Bonus condomini 2017: Ecobonus e sisma bonus come funziona detrazione?

Bonus condomini 2017 novità Legge di Stabilità Ecobonus 65% al 75% e sisma bonus detrazioni fino all’85% durata a 5 anni, cos'è come funziona e requisiti

Commenti 0Stampa

Il bonus condomini 2017, è la possibilità prevista dalla nuova Legge di Stabilità 2017, di poter fruire di una detrazione fiscale, ossia, uno sconto IRPEF considerevole, per quei condomini che effettuano interventi di risparmio energetico e/o di adeguamento antisismico e di ristrutturazione.

Le grandi novità per il 2017, introdotte dalla nuova Manovra, riguardano, pertanto:

1) L’estensione di tutti i bonus casa, oggi, in vigore, ai condomini;

2) maggiore sarà l'adeguamento energetico o antisismico e più alta sarà la riduzione Irpef;

3) Ecobonus 2017 esteso per 5 anni, ossia, fino al 2021 se le spese sostenute riguardano le parti comuni dei condomini. 

4) Per i condomini che non hanno immediata disponibilità economica per eseguire i lavori. la nuova legge di Bilancio 2017, ha previsto la possibilità di cedere a soggetti terzi i crediti, e non solo alle ditte che eseguono i lavori. 

Ricordiamo inoltre che per chi deciderà di ristrutturare casa nel 2017, avrà la possibilità di fruire ancora della detrazione 50% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2017. Stessa proroga anche per il bonus mobili 2017 ed elettrodomestici ma solo se la ristrutturazione avviene entro il 2016.

 

Ecobonus condomini 2017 fino al 75% per cinque anni:

Per effetto della legge di Bilancio 2017 che inizierà il suo percorso verso l’approvazione finale, a partire dal 25 ottobre, l’Ecobonus è al 65% per tutto il 2017, ma se gli interventi effettuati riguardano le parti comuni dell'edificio, vi è un aumento della detrazione.

Nello specifico, l’Ecobonus condomini 2017, prevede innanzitutto che la durata dell’agevolazione sia non di 1 anno, ma di ben 5 anni, ossia, fino al 2021, e che la misura dello sconto aumenti in funzione del livello di efficientamento energetico raggiunto con i lavori. 

Pertanto:

  • se l'intervento di risparmio energetico riguarda anche l'involucro dell'edificio con un incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'immobile stesso, la detrazione Econobonus è pari al 70%.
  • se l'intervento di risparmio energetico migliora la prestazione energetica invernale e estiva, spetta una detrazione ecobonus condomini fino al 75%.

In ogni caso, l'ammontare delle spese su cui è possibile ottenere lo sconto Irpef è pari a 40.000 euro ad alloggio moltiplicato per il n° degli alloggi che costituiscono l'edificio.

 

Altre novità Ecobonus 2017: perizia obbligatoria e cessione a terzi

Le altre novità introdotte dalla legge di Bilancio 2017 sono:

Ecobonus perizia obbligatoria:

Questa è un'altra novità 2017, e riguarda le condizioni per fruire dell'agevolazione.

Tra i requisiti Ecobonus 2017 c'è la perizia obbligatoria degli edifici, per cui per ottenere lo sconto Irpef, il condominio, deve richiedere il rilascio di una dichiarazione sostitutiva di certificazione e sulla quale l'Enea, effettuerà dei controlli, anche a campione.

Le false dichiarazioni, faranno decadere da beneficio, ferma restando la responsabilità del professionista.

Crediti Ecobonus possono essere ceduti anche a terzi:

La nuova legge di bilancio 2017, ha previsto la possibilità per i condomini, di poter cedere il credito Ecobonus anche a soggetti terzi oltre che alle imprese che effettuano gli interventi di miglioramento.

Il Governo, in questo modo, ha cercato, dunque di superare l'empasse di tanti condomini che non hanno la liquidità immediata per affrontare simili interventi.

Le regole per la cessione dei crediti ecobonus condomini 2017, sarà un provvedimento dell'Agenzia delle Entrate.

 

Bonus condomini 2017 sismabonus requsiti detrazione fino all'85%:

Per quanto riguarda il bonus condomini 2017 e il sisma bonus, invece, dobbiamo dire che:

1) Il sismabonus condomini spetta a chi esegue interventi di adeguamento antisismico sulle parti comuni degli edifici ubicati nelle zone ad alto rischio sismico o antisismico più alto, zone 1, 2 e 3, spetta una detrazione che va da un minimo del 50%, 75% fino ad un massimo dell'85%;

2) Il limite massimo della detrazione è di 96mila euro moltiplicato per il numero delle unità di ciascun edificio;

3) Anche per il sisma bonus, prevista la possibilità di cessione dei crediti a soggetti terzi;

4) Sono detraibili anche le spese di classificazione e verifica sismica degli immobili.

5) La durata del sisma bonus condomini è di 5 anni, ossia, fino al 2021;

6) La detrazione spetta sugli edifici ubicati in zone a rischio 1, 2 e 3;

7) Il sismabonus, spetta anche per l'adeguamento antisismico di immobili adibiti ad abitazione principale e ad attività produttiva. In questo caso, la detrazione IRPEF, può essere scontata in 5 quote annuali di pari importo. Vedi anche le novità sui bonus casa 2017 e come funziona il nuovo sisma bonus 2017.

8) Più alto è il livello di adeguamento antisismico più alto sarà lo sconto Irpef, e il risparmio sulle spese condominiali, per cui se si passa a:

  • 1 classe di rischio immediatamente inferiore, la detrazione Irpef è al 75%;
  • 2 classi di rischio inferiore, allora, la detrazione è fino all'85% delle spese sostenute.
COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti