Certificato sana robusta costituzione 2017 costo, quando serve per chi

Certificato di sana e robusta costituzione per attività sportiva non agonistica è stato abolito per palestra e piscine ma rimane obbligatorio in altri casi

Commenti 0Stampa

Il certificato medico di sana e robusta costituzione è da sempre richiesto come attestazione dello stato di salute del cittadino o del ragazzo che si iscrive ad una palestra, piscina o qualsiasi altra attività fisica non agonistica. Negli ultimi anni però, la norma che prevedeva l'obbligatorietà di questo certificato per svolgere l'attività fisica presso i centri sportivi, ha subito delle importanti modifiche dispositive che hanno portato a molta confusione tra cittadini e i medici. Finalmente, il Ministro della Salute Lorenzin, ha firmato il decreto 8 agosto 2014 per l'approvazione delle Linee guida da adottare in materia di certificati medici per l'attività sportiva non agonistica. 

 

Certificato sana e robusta costituzione abolito?

Il certificato di sana e robusta costituzione abolito? Novità Ministero della Salute: il certificato medico sportivo è stato fino adesso un documento necessario per svolgere qualsiasi attività sportiva non agonistica. Infatti, non c'è stata palestra, piscina o centro sportivo che non abbia richiesto un certificato di buona salute al momento dell'iscrizione dell'adulto o del bambino ad un corso per svolgere un'attività fisica.

Il certificato, era pertanto, elemento imprescindibile per frequentare l'attività sportiva. Con l'approvazione del decreto 8 agosto, il Ministero della Salute è intervuto, in concomitanza con l'inizio della scuola e delle attività sportiva in generale, con la pubblicazione e approvazione delle linee guida in materia di certificati medici per l'attività sportiva non agonistica. Andando a chiarire così, alcuni dubbi interpretativi circa le nuove disposizioni introdotte dalla legge 98 del 9 agosto 2013: abolizione obbligo certificati sportivi non agonistici e per quelli delle attività ludico motoria amatoriale. Tali linee guida, fanno seguito alla nota, sempre emanata dal Ministero della salute, alla Federazione italiana medici di famiglia nella quale, si confermava l’abolizione dei certificati per attività ludico motoria-amatoriale e dei conseguenti accertamenti diagnostici richiesti dalla normativa abrogata. Fermo restando però, l'obbligo della certificazione per l’attività sportiva non agonistica solo se riferita alle attività sportive parascolastiche e a quelle del Coni e che, l''esecuzione di altri e successivi accertamenti clinici del paziente, come ad esempio l'elettrocardiogramma, sono a discrezione del medico certificatore. Linee guida Ministero della Salute certificati medici sportivi non agonistici.

 

Certificato medico per palestra, piscina costi 2017:

Costo certificato medico sportivo 2017: Il Certificato medico di sana e robusta costituzione palestra o piscina, aquagym, fitness, tennis è stato abolito.

Per cui se l'attività sportiva viene svolta presso società o centri sportivi non affiliati al Coni e non è un'attività parascolastica, il certificato di buona salute non serve più.

La palestra o il centro sportivo, può comunque richiedere all'iscritto il certificato di attività sportiva non agonistica per fini assicurativi e in questo caso il costo è di 40 euro.

 

Certificato sportivo non agonistico:

Il certificato medico sportivo non agonistico, secondo le ultime novità e chiarimenti del Ministero della Salute è un tipo di certificato obbligatorio, solo per alcune categorie di utenti e specialità sportive.

Quando il certificato di sana e robusta costituzione è obbligatorio e per chi? Il certificato per l'attività sportiva non agonistica è obbligatorio per lo svolgimento attività sportive parascolastiche e per quelle delle Federazioni nazionali sportive del Coni.

Pertanto, l'alunno che frequenta corsi di ginnastica o altra attività sportiva organizzata dalla scuola al di fuori dell'orario scolastico, è obbligatorio portare il certificato di sana e robusta costituzione, stesso discorso per i ragazzi che partecipano ai Giochi sportivi studenteschi o attenenti non agonisti che praticano sport in società affiliate al Coni.

 

Attività sportive non agonistiche: chi lo rilascia?

I medici che possono rilasciare il certificati sportivi non agonistici sono:

  • Medico di famiglia;
  • Medico pediatra;
  • Medico specialista in medicina dello sport quindi medici della Federazione medico-sportiva italiana del Comitato olimpico nazionale italiano.

 

Quanto dura il certificato medico sportivo? Validità:

La validità certificato medico sportivo qualora obbligatorio o richiesto dalla struttura sportiva per fini assicurativi, è di un anno. Il rilascio del certificato deve essere quindi rinnovato ogni anno. 

Si ricorda che qualora richiesto per attività parascolastiche al di fuori dell'orario di scuola, il certificato può essere richiesto solo se l'attività sportiva è finalizzata alla partecipazione di gare e campionati tra alunni mentre ne sono escluse le attività ginnico-motorie con finalità ludico-ricreative, ginnico-formative, riabilitative o rieducative, praticabili a prescindere dall’età e senza controllo sanitario preventivo obbligatorio.

Anche in questo caso, il certificato ha validità di un anno e basta un solo certificato per tutte le attività sportive come i Giochi della Gioventù o campionati studenteschi. Per quanto riguarda il costo certificato medico sportivo non agonistico, è gratuito per gli alunni di scuola elementare, a pagamento solo se richiesto dal genitore, mentre per gli alunni delle scuole medie è gratuito solo se inserito nel POF. Piano Offerta Formativa.

 

Visita medica certificato di sana e robusta costituzione:

Il rilascio del certificato di sana e robusta costituzione da parte dei medici certificatori, può avvenire solo a seguito di una visita medica.

Durante la visita, il medico dovrà richiedere l'anamnesi del paziente ed effettuare l'esame obiettivo attraverso la misurazione della pressione e di un elettrocardiogramma eseguito a riposo.

Il certificato qualora richiesto a persone con più di 60 anni, essendo queste più a rischio di patologie associate alla pressione alta, problemi cardiovascolari ecc, è necessario un elettrocardiogramma basale refertato ogni anno. Stesso discorso anche per coloro che a prescindere dall'età, soffrono di patologie in grado di comportare un maggior rischio cardiovascolare.

In ogni caso, il medico certificatore qualora lo ritenga necessario,, può richiedere ulteriori visite specialistiche ed esami diagnostici approfonditi.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti