorni: al 16 ottobre 2017, anziché al 30 settembre.

Altra novità fiscale inserita nel Millleproroghe 2017 è l'ufficializzazione della abolizione della comunicazione beni ai soci.

 

Decreto Milleproroghe 2017 Pubblica Amministrazione: graduatorie e precari PA

Milleproroghe 2017 novità dipendenti precari della Pubblica Amministrazione: confermata la proroga dei contratti a progetto nella PA come richiesto dall’ex ministro Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera:

  • Milleproroghe 2017 proroga delle graduatorie dei concorsi pubblici:
    • approvati successivamente alla data di entrata in vigore del decreto-legge n. 101 del 2013;
    • banditi dall'amministrazione penitenziaria;
  • Sospensione delle modalità di reclutamento dei dirigenti pubblici di prima fascia; 
  • Proroga dei termini per le assunzioni di personale in determinate amministrazioni pubbliche;
  • Proroga all'utilizzo temporaneo dei segretari comunali da parte del Dipartimento della funzione pubblica;
  • Proroga delle autorizzazioni alle assunzioni per il comparto sicurezza-difesa e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
  • Rinvio dei termini di decorrenza del divieto per le pubbliche amministrazioni di stipulare contratti di collaborazione organizzata dal committente. 

 

Milleproroghe 2017 redditi, pensioni, lavoro, disabili, disoccupazione collaboratori 

Milleproroghe 2017 dichiarazione dei redditi e affitti: nel Ddl Milleprorghe 2017, trova spazio l’abolizione dell’obbligo di indicare gli estremi del contratto di locazione e della denuncia dell’immobile nella dichiarazione dei redditi 2018 tramite 730 al fine di ottenere lo sconto del 30% sull’Ici per gli affitti a canone concordato

Bonus casa: prorogato fino al 31 dicembre 2017 lo sconto 50% IVA sulla Casa di classe A o B acquistata direttamente dalla società di costruzione.

Milleproroghe 2017 novità pensioni: inserita nel testo del Ddl, la proroga al 2018 dell’adeguamento delle pensioni volto a compensare l’inflazione. Cò consentirà di evitare che dal prossimo aprile scatti la decurtazione prevista dello 0,1% sugli assegni previdenziali. 

Milleproroghe 2017 Dis-coll: confermata la proroga per la disoccupazione collaboratori fino al 30 giugno 2017. Dopo tale data, il sussidio di disoccupazione dovrebbe diventare strutturale.

Milleproroghe 2017 novità su disabili e Lavoro: rinvio di 1 anno dell’obbligo di assunzione quote lavoratori disabili per le imprese con più di 15 dipendenti. 

Slitta sempre al 2018 anche l’obbligo delle comunicazioni telematiche delle aziende all’INAIL sui dati relativi agli infortuni sul lavoro.

Prorogato l’avvio della sperimentazione della lotteria degli scontrini che doveva partire il 1° marzo al mese di novembre;

Proroga fino al 30 aprile 2017 per i lavoratori impatriati (rientro cervelli) per la richiesta delle agevolazioni fiscali previste dal Decreto Internazionalizzazione (abbattimento imponibile 70%).

Proroga al 2018 per le concessioni in scadenza dei commercianti ambulanti.

Contributo di sbarco: i turisti che vorranno passare un week-end o una vacanza in una piccola isola, dovranno pagare di più a causa dei ritocchi in aumento dei contributi di sbarco, dovuti al posto dell’imposta di soggiorno.

Antincendio. Slitta a fine 2017 (quindi di un altro anno) l’adeguamento delle nuove norme antincendio. Un differimento che riguarderà alcune determinate categorie di strutture turistico-alberghiere (in presenza di specifici requisiti), i rifugi alpini e anche gli asili nido. Per le scuole invece la proroga era già prevista nel testo originario del decreto.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili