Bonus macchinari 2017 agevolazione acquisto beni strumentali

Bonus macchinari nuova Sabatini 2017 agevolazione PMI imprese che investono in beni strumentali impianti macchine con finanziamento agevolato MISE domanda

Commenti 0Stampa

Bonus macchinari 2017 è un'agevolazione introdotta dal decreto legge n.69/2013 convertito con modificazione dalla legge n. 98/2013 che ha previsto la possibilità per le micro, piccole e medie imprese, di accedere a finanziamenti, concessi da banche ed intermediari, al fine di favorire i loro investimenti attraverso:

1) l'acquisto di beni strumentali d'impresa,

2) con un contributo MISE sulla base del calcolo degli interessi sui predetti finanziamenti.

Il decreto n. 3/2015, convertito, con modificazioni, dalla legge n.33/2015 ha poi previsto la possibilità di riconoscere i contributi per gli investimenti delle piccole e medie imprese anche sotto forma di leasing finanziario, di conseguenza in attuazione a quanto previsto dalle predette leggi, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 58 del 10 marzo 2016, il provvedimento che contiene la norma, la misura dell'agevolazione, le modalità per accedere al credito e i termini per la sua erogazione.

 

Bonus macchinari - nuova Sabatini cos'è e come funziona?

Cos'è il bonus macchinari 2017 - nuova Sabatini? E' un'agevolazione riservata alle micro, piccole e medie imprese che investono nell'acquisto di beni strumentali e nuove apparecchiature da impiegare all'interno del processo produttivo.

Per acquistare i beni strumentali, le PMI possono quindi richiedere un finanziamento agevolato a banche ed intermediari finanziari, per il quale viene concessa un’agevolazione sotto forma di un contributo pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati in via convenzionale su un finanziamento al tasso d’interesse del 2,75% della durata di 5 anni e d’importo pari al finanziamento.

Bonus macchinari 2017 come funziona? La PMI per accedere al finanziamento deve:

1) presentare alla banca o intermediario finanziario, la domanda bonus macchinari 2016 + la richiesta di finanziamento per l’acquisto, o l’acquisizione in caso di leasing finanziario, di:

  • macchinari;
  • impianti;
  • beni strumentali di impresa attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo;
  • hardware, software e tecnologie digitali. 

2) La banca o l'intermediario, procedono poi alla verifica della domanda, della documentazione allegata e del possesso di tutti i requisiti che servono per accedere all'agevolazione. Ultimata la verifica, la domanda viene inviata al Ministero, per procedere alla richiesta di prenotazione del contributo. 

3) Una volta ottenuto dal Ministero la conferma circa la disponibilità, totale o parziale, delle risorse da destinare al contributo, la banca o intermediario può concedere il finanziamento alla PMI. Tale concessione, può essere anche garantita anche dal Fondo di garanzia, per un massimo dell’80% del finanziamento. 

4) La banca o intermediario che accetta il finanziamento alla PMI, deve adottare la relativa delibera e trasmetterla al Ministero insieme alla domanda + documenti presentati in prima istanza dall'impresa. Il Ministero poi adotta il provvedimento per la concessione del contributo, indicante anche la misura massima degli investimenti ammissibili e concedibili, gli obblighi e gli impegni che l'impresa beneficiaria deve assumersi per far sì che l'investimento vada a buon fine.

5) L'agevolazione bonus macchinari 2016 - nuova Sabatini consiste quindi in contributo concesso dal MISE alla PMI, a fronte di un investimento in macchinari e/o beni strumentali, pari all'ammontare degli interessi calcolati su un piano di ammortamento rate semestrali, al tasso del 2,5% per 5 anni.

 

Chi ha diritto al bonus macchinari 2017?

Chi ha diritto al bonus macchinari 2017? Hanno diritto al contributo MISE sugli investimenti le PMI che:

1) hanno una sede operativa in Italia;

2) sono regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle imprese e nel Registro delle imprese di pesca;

3) godono di tutti i diritti, non si trovano quindi in liquidazione volontaria e non sono sottoposte a procedure concorsuali; 

4) non sono imprese in difficoltà; 
5) Possono, inoltre, presentare domanda bonus macchinari le imprese estere, con sede in un paese UE anche se alla data della domanda non hanno ancora una sede operativa in Italia, che dovrà essere istituita prima della fine dell'investimento 
6) Sono escluse dall'agevolazioni le imprese che operano nel settore delle attività finanziarie e assicurative (sezione K della classificazione delle attività economiche ATECO 2007). 

 

 

Bonus nuova Sabatini 2017: beni agevolabili

Quali sono i beni agevolabili con il bonus nuova Sabatini 2017?  L'agevolazione MISE, per le piccole e medie imprese che investono, previa richiesta di finanziamento agevolato. è concessa per l’acquisto, o l’acquisizione nel caso di operazioni di leasing finanziario, di:

  • macchinari;
  • impianti;
  • beni strumentali di impresa;
  • attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo;
  • hardware, classificabili, nell’attivo dello stato patrimoniale, alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4, dell'art. 2424 del codice civile;
  • software e tecnologie digitali, destinati a strutture produttive già esistenti o da impiantare, ovunque localizzate nel territorio nazionale.

Non sono invece ammessi, gli acquisti di singoli beni di importo inferiore a 516,46 euro, come non rientrano nell'agevolazione le seguenti voci:

  • terreni e fabbricati;
  • opere murarie; 
  • acquisto di beni che costituiscono mera sostituzione di quelli esistenti; 
  • commesse interne; 
  • macchinari, impianti e attrezzature usati o rigenerati; 
  • beni di funzionamento; 
  •  imposte, tasse e scorte; 
  • contratto di finanziamento. 

 

Domanda bonus macchinari 2017 nuova Sabatini:

La domanda bonus macchinari 2017- nuova Sabatini deve essere inviata in bollo, fatta eccezione per le PMI dei settori agricoli e pesca, per via telematica al MISE.

L’elenco delle banche/intermediari finanziari che aderiscono alla convenzione, viene via via aggiornato dal Ministero e dall'ABI.

Ecco tutti i moduli domanda scaricabili online:

Circolare direttoriale 23 marzo 2016, n. 26673;

Modulo domanda bonus macchinari 2017 Sabatini MISE.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti