Cambio Residenza in tempo reale 2017 documenti modulo e controlli

Cambio di residenza in tempo reale cosa serve? Quali documenti, controlli e modulo, in caso di affitto, ASL, INPS, carta identità canone RAI IMU, posta

Commenti 0Stampa

Cambio di Residenza in tempo reale 2017 da un Comune all’altro consiste nel trasferimento di un cittadino e/o di una famiglia da un’abitazione per esempio ubicata a Roma ad una a Milano. Tale cambio pertanto va comunicato all’Ufficio Anagrafe del Comune dove si prende la nuova residenza entro 20 giorni da quando si è effettivamente residenti nella nuova casa, il costo del cambio residenza è gratuto in tutti i Comuni Italiani.

Per comunicare il cambio di residenza, il cittadino interessato deve recarsi all’Anagrafe del Comune dove si trova la nuova abitazione e comunicare il trasferimento di residenza che viene poi comunicato al Comune di provenienza, l’anagrafe inoltre ha il compito di sottoporre ad eventuali accertamenti l’effettivo trasferimento del cittadino, per questo motivo la variazione decorre da giorno di denuncia all’Ufficio Anagrafe ma la tempistica dl perfezionamento può avvenire in tempi più lunghi. Quando a trasferirsi è un intero nucleo familiare è sufficiente che la dichiarazione sia fatta da uno dei suoi componenti maggiorenni. 

  

Come fare il cambio di residenza e domicilio?

Per i cambi di domicilio e di residenza è obbligatorio presentare la richiesta presso il Comune dove territorialmente è ubicata l’abitazione. Il cittadino interessato o un componente maggiorenne del nucleo familiare deve presentarsi presso l’Anagrafe del Comune munito di valido documento di riconoscimento e apposita modulistica compilata da ritirare presso l’URP, Ufficio Relazioni con il Pubblico, o punti informazioni del Comune o anche online. La dichiarazione così composta va presentata insieme a tutti i dati identificativi dell’immobile e delle persone interessate al cambio.

Se si è in possesso di patente o si è intestatari di veicoli, è necessario compilare anche il modulo della Motorizzazione Civile con i dati di patente di guida e targhe.

Come fare il cambio di residenza Comune di Roma;

Cambio residenza Comune di Milano;

Cambio di residenza comune di Torino.

 

Modulo domanda per cambiare residenza:

Il cambio di residenza e nello specifico la dichiarazione cambiamento residenza e domicilio, deve essere effettuata mediante la presentazione di un’istanza resa entro il termine di 20 giorni, previa presentazione di un documento di identità personale in corso di validità del cittadino interessato o, qualora il trasferimento riguardi un intero nucleo familiare, da un componente maggiorenne della famiglia anagrafica. Il cittadino straniero dovrà inoltre presentare il permesso/carta di soggiorno in corso di validità. La denuncia di trasferimento della propria residenza va effettuata direttamente presso l’anagrafe del nuovo Comune presentando un documento di riconoscimento valido e poi:

1) Compilare l’istanza di domanda con il Modulo domanda cambio di residenza 2017 dichiarazione.

2) Compilazione del Verbale di accertamento cambio di residenza, da inviare al Comando dei Vigili Urbani competenti territorialmente

3) Compilazione dei moduli per aggiornare il cambio di residenza su patente di guida e libretto di circolazione, posseduti da ciascun componente la famiglia anagrafica. Infatti, la richiesta di aggiornamento della patente di guida e dei documenti di circolazione dei propri veicoli può essere effettuata quando si presenta la domanda di iscrizione anagrafica nel Comune di nuova residenza, oppure di cambio di abitazione nel Comune di residenza. 

 Il Comune che accoglie la richiesta comunica la variazione della residenza al Ministero dei Trasporti. Successivamente il ministero spedisce a casa dell’interessato un tagliando adesivo in cui è indicata la nuova residenza, da applicare sulla patente di guida e sui documenti di circolazione dei veicoli. Per avere informazioni sullo stato della pratica si può contattare il numero verde 800 232323. 

Modulo Fac simile domanda aggiornamento patente di guida e libretto di circolazione: questo modulo serve quando il cittadino si presenta all’Ufficio Anagrafe la domanda di residenza, qui gli viene richiesto di presentare la patente di tutti componenti il nucleo familiare ed i libretti di circolazione dei veicoli posseduti dagli stessi o di comunicare i dati dei documenti (numero, luogo e data di rilascio). L’ufficio provvede poi, ad inoltrare le variazioni alla Motorizzazione Civile. Successivamente il cittadino riceverà per posta i tagliandi con l’aggiornamento dell’indirizzo da applicare sulle patenti e sui libretti.  Con tale procedura, la Motorizzazione e il Pra, aggiornare il bollo auto.

Importante: la Modulistica sopra elencata è reperibile sui siti istituzionali dei Comuni Italiani.

 

Cambio di residenza in tempo reale cos'è e come funziona?

Il cambio di residenza in tempo reale è stato introdotto dal Decreto sulle Semplificazioni - Decreto-legge del 9 febbraio 2012 n. 5 Convertito nella Legge 35/2012, in G.U. il 6 aprile 2012 - Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo - CAPO II -  Semplificazioni per i cittadini. In particolare, l'articolo 5 del decreto ha previsto nuove disposizioni per il cambio di residenza in tempo reale, ossia:

1) Le dichiarazioni anagrafiche, ovvero, le comunicazioni di denuncia del trasferimento nella nuova residenza devono essere rese entro 20 giorni dalla data in cui si sono verificati i fatti, ovvero, dal momento che il cittadino inizia a vivere di fatto nel nuovo Comune o nella nuova residenza, tale dichiarazione deve avvenire mediante una modulistica conforme a quella pubblicata sul sito istituzionale del Ministero dell’interno. In tale modulistica, sono state indicate anche le sanzioni previste dall’articolo 76 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, in caso di false dichiarazioni.

2) Le dichiarazioni anagrafiche per essere valide devono essere rese e sottoscritte di fronte all’ufficiale di anagrafe ovvero inviate con le modalità di cui all’articolo 38, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e pertanto inviate anche tramite fax e via telematica. 

3) L’ufficiale d’anagrafe, nei due giorni lavorativi successivi alla presentazione delle dichiarazioni di cui al comma 1, effettua, (previa comunicazione al comune di provenienza,) le iscrizioni anagrafiche. Gli effetti giuridici delle iscrizioni anagrafiche e delle corrispondenti cancellazioni decorrono dalla data della dichiarazione.

4) In caso di dichiarazioni anagrafiche non corrispondenti al vero si applicano le disposizioni previste dagli articoli 75 e 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. Ove nel corso degli accertamenti svolti entro il termine di cui al comma 5 emergano discordanze con la dichiarazione resa, l’ufficiale di anagrafe segnala quanto e’ emerso alla competente autorita’ di pubblica sicurezza e al comune di provenienza.

5) Il termine di 90 giorni, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettera a), della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, è stato modificato con il termine di 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata , entro i quali deve essere effettuata la comunicazione con l’indicazione degli eventuali requisiti mancanti o degli accertamenti svolti con esito negativo, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto in essere alla data della dichiarazione.

In occasione di consultazioni elettorali o referendarie, qualora l’ufficiale di anagrafe proceda al ripristino della posizione anagrafica precedente ai sensi del comma 5 in tempi non utili ai fini degli adempimenti di cui all’articolo 32, primo comma, numero 4), del testo unico delle leggi per la disciplina dell’elettorato attivo e per la tenuta e la revisione delle liste elettorali, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n.223, le conseguenti variazioni alle liste elettorali sono apportate non oltre il 15° giorno antecedente la data della votazione.

 

Dichiarazione cambio di residenza modulo fac simile:

Per facilitare la compilazione dei vari modelli relativi alla dichiarazione di cambiamento di residenza sono stati realizzati dei fac-simili, che prevedono le diverse casistiche. Si consiglia pertanto di:

  • scaricare il modulo domanda fac simile dichiarazione cambio di residenza (in bianco) e stamparlo;

  • scaricare uno dei fac-simile sotto riportati che ricalca la propria situazione, stamparlo ed utilizzarlo come guida alla compilazione del modulo in bianco, compilandovi le zone che il fac simile evidenzia in giallo.

 

Dichiarazione cambio di residenza istruzioni compilazione domanda:

Nell’istanza domanda di cambio residenza il dichiarante deve indicare nella dichiarazione i seguenti dati:

Frontespizio Istanza: vanno inserite le proprie generalità e l’indirizzo presso il quale il cittadino e/o la famiglia intende stabilire la nuova dimora abituale. Se il cambio di residenza è un subentro in alloggio occupato vanno indicate, sempre sul frontespizio, le generalità dell’occupante, l’eventuale relazione di parentela + copia del documento d’identità personale del medesimo.

Quadro Istanza: cognome, nome, luogo e data di nascita ed ogni altro dato richiesto nell’intestazione, del cittadino interessato al trasferimento di residenza e qualora il trasferimento riguardi l’intero nucleo familiare i dati sopra elencati vanno indicato per ogni componente.

Quadro B Istanza: va compilato dai cittadini italiani provenienti dall’estero e/o i cittadini stranieri alla loro prima richiesta di residenza in Italia. I CITTADINI STRANIERI devono sempre indicare anche gli ESTREMI DEL PERMESSO/CARTA DI SOGGIORNO.

Quadro C Istanza: va compilato nel caso il cui il dichiarante, ossia, il cittadino che denuncia il proprio trasferimento di residenza all’anagrafe del nuovo Comune, voglia in assenza di vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o vincoli affettivi, come previsto dall’art. 4 del D.P.R. 223/89, entrare a far parte del nucleo familiare già residente. La dichiarazione già resa sull’esistenza dei vincoli affettivi non può essere soggetta a continui ripensamenti. I vincoli stessi sono da intendersi cessati soltanto con il cessare della coabitazione. I componenti della famiglia subentrante vanno ad aggiungersi, nell’ordine in cui sono indicati, ai componenti della famiglia già esistente. Non costituiscono famiglia anagrafica a sé stante i figli che si sposano e che continuano a coabitare con i genitori. Una famiglia anagrafica può essere composta anche da una sola persona.

 

Cambio di Residenza e i controlli del Comune:

L’Anagrafe del Comune, prima di definire e completare le procedure di Cambio di residenza del cittadino che ha presentato la dichiarazione o altrimenti detta denuncia, deve:

verificare, tramite i Vigili Urbani, che il cittadino risieda effettivamente ove dichiarato

richiedere la cancellazione al Comune di provenienza ed attendere la risposta (solo per provenienza da Italia).

Importante: L’istanza di trasferimento di residenza implica che contestualmente si svolgano le seguenti dichiarazioni: dichiarazione per l’applicazione della tassa raccolta rifiuti; aggiornamento dell’indirizzo su patenti e libretti di circolazione di autoveicoli, rimorchi, motoveicoli e ciclomotori.

 

Per fare il cambio di residenza quali documenti servono?

I cittadini appartenenti alla Comunità Europea che intendono trasferire la propria residenza in uno dei Comuni Italiani deve presentare all’ufficio dell’anagrafe il permesso di soggiorno o attestato di soggiorno. Se in possesso di un permesso di soggiorno scaduto è necessario richiedere l’attestato di soggiorno presentando tutta la documentazione come da D.L. 30/2007. 

Documenti cambio residenza di Lavoratori dipendenti:

Passaporto valido e fotocopia

Contratto di lavoro contenente gli identificativi INPS e INAIL, o comunicazione di assunzione al Centro dell’Impiego, o ricevuta di denuncia all’INPS e preventiva comunicazione all’INAIL o ultima busta paga

Codice Fiscale

Dichiarazione Ambasciata relativa allo stato civile (se coniugati tale dichiarazione deve riportare i dati esatti del matrimonio) e alla composizione del nucleo familiare, solo per Romania e Bulgaria deve essere autenticata dalla Prefettura.

Documenti cambio di residenza Lavoratori Autonomi:

Passaporto valido e fotocopia

Codice Fiscale

Partita IVA

Autorizzazione ad esercitare (Iscrizione CCIAA – Segnalazione Certificata Inizio Attività  SCIA ecc.)

Dichiarazione Ambasciata relativa allo stato civile (se coniugati tale dichiarazione deve riportare i dati esatti del matrimonio) e alla composizione del nucleo familiare, solo per Romania e Bulgaria deve essere autenticata dalla Prefettura.

Documenti cambio di residenza Lavoratori e/o Studenti:

Passaporto valido e fotocopia

Assicurazione sanitaria personale/polizza assicurativa sugli infortuni

Codice Fiscale

Documentazione attestante l’iscrizione presso l’Istituto pubblico o privato riconosciuto (se studente)

Dichiarazione di disponibilità di risorse economiche sufficienti per sé ed eventuali familiari

Dichiarazione Ambasciata relativa allo stato civile (se coniugati tale dichiarazione deve riportare i dati esatti del matrimonio) e alla composizione del nucleo familiare, solo per Romania e Bulgaria deve essere autenticata dalla Prefettura

Documenti Cambio di residenza: cittadini extracomunitari Presentare originale e una fotocopia del permesso di soggiorno e del passaporto di tutti i richiedenti,  sia maggiorenni che minorenni se non presenti in quello dei genitori. 

