Certificato INAIL 2017 infortunio malattia professionale? Nuove regole

Certificato medico Inail 2017 infortunio e malattia professionale nuove regole per la trasmissione online ora a capo del medico o struttura sanitaria

Commenti 0Stampa

Nuove regole per il certificato medico INAIL 2017 per infortunio e malattia professionale, dal 22 marzo 2016, infatti, l’attestazione medica che certifica 

l’evento morboso, non dovrà più essere trasmessa dal datore di lavoro bensì dal medico certificatore o dalla struttura sanitaria che effettua la prima assistenza al lavoratore in caso di infortunio o malattia.

 

Certificato medico INAIL 2017:

Certificato INAIL 2017, a partire dal 22 marzo scorso, sono cambiate le regole per la trasmissione per via telematica all’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni del certificato medico attestante l’infortunio o la malattia professionale.

A decorrere da detta data, pertanto, il certificato dovrà essere trasmesso dal medico certificatore o dalla struttura sanitaria che presta la prima assistenza al lavoratore infortunato o ammalato, fino ad oggi invece, l’adempimento è stato prerogativa del datore di lavoro.

A tal fine, l’INAIL ha predisposto una nuova procedura ad hoc, per facilitare l’invio telematico dei certificati da parte dei medici e delle strutture sanitarie che devono ora richiedere l’abilitazione ai servizi online dell’istituto mediante apposita domanda alla sede Inali competente per territorio, la cui modulistica è scaricabile online direttamente dal sito istituzionale.

 

Certificato INAIL 2017 entro quando va inviato online?

In base alle nuove disposizioni INAIL, a partire dal 22 marzo 2016, il medico o la struttura sanitaria che presta la prima assistenza ad un lavoratore infortunato o affetto da malattia professionale, ha l’obbligo di trasmettere per via telematica all’INAIL, il certificato medico e rilasciare la copia al lavoratore.

Nell’accezione di medico e struttura sanitaria rientra qualunque medico, ossia, medico del lavoro, pronto soccorso, ospedale, medico di famiglia ecc. che presti la prima assistenza, intesa "quale prestazione professionale qualificata rientrante nell’ambito di procedure organizzative strutturate per fornire assistenza medica, anche solamente di base, a un lavoratore in caso di infortunio o malattia professionale".  

Entro quando va inviato online il certificato medico INAIL? I tempi per la trasmissione: il certificato infortunio o malattia professionale deve essere obbligatoriamente compilato e trasmesso per via telematica dal medico o dalla struttura sanitaria, seguendo le istruzioni che l’INAIL ha fornito nella circolare 10/2016.

Per cui, la compilazione del certificato e il relativo invio online devono avvenire entro le 24 ore successive all’intervento di prima assistenza.

Il datore di lavoro è quindi escluso, esonerato dall’obbligo di trasmettere online il certificato ma è obbligato ad indicarne i riferimenti sulla denuncia infortunio sul lavoro o malattia professionale che deve essere trasmessa online all’INAIL entro 2 giorni in caso di infortunio o 5 in caso di malattia professionale, da quello in cui ne ha avuto notizia.

In merito invece agli obblighi del lavoratore, tutto rimane invariato: il lavoratore è obbligato a dare immediata notizia di qualsiasi infortunio che gli accada, anche se di lieve entità, al proprio datore di lavoro, nonché a denunciare allo stesso datore la malattia professionale entro 15 giorni dalla sua manifestazione sotto pena di decadenza dal diritto all’indennizzo per il tempo antecedente alla denuncia.

 

Certificato INAIL infortunio malattia professionale cos’è?

Il certificato INAIL infortunio e malattia professionale è l’attestazione che certifica l’incidente sul lavoro od itinere occorso al lavoratore o della causa di servizio. Fino adesso tale certificazione, doveva essere inviata online dal datore di lavoro insieme alla denuncia. Dal 22 marzo 2016, invece, sono in vigore le nuove disposizione circa i certificati medici per infortuni e malattie professionali che devono essere trasmessi per via telematica all’INAIL. 

Ebbene da tale data, l’invio online del certificato medico infortunio sul lavoro INAIL o malattia professionale, deve essere trasmesso esclusivamente in via telematica direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria che presta la prima assistenza.

Le nuove regole, sono state rese note dall’INAIL con la pubblicazione della circolare 10/2016 nella quale l’Istituto ha spiegato che la nuova procedura di presentazione dei certificati INAIL infortunio e malattia professionale, è in applicazione delle semplificazioni per i datori di lavoro previste dal decreto legislativo 151/2015 attuativo del Jobs Act. 

Resta comunque a carico de datore di lavoro l’obbligo di trasmettere la denuncia di infortunio INAIL online entro 2 giorni e la denuncia di malattia professionale entro 5 giorni.

La modulistica relativa ai certificati INAIL 2017, è scaricabile sul sito ufficiale dell'Istituto:

 

Istruzioni medici, datore di lavoro e lavoratore:

Certificati INAIL istruzioni per i medici: in sede di compilazione del certificato medico online, i medici, sono obbligati a fornire al lavoratore assistito il Certificato medico con l’indicazione del numero identificativo, della data di emissione e dei giorni di prognosi. Nel caso in cui, a causa di problemi tecnici organizzativi o altre cause oggettive, non sia possibile la trasmissione online, il medico o la struttura sanitaria, devono provvedere all'invio del certificato via PEC alla sede INAIL competente in base al domicilio del lavoratore e rilasciare il certificato all'assistito che deve poi inoltrarlo al datore di lavoro.

Certificati INAIL istruzioni per i lavoratori: il lavoratore che subisce un infortunio o o una causa servizio, deve fornire al proprio datore di lavoro: n° identificativo del certificato, data di rilascio e i giorni di prognosi che sono stati indicati nell'attestazione medica.

Certificato INAIL istruzioni per il datore di lavoro: dal 22 marzo scorso, il datore di lavoro è esonerato dall'obbligo di dover trasmettere per via telematica il certificato medico all'INAIL. Per consultare le attestazioni mediche, il datore di lavoro deve accedere al portale INAIL, "Ricerca Certificati Medici" disponibile all’interno dei Servizi Denunce di Infortunio, Malattia professionale e Silicosi/Asbestosi.

 

Certificato infortunio 2017 INAIL artigianato, agricoltura e navigazione:

Certificato INAIL settore navigazione: rimangono, almeno per il momento, invariate le disposizioni circa gli obblighi di trasmissione dei certificati medici tra INAIL e SS di assistenza al personale navigante.

Certificato INAIL artigianato, l’obbligo di denuncia infortunio o malattia professionale è a carico del titolare dell’azienda artigiana. Nel caso in cui, l’infortunio occorso sia al titolare artigiano, che per questo si trovi impossibilitato a presentare la denuncia entro i termini di legger, l’obbligo si ritiene assolto con l’invio telematico del certificato da parte del medico o della struttura sanitaria che presta la prima assistenza, ferma restando la necessità di inoltrare comunque la denuncia/comunicazione per le relative finalità assicurative.

Settore agricoltura infortunio: il datore di lavoro di lavoratori agricoli a tempo indeterminato ha gli stessi obblighi e sanzioni del settore industria. 

Per i lavoratori agricoli a tempo determinato, la denuncia infortunio deve essere effettuata obbligatoriamente dal datore di lavoro mentre per i lavoratori agricoli autonomi, è obbligato il titolare del nucleo familiare di appartenenza dell’infortunato.  

Settore agricoltura Malattia professionale: per i datori di lavoro di lavoratori agricoli a tempo indeterminato si applicano le stesse regole del settore industria, per i lavoratori agricoli autonomi e a tempo determinato, la denuncia della malattia professionale, invece, deve essere effettuata e trasmessa dal medico o struttura sanitaria che ha prestato la prima assistenza mediante un apposito modulo cd. certificato-denuncia malattia professionale entro 10 giorni dalla prima visita.

Forse ti potrebbe interessare anche : nuove regole visita fiscale 2017.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti