Bonus alberghi 2017 agriturismi: cos'è come funziona requisiti domanda

Bonus agriturismi 2017 e alberghi cos'è e come funziona a chi spetta credito d'imposta 65% sulle spese di ristrutturazione requisiti e come fare la domanda

Stampa

Il bonus alberghi 2017, è una delle novità contenute dalla Legge di Bilancio 2017 e approvate in via definitiva dal Senato il 7 dicembre. 

Con l’approvazione del testo della nova Manovra, pertanto, gli alberghi, hotel, agriturismi ed in generale gli immobili ad uso turistico a partire dal 1° gennaio 2017 potranno beneficiare di un’importante agevolazione fiscale sulle ristrutturazioni edili.

Vediamo quindi nel dettaglio cos’è e come funziona il bonus alberghi 2017, quanto spetta di credito d'imposta per le spese di ristrutturazione, come fruire delle agevolazioni fiscali, i requisiti e il limite di spesa massima.

 

Bonus alberghi 2017 novità Legge di Bilancio:

Il Bonus alberghi 2017, riconfermato e rifinanziato dalla Legge di Bilancio 2017 con ben 240 milioni di euro al fine di rilanciare la competitività delle strutture alberghiere e agriturismi italiani, è un’agevolazione riservata alle aziende del settore turistico che effettuano interventi di ristrutturazione.

Le novità introdotte nel nuovo bonus alberghi 2017 dalla Legge di Bilancio 2017:

1) bonus alberghi spetta per il periodo 2017 al 2020;

2) bonus esteso agli agriturismi;

3) aumentata la percentuale di detrazione che passa dal 30 al 65%;

4) l’importo della detrazione fruibile sotto forma di credito d’imposta, dal 2017, può essere utilizzato in 2 quote annuali anziché 3;

5) aumentato il limite di spesa massima su cui calcolare la percentuale di detrazione: 200.000 euro.

 

Bonus alberghi 2017 cos’è?

Che cos’è il bonus alberghi 2017? E' un'agevolazione riservata alle strutture alberghiere e agriturismi che nel corso degli anni 2017, 2018, 2019 e 2020, effettuano interventi di ristrutturazione edilizia nei propri immobili al fine di aumentarne la competitività e l'accoglienza al pubblico.

Nella nuova Legge di Bilancio 2017, il cui testo è stato approvato in via definitiva dal Senato il 7 dicembre scorso, c’è un’importante agevolazione fiscale che riguarda le ristrutturazioni di immobili ad uso turistico. Tali agevolazioni però, non solo sono state riconfermate anche per il 2017 e fino al 2020 ma sono state anche aumentate passando così dal 30% del 2016 al 65% del 2017 ed estese alle ristrutturazione di agriturismi come confermato tempo addietro dall’oramai ex Premier Matteo Renzi.

Per quanto riguarda, invece, il limite di spesa massimo su cui calcolare il credito d'imposta al 65%, è pari a 200 mila euro.

 

Bonus alberghi e agriturismi 2017 a chi spetta?

Bonus alberghi e agriturismi 2017 a chi spetta? Riguardo ai beneficiari del bonus ristrutturazioni al 65% 2017, bisogna dire innanzitutto che malgrado l'annuncio dell'ex Premier Matteo Renzi alla Fiera del Levante di Bari, circa l'estensione del bonus alberghi anche alle ristrutturazioni di ristoranti, ciò non si è tradotto in realtà.

Nella Legge di Bilancio 2017 a dire il vero un'estensione del bonus alberghi in effetti c'è stata ed ha interessato SOLO gli agriturismi.

Chi ha diritto al bonus alberghi e agriturismi 2017? Possono fruire del bonus le seguenti strutture:

  • Strutture che svolgono attività agrituristica ai sensi della Legge 96/2006;
  • Strutture alberghiere: in attesa dell'emanazione dei decreti attuativi che dovranno stabilire le modalità applicative del bonus, i beneficiari, i requisiti di accesso al beneficio, come presentare la domanda e fruire il credito d'imposta, tra le strutture alberghieri a cui spetta il bonus, sulla base di quanto stabilito per il precedente periodo d'imposta, ci sono:
    • Alberghi e Alberghi diffusi;
    • Residenze turistico-alberghiere;
    • Villaggi-albergo;
    • Strutture intese come "alberghiere" dalle specifiche leggi regionali.

 

Bonus ristrutturazioni al 65% 2017 come funziona per alberghi e agriturismi?

Come funziona il bonus ristrutturazioni 65% 2017 alberghi e agriturismi? La nuova legge di Stabilità 2017, ora chiamata Legge di Bilancio, ha previsto un importante sconto fiscale per gli alberghi e agriturismi che nel corso degli anni 2017 - 2020 effettueranno interventi di ristrutturazione edile negli immobili finalizzati alla loro attività.

Il bonus ristrutturazioni albeghi e agriturismi , pertanto, non funziona come il consueto bonus ristrutturazioni 2017 che prevede una detrazione al 50%, ma un credito d’imposta pari al 65% da utilizzare per i seguenti interventi:

  • Restauro e risanamento conservativo;
  • Ristrutturazione edilizia;
  • Abbattimento delle barriere architettoniche;
  • Aumento dell’efficienza energetica;
  • Acquisto di arredi e mobili da destinare esclusivamente agli immobili oggetto del bonus.

 

Come richiedere il credito d’imposta 65% per le ristrutturazioni alberghi e agriturismi?

Per sapere come presentare la domanda bonus alberghi e agriturismi 2017 sotto forma di credito d'imposta al 65%, le modalità operative, i requisiti di accesso, da quando è possibile iniziare a presentare la domanda, le specifiche tecniche e i termini, bisogna attendere l’emanazione dei decreti attuativi.

Quello che si sa fino adesso è solo che le imprese turistiche interessate alla domanda bonus alberghi 2017 dovranno presentare un'apposita domanda per il riconoscimento del credito d’imposta, al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Una volta emanati i decreti attuativi, provvederemo ad aggiornare la guida.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?