Documenti per Cambio di residenza: CITTADINI ITALIANI estero: E’ necessaria la presenza di tutti i componenti maggiorenni del nucleo familiare, muniti di passaporto italiano. Se iscritti al’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) è sufficiente la presenza di un componente del nucleo familiare.

Documenti per Cambio di residenza IN COLLETTIVITÀ: Produrre una dichiarazione di autorizzazione, su carta intestata, sottoscritta dal responsabile della Comunità.

 

In quanto tempo avviene il cambio di residenza? Tempi:

Le tempistiche per effettuare il Cambio di Residenza sono in tempo reale, ovvero, dal momento che l’Anagrafe del Comune accetta l’istanza di trasferimento presso il proprio Comune della residenza del cittadino richiedente, il perfezionamento vero e proprio del cambio di residenza varia:

  • Tempi cambi di residenza cittadini comunitari: da 60 giorni a 90 variabili in quanto soggetti ad accertamenti della Polizia Municipale e alla cancellazione del comune di provenienza.

  • Tempi cambi di domicilio: a vista o 60 giorni variabili se soggetti ad accertamenti della Polizia Municipale.

  • Tempi Cambi di Residenza per cittadini extracomunitari: i tempi sono legati anche all’eventuale presentazione di atti e documenti delle autorità straniere.

  

Cambio di abitazione stesso Comune:

Il cambio di Residenza nello stesso Comune, detto anche cambio abitazione è una procedura avviata direttamente dal cittadino che si trasferisce o intende trasferire la propria abitazione all’interno del territorio comunale. Il cittadino interessato, deve anche in questo caso compilare e presentare la dichiarazione cambio di abitazione. Si precisa che, tale dichiarazione può essere resa da uno dei componenti maggiorenne del nucleo familiare qualora a trasferirsi sia l’intera famiglia.

Nel caso in cui, il trasferimento dell’abitazione sia presso un’altra famiglia, è necessario che l’intestatario dello stato di famiglia preesistente, ovvero, di colui che compare per primo nello stato di famiglia, confermi il tipo di rapporto di parentela e/o affettivo esistente con il dichiarante (es.: figlio, nipote, ecc.), mediante la presentazione e compilazione della dichiarazione di assenso per conferma del domicilio. I domiciliati nella stessa abitazione con vincoli di parentela saranno automaticamente inseriti nello stesso stato di famiglia. Se invece non esistono vincoli di parentela e/o affettivi, il cittadino può comunque richiedere di effettuare il trasferimento presso la famiglia mantendo l’iscrizione ad un proprio stato di famiglia. Documenti da presentare per la Dichiarazione di cambio di abitazione occorre quindi presentare all’anagrafe con:

Documento di identità del dichiarante

modulo domanda variazione indirizzo abitazione: da compilare per ogni componente della famiglia, per l’aggiornamento dell’indirizzo sia sulla patente di guida che sulla carta di circolazione degli autoveicoli di proprietà

Dichiarazione di assenso della famiglia anagrafica esistente, solo se si verifica tale ipotesi

Tempistiche di definizione del cambio di abitazione sono immediati, salvo accertamenti.


Come fare il cambio di residenza per il canone Rai?

Gli abbonati Rai che cambiano la propria residenza devono effettuare la comunicazione di variazione anche all’Agenzia delle Entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. Casella postale 22 – 10121 Torino (To), entro 20 giorni dal trasferimento, indicando il numero dell’abbonamento.

La comunicazione dell’avvenuto cambio di residenza all’Agenzia delle Entrate per aggiornare il Canone abbonamento Rai, può essere effettuato:

1) telefonicamente per chi chiama dall’Italia: numero verde 199.123.000 attivo dal lunedì al sabato dalle 9,00 alle 24,00 e la domenica dalle 14,00 alle 22,00.Il costo della telefonata è a carico del chiamante ed è, su tutto il territorio nazionale, pari ad un importo massimo di 14,26 centesimi di euro al minuto, comprensivo di iva, dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle 18,30 e il sabato dalle ore 8,00 alle ore 13,00. Nelle rimanenti fasce orarie il costo del servizio e’ di 5,58 centesimi di euro al minuto.
Per le chiamate da rete mobile il costo e’ compreso tra 24,17 e 48,00 centesimi di euro al minuto con uno scatto alla risposta compreso tra 12,38 e 30,00 centesimi di euro a seconda dell’operatore mobile di accesso. 
2) telefonicamente per chi chiama dall’estero: numero 0039 06-87408197 per chi chiama dall’estero o da telefono cellulare eventualmente non abilitato a chiamare il nr. 199.123.000

3) online: compilando la richiesta di variazione indirizzo di residenza Canone Rai, se la variazione riguarda esclusivamente il domicilio (e non la residenza anagrafica) per inserire un indirizzo di recapito della corrispondenza e’ possibile utilizzare l’apposito form Rai.

   

Come cambiare la residenza sul passaporto e carta d’dentità?

La legge non prevede che in caso di trasferimento della propria residenza sia stesso Comune che altro comune ciò comporti l’aggiornamento della variazione sia sul passaporto che sulla carta d'identità nè il loro rifacimento nel caso in cui non siano ancora scaduti.

E´ comunque possibile fare un certificato di residenza e tenerlo insieme al documento, è comunque necessario segnalare sempre la variazione di residenza quando si esibisce il documento stesso.

Nel caso in cui il cittadino fosse comunque interessato ad effetture l’aggiornamento delle residenza sul Passaporto è tenuto alla compilazione dell'apposito modulo della modulo domanda cambio residenza passaporto Polizia di Stato.

  

Cambio Residenza tassa sui rifiuti TARI:

Il cittadino che effettua il cambio di residenza per richiedere il cambio circa la Tassa sui Rifiuti deve presentare all’ufficio competente la denuncia di iscrizione, se proviene da un altro comune o se è la prima volta che è obbligato al pagamento della TARI oppure la denuncia di variazione, se già iscritto come contribuente nel comune.

Il termine massimo entro il quale il cittadino richiedente deve presentare regolare denuncia di trasferimento varia a seconda delle disposizioni del Comune e l’ufficio tributi del Comune ove è ubicato l’immobile. 

 

Cambio residenza dichiarazione IMU:

Il cittadino che si trasferisce presso un altro Comune qualora possieda fabbricati, aree fabbricabili, terreni agricoli assoggettati al pagamento dell’IMU o usufruttuari, in questo caso è necessario comunicare il trasferimento di residenza all’anagrafe del Comune in cui si trova l’immobile, presentando un documento di identità, codice fiscale.

Il Comune della nuova residenza comunicherà il trasferimento al Comune in cui avevate precedentemente la residenza. Se per l’acquisto dell’immobile sono state richieste delle agevolazioni sulla prima casa, e non si ha ancora la residenza nel Comune in cui si trova l’immobile, non dimenticare di trasferire la residenza entro 18 mesi dal rogito. Conviene comunque trasferirla al più presto per beneficiare delle agevolazioni sull’abitazione principale ai fini dell’Imu. Per maggiori informazioni: Ufficio del Catasto: per la visura della rendita immobiliare

 

Come fare cambio di residenza gas, luce e telefono e banca:

Il cittadino per comunicare il cambio di residenza presso un alloggio privo di allacciamenti luce, gas e telefono deve richiedere direttamente al Distributore locale un nuvo contratto di fornitura. 

Se gli allacciamenti, invece, sono già realizzati si deve procedere ad effettuare alle Volture dei Contratti intestati al precedenti inquilino. Alcune utenze prevedono tariffe variabili per residenti e non residenti: controllare quindi con attenzione le condizioni contrattuali, soprattutto se manteniamo le utenze nell’alloggio precedentemente occupato.

Cambio di residenza e la BANCA: Il cittadino che cambia residenza,l’istituto bancario scelto, comunicando alla relativa Agenzia e filiale la variazione o fare il trasferimento alla filiale presente nel nuovo Comune, qualora l’istituto sia presente sul territorio.

  

Quando il cambio residenza va comunicato a catasto, Agenzia Entrate e INPS?

Cambio di residenza al catasto: nel caso in cui il cambio di residenza sia a seguito di un acquisto e vendita di un immobile cambiano di fatto il proprio reddito da fabbricati, al momento dell’acquisto della residenza come si è visto per l’IMU scattano delle agevolazioni nella tassazione. 

Per maggiori informazioni: Ufficio del Catasto: per la visura della rendita immobiliare.

Chi è titolare di una partita IVA, anche se libero professionista o ditta individuale, è obbligato a comunicare il cambio di residenza all’amministrazione finanziaria entro 30 giorni dalla denuncia all’ufficio anagrafe su modelli conformi a quelli approvati dal ministero.

Il cambio di residenza Agenzia dell'Entrate deve essere presentato mediante compilazione e presentazione della dichiarazione cambio di residenza ecco come:

  • in duplice esemplare direttamente (anche a mezzo di persona appositamente delegata) ad uno qualsiasi degli uffici dell’Agenzia delle entrate a prescindere dal domicilio fiscale del contribuente

  • in unico esemplare a mezzo servizio postale e mediante raccomandata, allegando copia fotostatica di un documento di identificazione del dichiarante, da inviare ad uno qualsiasi degli uffici dell’Agenzia delle Entrate a prescindere dal domicilio fiscale del contribuente. In tal caso le dichiarazioni si considerano presentate nel giorno in cui risultano spedite

  • in via telematica direttamente dal contribuente o tramite i soggetti incaricati della trasmissione telematica. 

  • presso l’ufficio del registro delle imprese esclusivamente da parte dei soggetti tenuti all’iscrizione nel registro delle imprese ovvero alla denuncia al repertorio delle notizie economiche ed amministrative 

Importante: La comunicazione di variazione di residenza deve essere fatta anche all’Ufficio Registro delle Imprese della Camera di Commercio dove è iscritta la propria attività. 

Cambio di Residenza Inps: Il titolare di trattamento di indennità erogate dall’INPS deve comunicare il cambio di residenza alla sede INPS, tramite autocertificazione che indichi il nuovo indirizzo o compilare l’apposito Modulo Cambio Residenza INPS.

 

Cambio Residenza per Cambio Medico, Pediatra, Asl:

Il cambio di residenza dell’assistito, anche temporaneo, comporta la revoca automatica del medico di famiglia da parte della ASL, in alcuni casi è consentito scegliere un medico anche al di fuori del comune di residenza, anche se a tempo determinato (da un minimo di 3 mesi ad un massimo di 1 anno). E’ il caso delle seguenti categorie di cittadini:

  • lavoratori stagionali qualora il periodo di attività non sia superiore a 3 mesi

  • insegnanti con incarichi di durata superiore a 3 mesi

  • soggiornanti per comprovati motivi di salute

  • lavoratori distaccati con contratto di lavoro di durata superiore a 3 mesi e loro familiari

  • militari di carriera e loro familiari

  • dipendenti pubblici e privati inviati in missione in una località diversa da quella di residenza per oltre 3 mesi, e loro familiari

  • cittadini che possono rimanere iscritti nell’anagrafe del comune da cui provengono ai sensi del DPR 31.1.58 n.136 (militari di leva, studenti, religiosi, ricoverati in istituti di cura, condannati)

Per queste categorie la scelta del medico curante deve essere effettuata mediante la presentazione di:

  • un certificato, rilasciato dall’ente, amministrazione o società di appartenenza o autorità civile o militare competente, dal quale risulti che l’interessato vive in un Comune diverso da quello di residenza anagrafica e che la sua permanenza si protrarrà per più di tre mesi;

  • il certificato di residenza anagrafica;

  • il certificato di avvenuta cancellazione dagli elenchi della ASL di residenza anagrafica.

All’atto dell’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale viene rilasciata una tessera sanitaria che da diritto all’erogazione delle prestazioni sanitarie.

Importante: Per effettuare la scelta o la revoca rivolgersi agli sportelli C.U.P.

  

Cambio residenza sulla Tessera Elettorale:

Per poter votare nel Comune presso il quale il cittadino effettua il cambio residenza occorre che sia iscritto nelle sue liste elettorali. Le operazioni di cancellazione e di iscrizione avvengono in automatico, senza che il cittadino debba fare niente.

Tuttavia i tempi non coincidono con quelli della cancellazione e dell’iscrizione come residente, perché per legge le liste elettorali sono modificabili solo ogni sei mesi e un certo numero di giorni prima di nuove elezioni. Una volta avvenuta l’iscrizione alle liste elettorali del nuovo Comune di residenza si prenderà una nuova tessera elettorale 

Importante: se si è chiesta la residenza in una data molto vicina alle elezioni è bene informarsi su dove si deve votare. 

  

Cambio Residenza Assicurazione Auto:

Quando si cambia residenza, il cittadino deve comunicare la variazione anche alla propria compagnia assicurativa per aggiornare il libretto di circolazione. Il modulo da compilare ed inviare via fax e/o posta alla propria assicurazione nel quale andrà indicato, ovviamente, il nuovo indirizzo di residenza corredato di tutte le info necessarie alla reperibilità del soggetto assicurato.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti