EconomiaWeb

Certificato Carichi Pendenti: modello richiesta, rilascio e documenti

Certificato Carichi Pendenti: modello richiesta, rilascio e documenti

Il Certificato Carichi Pendenti rilasciato dalla Procura con il modello di domanda e certifica l’esistenza o meno di procedimenti penali a carico o in corso

Certificato Carichi Pendenti: modello richiesta, rilascio e documenti

Il Certificato dei Carichi Pendenti è una tipologia di certificazione che attesta l’esistenza o meno di procedimenti penali a carico o in corso della persona richiedente, ossia, se esiste un suo coinvolgimento in situazioni che hanno determinato il Rinvio a Giudizio da parte del PM.

Il Certificato dei Carichi Pendenti a differenza del certificato Casellario Giudiziale, il quale viene rilasciato sempre dalla Procura di della Repubblica ma a livello nazionale in quanto contiene tutti i provvedimenti giudiziari definitivamente emessi nei confronti di una determinata persona fino al momento del rilascio del certificato, i Carichi pendenti contengono le solo iscrizioni della persona in qualità di imputato in processi penali in corso e può venire richiesto per vari motivi ad esempio dal datore di lavoro per un’assunzione, nell’edilizia per partecipare ad una gara d’appalto, dall’Amministrazione Finanziaria per eseguire verifiche tributarie, per richiedere la riabilitazione penale ecc.

 

 

 

Certificato Carichi Pendenti: che cos’è?

Il Certificato dei Carichi Pendenti è una certificazione rilasciata, previa presentazione del modello di domanda, dalla Procura della Repubblica competente per territorio in base alla residenza della persona che ne fa richiesta, ed attesta l’esistenza di procedimenti penali pendenti a carico del soggetto richiedente, ovvero, se a suo nome risulta attivata, con la pendenza, la formulazione dell’imputazione e l’irrevocabilità del provvedimento a procedere al processo.

 

 

 

Certificato Carichi Pendenti: modello domanda

Il Certificato dei Carichi Pendenti deve essere richiesto direttamente dalla persona interessata tramite presentando il modello di domanda certificato dei Carichi Pendenti scaribabile on line sul sito ufficiale della Procura della Repubblica competente territorialmente in base alla residenza del richiedente:

 

a) Modello di Domanda certificato dei Carichi Pendenti: da scaricare e compilare

Il modello di domanda varia a seconda della Procura della Repubblica sita nella città di residenza è comunque valida la domanda sul modello generale da compilare con l’indicazione della Procura: Modello di Domanda certificato dei Carichi Pendenti, oppure utilizzare per esempio:

 

b) Modello di Domanda Carichi Pendenti per i Minorenni:

Per i minorenni, il certificato dei carichi pendenti viene rilasciato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale de Minori e può essere rilasciato anche per i bambini di età inferiore ai 14 anni, nel caso in cui si renda necessaria la conferma dell’età del minore straniero. Gli orari di apertura al pubblico possono variare a seconda della Procura, si consiglia pertanto di verificarli consultando le seguenti schede:

 

 

Certificato Carichi Pendenti: richiesta

Il Certificato dei carichi Pendenti può essere richiesto:

  • dall’interessato

  • dalle pubbliche amministrazioni o dai gestori di pubblici servizi, quando il certificato è necessario per l’espletamento delle loro funzioni

  • dall’autorità giudiziaria penale, che provvede direttamente alla sua acquisizione.

Casi Particolari: Il modello di domanda può essere presentato allo sportello della Procura delle Repubblica di competenza anche da una persona delegata solo nei seguenti casi:

  • per i minori di 18 anni: domanda va presentata dal genitore

  • per gli interdetti: domanda va presentata dal tutore

  • per la persona detenuta o inserita in una comunità terapeutica: domanda va inoltrata per posta o tramite persona delegata.

  

 

 

Certificato Carichi Pendenti: documenti per il rilascio

La richiesta del certificato dei carichi pendenti tramite apposito modello, va presentata all’ufficio del casellario giudiziario in base al luogo di residenza della persona che ne fa richiesta, presentando la seguente documentazione:

  • Modello di domanda compilato
  • Documento d’identità in corso di validità
  • Delega: nel caso in cui la domanda di rilascio sia presentata da persona diversa dall’interessato + fotocopia del documento d’identità del delegante

 

 

  

Certificato Carichi Pendenti: tempi rilascio

Il Certificato dei Carichi Pendenti va richiesto dalla persona interessata presentando l’apposito modello già compilato + la documentazione, presso gli sportelli degli Uffici Giudiziari, è ben precisare che alcuni di questi uffici possono accettare la domanda per posta mentre in altri è possibile fare la domanda online collegandosi al sito dell’ufficio giudiziario come per esempio per la Procura della repubblica della città di Milano.

Importante: la Procura della Repubblica di residenza è competente territorialmente ai fini del rilascio del certificato dei carichi pendenti, solo per gli ultimi 5 anni di residenza.

Riguardo ai tempi di rilascio il certificato, viene consegnato all’interessato dall’Ufficio del Casellario entro:

  • se richiesto senza urgenza: entro il 3° giorno successivo alla presentazione della domanda, fatta eccezione per le pendenze che necessitano di particolari accertamenti e ricerche
  • se richiesto con urgenza: in mattinata, fatta eccezione per le pendenze che necessitano di particolari accertamenti e ricerche.

 

 

  

Certificato Carichi Pendenti: costo

Il rilascio del certificato dei carichi pendenti, previa presentazione allo sportello o on line, della domanda + la documentazione, prevede il pagamento di una marca per i diritti di segreteria:

  • da 3,54 euro
  • da 7,08 € per i casi di urgenza.

La marca da bollo va allegata al modello di domanda.

  

 

 

Certificato Carichi Pendenti: validità e scadenza

La validità dei certificati dei carichi pendenti è di 6 mesi dalla data di rilascio.

 

 

  

Certificato Carichi Pendenti: richiesto dall’estero

Il cittadino italiano o straniero residente all’estero può inviare la richiesta di rilascio del certificato dei carichi pendenti, tramite domanda in carta semplice da inviare all’ufficio del casellario giudiziale presso la Procura della Repubblica della località di ultima residenza o dimora in Italia.  
La domanda in carta semplice deve contenere i seguenti dati:

  • Generalità della persona richiedente
  • Data e luogo di nascita
  • Residenza o dimora in Italia
  • Indirizzo di attuale residenza
  • Motivo per cui si richiede il certificato 
  • Firma del richiedente

Alla domanda va allegata:

  • Copia di un documento di identità valido
  • Ricevuta del pagamento dell’importo complessivo per i bolli, i diritti e le spese per la spedizione del certificato: il costo è di € 3,54 per i diritti di segreteria mentre le spese di spedizione del certificato vanno versate secondo le modalità previste in base ai Paesi e alle convenzioni quindi con assegno bancario internazionale, vaglia postale o eurogiro, da intestare all’ufficio locale del casellario giudiziale della Procura della Repubblica del luogo cui si inoltra la richiesta. 
         
  • Busta compilata con l’indirizzo per la spedizione del certificato richiesto.

 

  

 

Certificato Carichi Pendenti: Autocertificazione

Dal 1° gennaio 2012, il Certificato dei Carichi Pendenti se deve essere presentato ad una Pubblica Amministrazione deve essere sostituto con dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell’art. 46 del D.lgs 28/12/2000 n° 445, come modificato   dall’art. 15 Legge 183/2011:

Sono esclusi dalla possibilità di autocertificazione dei Carichi Pendenti, gli stranieri extracomunitari, ovvero, nati in paesi non appartenenti all’Unione Europea, per i quali rimangono in vigore le disposizioni previste dalle leggi sull’immigrazione che prevedono che il certificato dei carichi pendenti non possa essere autocertificato e quindi vada richiesto alla Procura e rilasciato con la dicitura “certificato rilasciato per i procedimenti disciplinati dalle norme sull’immigrazione”. Tale Legge, dovrebbe però essere abrogata a partire dal 30/06/2013 con l’entrata in vigore dalla Legge di stabilità 2013 (art. 1 comma 388 tabella  2 punto 21).

 

 

Siti e link di riferimento ufficiale per Certificato Carichi Pendenti:

 

Aggiornato il 23 dicembre 2013 13:58

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento
Nome (richiesto)
E-Mail (richiesto, non verrà visualizzata)
Sito Web (opzionale)
Commenti Codice Captcha