Nuova Sabatini 2017 MISE bonus acquisto beni strumentali domanda

Nuova Sabatini 2017 MISE cos'è? Come funziona bonus beni strumentali per acquistare attrezzature, macchinari, pc e software modulo domanda editabile

Commenti 0Stampa

Nuova Sabatini 2017 MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, grazie alla legge di Stabilità 2017, riconoscerà anche per il 2017, il bonus beni strumentali alle imprese per aumentare la competitività della produzione italiana e facilitare l'accesso al credito per le PMI, piccole e medie imprese.

A tal fine, la cassa Depositi e Prestiti ha previsto un apposito fondo che al momento risulta chiuso per mancanza di fondi, ma che verrà riaperto, non appena verrano destinate le nuove risorse previste dalla nuova Legge di Bilancio.

Nel frattempo di avere notizie più precise, vediamo cos'è e come funziona la nuova Sabatini, i requisiti e el condizioni per accedervi, quali sono i beni strumentali ammessi all'agevolazione e come presentare la domanda. 

 

Nuova Sabatini 2017 Mise cos'è?

La nuova Legge Sabatini 2017 per l'acquisto di beni strumentali, è un contributo che il MISE riconosce alle PMI attraverso un contributo a copertura degli interessi sui finanziamenti bancari per gli investimenti realizzati per acquistare beni strumentali. 

Il contributo per il bonus macchinari - nuova Sabatini, è quindi pari agli interessi calcolati sul piano di ammortamento a rate semestrali al tasso di 2,75% annuo per 5 anni.

Le PMI inoltre, che fanno domanda e rientrano nel contributo, possono richiedere che il finanziamento sia coperto dalla garanzia dello Stato, attraverso il Fondo di garanzia PMI fino all'80% del finanziamento totale.

Cosa spetta alle imprese? Alle imprese che fanno domanda di accesso al contributo e che effettuano l’investimento per acquistare i beni strumentali o acquisirli in leasing spetta:

  • Investimento coperto da un finanziamento bancario o leasing, fino all’80% dell’importo dal Fondo di garanzia PMI.
  • La durata del finanziamento è di massimo 5 anni
  • Importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro
  • Finanziamento deve essere utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili.

 Grazie alla legge di Stabilità 2017, è previsto inoltre un'altra agevolazione per le imprese e beni strumentali, il cd. super ammortamento 2017 e iperammortamento 2017.

 

Nuova Sabatini acquisto beni strumentali 2017: requsiti imprese

Imprese ammesse alla nuova Sabatini: Sono ammesse al bonus beni strumentali 2017, tutte le micro, piccole e medie imprese di Italia.

Nello specifico, le imprese ammesse alla nuova Sabatini 2017, sono le PMI in possesso dei seguenti requisiti:

Hanno una sede operativa in Italia.

Sono iscritte nel Registro delle imprese o di pesca

Godono pienamente dei propri diritti, non sono sottoposte a liquidazione volontaria o a procedure concorsuali e non sono in difficoltà economica.

Non sono imprese che hanno ricevuto e poi dovuto rimborsare aiuti ottenuti illegalmente o incompatibilmente alla Commissione Europea.

Quali settori sono agevolabili? Al contributo sui beni strumentali 2017 sono ammesse le imprese che operano in tutti i settori produttivi, ivi compresi l'agricoltura e la pesca mentre ne sono esclusi i settori: industria del carbone, attività finanziarie e assicurative, la fabbricazione di prodotti con imitazione o sostituzione del latte e quelli lattiero-caseari, attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione.

 

Nuova Sabatini 2017: beni agevolabili

La nuova Sabatini 2017 prevede un contributo per le imprese che effettuano investimenti per acquistare o acquisire in leasing i seguenti beni strumentali:

  • Macchinari;
  • Attrezzature;
  • Impianti;
  • Beni strumentali ad uso produttivo;
  • Hardware, software e tecnologie digitali.

Come devono essere i beni strumentali? I requisiti che i beni devono possedere per rientrare nel beneficio è che devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali per “impianti e macchinari”, “attrezzature industriali e commerciali” e “altri beni”. Sono quindi escluse le voci “terreni efabbricati” e “immobilizzazioni in corso e acconti”.

 

Bonus beni strumentali 2017 modello domanda editabile:

Le imprese in possesso dei requisiti che vogliono accedere al bonus beni strumentali 2017 devono innanzitutto attendere la riapertura dello sportello MISE, un avolta riaperto, sarà possibile compilare la domanda sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico nella sezione del sito dedicata ai Beni Strumentali (Nuova Sabatini).

Una volta scaricato il modulo domanda Nuova Sabatini 2017 beni strumentali, l'impresa dovrà compilare la documentazione richiesta e firmare i moduli con la firma digitale ed inviare il tutto tramite PEC all’indirizzo PEC della banca a cui si chiede il finanziamento, a scelta tra quelle che aderiscono al bonus.

Dopo aver provveduto alla presentazione della domanda, inizierà l'iter di verifica per la sussistenza dei requisiti da parte della banca e se l'esito sarà positivo, si procederà alla concessione del bonus e l'impresa potrà effettuare l'investimento già dal giorno successivo all'invio della domanda tramite PEC, fatta eccezione per il settore agricolo, e comunque sia entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento con la banca o intermediario autorizzato.

Effettuato l'investimento l'impresa deve poi attestarne il completamento entro il termine di 60 giorni al Ministero dello Sviluppo Economico, il quale provvederà all'erogazione del contributo in più quote annuali direttamente all'impresa.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti