Città metropolitane quali sono, cosa cambia e come funziona?

Città metropolitane Roma Capitale, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria cosa cambia e funziona? Da quando?

Commenti 0Stampa

Città metropolitane provvedimento ddl approvato dal Senato, passa alla camera per il si deduttivo che introdurrà 10 città metropolitane Roma Capitale che avrà un ordinamento a parte, e altre nove città. Putroppo, il Decreto attuativo non è stato ancora emanato.

 

Quali sono le città metropolitane da quando?

Le 10 nuove città metropolitane che verranno istituite con l'entrata in vigore del disegno di legge 1212 “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni” approvato dal Senato e ora al si definitivo della Camera, sono Roma Capitale, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria. Le nuove città metropolitane seguiranno per la loro formazione ufficiale, uno specifico iter burocratico che prevede entro il 30 settembre 2014, che il Sindaco del Comune capoluogo indica le elezioni per costituire una Conferenza che avrà il compito di redigere la proposta di statuto della nuova Città metropolitana. Nello stesso termine, dovrà essere poi indetta, l'elezione del Consiglio metropolitano, il quale entro il 31 dicembre 2014 dovrà approvare lo statuto.

A partire poi, dall'emanazione del decreto attuativo, le città metropolitane saranno costituite, prendendo il posto delle Province e dando inizio al processo di trasferimento dei dipendenti provinciali in esubero.

Pertanto, le città metropolitane assumeranno tutte le funzioni delle Province e il Sindaco metropolitano prenderà il posto del Sindaco del Comune. In deroga a quanto previsto dal DDL, la città metropolitana di Reggio Calabria, commissariata fino al 31 dicembre 2014, verrà costituita entro 30 giorni dalla decadenza o scioglimento degli organi di provincia. Attualmente, le città matropolitane non sono ancora state costituite.

 

Come funziona il consiglio, conferenza e sindaco?

La città metropolitana come funziona e come è costituita? La nuova città metropolitana che prima o poi, verrà istituita, sarà costituita da 3 organi rappresentativi e funzionali:

1) Consiglio metropolitano, composto dal sindaco metropolitano e dai consiglieri 24 per le città con più di 3 milioni di abitanti, 18 consiglieri se la popolazione residente è superiore a 800.000 e inferiore o pari a 3 milioni di abitanti e 14 consiglieri nelle altre città metropolitane. Le funzioni del Consiglio, sono le stesse del consiglio comunale e provinciale,ovvero, di  controllo, approvazione regolamenti e piani di bilancio, programmi proposti dal sindaco metropolitano. Il Consiglio rimane in carica per 5 anni previa elezione del sindaco e dei consiglieri che può avvenire in modo indiretto o per elezione diretta a suffragio universale, previa approvazione della legge statale da parte del comune capoluogo in più comuni o, nelle città metropolitane con popolazione superiore a 3 milioni di abitanti.

2) La Conferenza metropolitana, è l'organo che nell'iter di costituzione delle città metropolitane ha il compito entro il 30 settembre 2014 di proporre e sottoporre al Consiglio metropolitano, lo statuto della città metropolitana mentre successivamente alla costituzione, insieme al sindaco metropolitano e ai sindaci dei comuni della città metropolitana, avrà potere consultivo per l’approvazione dei bilanci e di altre eventuali finzioni qualora contenute nello statuto.

3) Sindaco metropolitano è il sindaco del comune capoluogo fon a quando non viene deliberato lo statuto della città metropolitana, qualora preveda l'elezione del sindaco o comunque fino alla cessazione del suo mandato. Gi incarichi di sindaco metropolitano, di consigliere metropolitano e di componente della conferenza metropolitana sono svolti a titolo gratuito, salvo i casi previsti dallo statuto della città metropolitana, che può prevedere una specifica indennità per il Sindaco.

 

Cosa cambia in Italia?

Nuova città metropolitana cosa cambia? Innanzitutto, va detto che l'iter che porterà alla costituzione delle città metropolitane di Roma Capitale, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria si concluderà il 31 dicembre 2014 dopo l'approvazione dello statuto proposto dalla Conferenza e e approvato dal Consiglio metropolitano presieduto dal Sindaco metropolitano, sindaco del comune capoluogo.

Quando ci sarà il taglio delle Province italiane e l'entrata in vigore delle 10 città metropolitane? Putroppo, ancora non si sa, in quanto l'emendamento ed il decreto attuativo non sono stati emanati.

Se e quando, verranno introdotte, le città metropolitane saranno enti governativi che assorbiranno in sé tutte le funzioni delle relative province come per esempio la gestione dei servizi comunali e del territorio, delle infrastrutture a livello comunale, provinciale in alcuni casi anche regionale. Inoltre, avranno il compito di pianificare il territorio dell'area metropolitana, la gestione e l'organizzazione  dei servizi pubblici e di concerto con i Comuni interessati.

La città metropolitana potrà decidere su gare e appalti pubblici, monitorare i contratti di servizio e di organizzazione di concorsi pubblica amministrazione. Riguardo alla mobilità e viabilità, la città metropolitana avrà competenze di pianificazione urbanistica comunale nell'ambito metropolitano, oltre a garantire e assicurare la promozione dello sviluppo economico e sociale, e di coordinare i sistemi di informatizzazione e di digitalizzazione in ambito metropolitano. 

Riassumendo, le funzioni delle città metropolitane riguarderanno:

  • le funzioni che avevano le province.

  • pianificazione territoriale e gestione delle infrastrutture.

  • gestione e organizzazione dei servizi pubblici all'interno dell'area metropolitana.

  • mobilità e viabilità.

  • promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale. 

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti