iConto InfoCamere 2017: conto online per pagamenti verso PA

iConto InfoCamere 2017 è un conto di pagamento online economico e sicuro per pagamenti PA, Comune, ASL, SUAP, cos'è come funziona aprire il conto zero spese

Commenti 0Stampa

iConto InfoCamere 2017 è un conto di pagamento online che consente ai titolari di effettuare pagamenti alla Pubblica Amministrazione tra cui Comuni e ASL, dei servizi del Registro delle Imprese e quindi Camera di Commercio e di Impresa in un giorno e SUAP e del Processo Civile Telematico..

Ma come funziona il primo conto di pagamento online offerto dall'Istituto di pagamento InfoCamere e dei servizi ad esso integrati di CNS, carta nazionale dei servizi, firma digitale, carte tachigrafiche?

 

iConto InfoCamere 2017 cos'è?

iConto InfoCamere 2017 è un conto di pagamento innovativo e completamente online, che consente con un solo sistema di effettuare pagamenti PA, F24 online e servizi di accesso al Processo Civile Telematico. iConto è offerto da InfoCamere, ossia, la società di informatica delle camere di Commercio italiane che ha voluto introdurre un nuovo tipo di conto non bancario ma altamente funzionante e sicuro, al fine di semplificare dal punto di vista amministrativo, i suoi clienti nei pagamenti elettronici verso la PA e altri tipi di servizi. InfoCamere è quindi una società riconosciuta dalla Banca d'Italia come un istituto di pagamento iscritto all'apposito albo e di conseguenza autorizzato ad erogare servizi di conto dal 2 gennaio 2013.

Ma cos'è iConto di InfoCamere? E un conto di pagamento, pensato per agevolare i cittadini nei pagamenti elettronici nei confronti di specifici beneficiari tra cui le PA, per cui è possibile ricevere somme di denaro attraverso bonifici SEPA o giroconti in euro utilizzando la carta di credito, trasferire denaro su un altro conto ed effettuare pagamenti per i soli beneficiari individuati dall'istituto, addebiti diretti ai beneficiari, giroconti e bonifici ed infine f24 online per il versamento di tributi. A differenza del conto corrente tradizionale, invece, con iConto non è possibile effettuare versamenti e prelievi in contanti, assegni bancari o postali, assegni circolari, è infatti consentito ricevere solo bonifici, giroconti e ricariche del conto con carte di credito, e non è consentita l'emissione di assegni circolari, la domiciliazione, e predisporre pagamenti che non siano in euro.

 

Come aprire online iConto InfoCamere?

Per aprire online il conto di pagamento con InfoCamere è sufficiente seguire la procedura guidata di apertura iConto descritta sul sito ufficiale. Non serve, infatti, presentarsi con documenti e altre scartoffie ad alcun ufficio ma basta firmare con la firma digitale, la modulistica e la documentazione richiesta. Successivamente l'Istituto provvede a verificare la domanda di apertura conto, e di darne specifica comunicazione al cliente tramite PEC.

Cosa serve per aprire iConto? Un documento di identità valido e codice fiscale (che andranno inviati a InfoCamere mediante l'apposita funzione di "upload" o allegandoli alla PEC all'indirizzo iconto@pec.infocamere.it, scrivendo nell'oggetto "Apertura Conto" seguito dal codice fiscale del Titolare), la firma digitale, PEC, IBAN di un altro conto corrente per trasferire il denaro quando se ne avrà la necessità e per le società l'attestazione di Rappresentanza.

Una volta inviata tutta la documentazione ed eseguita la verifica della stessa da parte dell'Istituto, il conto di pagamento viene aperto ed il Titolare riceve un messaggio di posta elettronica certificata contenente la data di apertura del contratto e le indicazioni su come fare il primo bonifico di un minimo 100 Euro che serve ad attivare il conto di pagamento. Tale primo bonifico, invece, non serve nel caso in cui il titolare abbia richiesto il trasferimento dei fondi dal prepagato Telemaco a iConto.

Procedura guidata per aprire un conto di pagamento iConto InfoCamere.

 

Vantaggi conto di pagamento iConto costi a zero spese:

vantaggi iConto per la persona fisica o società che apre un conto di pagamento InfoCamere sono di poter gestire il conto interamente online perché garantito dalla firma digitale, disporre bonifici per il versamento unico alle Camere di Commercio senza suddividere gli importi i tributo e diritti di segreteria, di poter effettuare pagamenti di servizi e-gov offerti dalle PA, Comuni, ASL, Vigili del fuoco, SUAP e del Processo Civile Telematico, pagamenti f24 pere via telematica e pinne e immediata disponibilità del denaro depositato sul conto di pagamento.

Inoltre, iConto è molto più economico rispetto a tanti altri conti correnti tradizionali bancari e postali, in quanto non ci sono costi di apertura e gestione, fatta eccezione per iConto Plus i cui costi di gestione sono di 4 euro al mese, operazioni illimitate tranne per i bonifici per il SUAP, zero costi per l'internet banking e l'invio dell'estratto conto online mentre è di 2 euro se si vuole ricevere il cartaceo, zero spese per pagamenti f24, giroconti e addebiti diretti Camera di Commercio.

 

Quali operazioni si possono effettuare con iConto?

I clienti che attivano un conto di pagamento iConto di InfoCamere possono:

A) Ricevere le somme da depositare sul conto attraverso bonifici SEPA o giroconti in Euro disposti dallo stesso cliente o da altri soggetti.

B) Effettuare pagamenti in Euro attraverso:

1) addebito diretto verso i beneficiari autorizzati dall'istituto che sono la Pubblica Amministrazione, Camera di Commercio, Registro delle Imprese, e Impresa in un giorno e SUAP Sportello Unico per le Attività Produttive, Comuni, Vigili del Fuoco, ASL, servizi per il Processo Civile Telematico

2) Giroconti e bonifici e rid;

3) Pagamenti F24;

4) Trasferimento fondi in Euro mediante giroconto su altro conto InfoCamere intestato al cliente o mediante bonifico sul conto di uscita.

Quali sono i Servizi integrati con addebito diretto iConto?

  • Registroimprese.it: la consultazione da parte del titolare di iConto della banca dati e per la trasmissione online delle pratiche, sono operazioni soggette al pagamento di specifici costi, i quali possono essere pagati direttamente tramite iConto.
  • Carta Nazionale dei Servizi CNS: è possibile utilizzare iConto per pagare il rinnovo dei certificati digitali della CNS o agli intermediari incaricati dalle Camere di Commercio di pagare la CNS online.
  • Carte tachigrafiche che interagiscono con il Tachigrafo Digitale, quale strumento per la registrazione delle velocità, dei tempi di lavoro e dei percorsi degli automezzi pesanti quali: camion, tir, pullman ecc.
  • Pagamenti fiscali F24 telematici: Diritto annuo camerale e tributi Agenzia delle Entrate.
  • Tassa di concessione governativa su tassa annuale libri sociali e contabili.
  • F24 Ordinario senza spese e con addebito diretto sul proprio conto.
  • SUAP: attraverso iConto e il portale www.impresainungiorno.gov.it è possibile pagare i costi richiesti dai Comuni, ASL e VVF per presentare istanze, domande, comunicazioni, SCIA ecc.

 

Operazioni non consentite con iConto:

  • Prelevare e versare denaro contante;
  • Depositare assegni, in quanto è consentito ricevere pagamenti solo sotto forma di bonifici e giroconti;
  • Traenza di assegni bancari e l'emissione di assegni circolari;
  • Domiciliazione di stipendio, pensione e pagamento di RAV, MAV, bollettini bancari, e di utenze domestiche;
  • Emissione di carte di debito e di credito;
  • Utilizzo dei servizi ATM.

Inoltre non è consentito effettuare operazioni singole che superino i 10.000 euro e avere una giacenza conto di pagamento superiore a 50.000 Euro.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti