Bonus 80 euro 2017 militari polizia carabinieri come funziona?

Bonus militari 2017 cos'è come funziona a chi spetta il bonus 80 euro polizia, forze dell'ordine carabinieri vigili del fuoco esercito capitaneria di porto

Commenti 0Stampa

Il bonus militari, ossia, il contributo di 80 euro destinato a forze armate, polizia, carabinieri è un’agevolazione che il Governo Renzi ha voluto riconoscere con la Legge di Stabilità 2016 attraverso il pacchetto cultura e sicurezza.

Molti di voi, infatti, ricorderanno, come il presidente del Consiglio Matteo Renzi abbia voluto introdurre con forza, questa misura come atto di riconoscenza verso il duro lavoro svolto dai nostri militari.

Ebbene finalmente, il bonus 80 euro sarà accreditato sulla busta di febbraio e spetterà per 1 anno, a meno che di una trasformazione del bonus in misura strutturale nella prossima Manovra 2017.

In base agli utlimi aggiornamenti, è stato firmato l'accordo quadro per il rinnovo contratto degli statali e uno stanziamento di 850/900 milioni di euro per riconfermare il bonus 80 euro 2017 alle forze dell'ordine.

 

Bonus militari 2017 cos’è e a chi spetta?

Cos’è Il bonus militari? Il bonus 80 euro alle forze armate è un contributo economico che viene direttamente erogato al beneficiario tramite busta paga mensile.

A differenza però del bonus 80 euro per i dipendenti, il cui importo viene elargito sulla base del reddito fino ad annullarsi sopra i 26000 euro annui, il bonus polizia è assegnato ad ogni dipendente a prescindere dal reddito. Tale bonus, è stato inserito nella recente Legge di Stabilità 2016 all'interno del pacchetto cultura sicurezza insieme al bonus maggiorenni e bonus strumenti musicali.

Ora con la nuova Legge di Bilancio e la firma del rinnovo contratto statali 2017, sono stati stanziati nel 2017 risorse fino a 900 milioni di euro per riconfermare alle forze dell'ordine, il bonus 80 euro 2017 ai militari polizia caribinieri.

A chi spetta il bonus militari 2017? Il bonus 80 euro spetta a:

Tutti i dipendenti delle forze armate tra cui Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo forestale, Vigili del Fuoco, Aeronautica, Esercito e Marina Militare, fatta eccezione dei dirigenti e dei vigili urbani. Per i neoassunti, invece, il bonus spetta per i soli mesi di effettivo servizio mentre per i dipendenti sospesi che fruiscono dell’assegno alimentare o sono in attenzione dal servizio senza stipendio, il contributo non sarà erogato.

 

Bonus 80 euro 2017 militari polizia carabinieri come funziona?

Il bonus 80 euro 2017 militari, forze dell’ordine, carabinieri, vigili del fuoco, esercito ecc è un contributo economico pari a 960 euro netti in un anno, ossia, 80 euro netti al mese che è stato riconfermato dalla nuova legge di Bilancio 2017.

Pertanto il bonus euro 2017 militari sarà erogato a:

Carabinieri;

Guardia di Finanza;

Corpo Forestale;

Polizia penitenziaria;

Vigili del Fuoco;

Aeronautica Militare;

Esercito Italiano;

Marina Militare;

Corpo militare volontario della Croce Rossa Italiana;

Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana;

Corpo Militare dell’Esercito Italiano del Sovrano Militare Ordine di Malta;

Capitanerie di Porto,

a prescindere dal reddito del dipendente, per cui l’importo non varia in funzione del reddito come avviene per il bonus 80 euro Renzi diventato ormai strutturale.

Inoltre, è importante sottolineare che il suddetto importo non comporterà alcun aumento delle imposte dirette (IRPEF) sulla dichiarazione dei redditi 2017 essendo scorporato dal reddito complessivo, ciò significa che le 80 euro non saranno tassate e non influiranno né sulla tredicesima né sulla base pensionabile.

Per coloro invece che fruiscono del bonus 80 euro legato al reddito se inferiore a 24mila euro l’anno, il contributo economico forze dell’ordine sarà comunque erogato, essendo il bonus militari 2017 solo temporaneo e senza effetti sul reddito, in quanto non si cumula con gli altri redditi da lavoro dipendente.

 

Bonus forze dell’ordine e bonus 80 euro dipendenti privati: differenze

Sebbene il bonus 80 euro militari 2017 ed il bonus 80 euro 2017 siano molto simili, si parla infatti sempre delle consuete 80 euro, esistono però delle differenze. Tali differenze, sono strettamente legate alla natura del contributo, in quanto il primo il bonus militari è riconosciuto per soli 12 mesi nel 2017 a tutti i dipendenti delle forze dell'ordine a prescindere dal reddito, il secondo invece è un bonus 80 euro riservato a tutti i dipendenti privati e nello specifico a:

  • Lavoratori dipendenti privati e assimilati;
  • Lavoratori soci di cooperative;
  • Lavoratori percettori di indennità di mobilità o cassa integrazione;
  • Lavoratori disoccupati che percepiscono indennità di disoccupazione NASPI;
  • Lavoratori a tempo determinato;
  • Lavoratori socialmente utili;
  • Titolari di assegni legati a formazione professionale o borse di studio;
  • Soggetti percettori di remunerazioni sacerdotali,

che hanno redditi annui da 8000 a 24.000 euro, fino ad azzerarsi per chi supera i 26mila euro di reddito annuo. Ciò significa che il bonus 80 euro militari 2016 è un contributo non legato al reddito e temporaneo, infatti, è previsto per il solo 2016 anche se diverse voci, vedono il Premier Renzi cercare di rendere in tutti i modi possibili, questa misura strutturale, proprio come è stato fatto per le 80 euro ai dipendenti privati.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti