AVCPass appalti pubblici 2017: registrazione, requisiti e documenti

AVC Pass 2017 è un sistema di verifica requisiti delle imprese che intendono partecipare alle gare e appalti pubblici pari o superiori a 40.000 euro

Commenti 0Stampa

L'AVCPass 2017 è il servizio predisposto dall'Autorità di Vigilanza dei contratti pubblici, ai fini di partecipazione dell'imprese alle gare pubbliche. Ogni impresa, ha l'obbligo di registrarsi su AVCPass per partecipare alle gare pubbliche e appalti pari o superiori a 40.000 euro.

L'AVCPass è un sistema informatico chiamato Authority Virtual Company Passport che serve alle imprese per partecipare alle gare di appalto e contratti pubblici.

A partire dal 1 gennaio 2014, la registrazione all'AVCPass è obbligatoria per partecipare alle gare di appalto pari o superiori a 40.000 euro.

La registrazione AVCPass consente all'Autorità di poter verificare il possesso dei requisiti delle imprese sia dal punto di vista tecnico-organizzativo che economico-finanziario previsti per la partecipazione e affidamento de contratti di lavoro, servizi e forniture pubbliche.

in altre parole, l'AVCPass è un meccanismo telematico di verifica dei requisiti che sostituisce la documentazione che l'impresa doveva presentare alla stazione appaltante per partecipare alla gara pubblica.

 

A cosa serve la registrazione Avc pass?

L'AVCPass è un sistema telematico che consente all'Autorità e alle stazioni appaltanti di poter verificare il possesso dei requisiti delle imprese che intendono partecipare alle gare d'appalto.

Pertanto, le imprese che intendono partecipare all'assegnazione di contratti pubblici pari o superiori a 40.000 euro devono obbligatoriamente registrarsi, utilizzando il form predisposto sul sito ufficiale AVCP registrazione AVCPASS.

Una volta effettuata la registrazione da parte dell'impresa, la stazione appaltante trasmette sempre tramite AVCPass la richiesta di specifici  documenti comprovanti il possesso dei requisiti. L'impresa quindi ottenute le credenziali, procede ad inserire nella BDNCP, ossia, nella Banca Dati i documenti firmati digitalmente che provano il possesso dei requisiti di qualificazione per la partecipazione alle pubbliche gare d’appalto. Successivamente l’Autorità avvia presso gli Enti certificatori le richieste dei documenti, mettendoli a disposizione del soggetto abilitato non appena disponibili. 

Tutte le comunicazioni tra stazioni appaltanti e imprese concorrenti nell’ambito del sistema AVCPASS devono essere effettuate tramite PEC.

 

Partecipazione agli appalti pubblici dopo registrazione AVCPass 2017:

Effettuata la registrazione al servizio AVCPass, l'impresa riceve dal sistema un "PASSOE" che va inserito nella busta contenente la documentazione amministrativa richiesta per partecipare alle gare di appalto pubbliche.

Il PASSOE, è quindi il documento che certifica che l’impresa può essere sottoposta alla verifica dei requisiti tramite avcpass, da parte dell'Autorità e stazione appaltante che controlleranno sulla base dei documenti inseriti dall'impresa nell'area banca dati, i requisiti di capacità economico finanziaria e tecnico professionale.

L’impresa effettuata la registrazione e ricevuto il pass, può utilizzare tutti i documenti purché in corso di validità, per tutte le successive gare di appalto a cui intende partecipare.

Il Responsabile del Procedimento, entro 60 giorni dalla data di conferma di avvenuta verifica dei requisiti tramite AVCPASS, deve trasferire i i fascicoli di gara, a ciascuna stazione appaltante che ha l’onere di conservare i documenti.

 

Come fare la registrazione obbligatoria al sistema AVCPass?

Le imprese che intendono partecipare alle gare di appalti pubblici devono dal 1° gennaio 2014 registrarsi obbligatoriamente al sistema AVCPASS, secondo le modalità descritte nel Manuale Utente pubblicato sul Portale dell’Autorità (Servizi ad accesso riservato - AVCPASS). L'obbligo di registrazione a partire dal 1° gennaio 2014 è per tutte le gare con valore pari o superiore a 40.000 euro.

Per potersi registrare al sistema AVCPass, l'impresa deve necessariamente disporre di:

Casella PEC personale e casella PEC dell’impresa

Certificato di firma digitale, rilasciato da un organismo incluso nell’elenco pubblico dei certificatori, poiché i documenti devono essere firmati digitalmente.

Una volta effettuata la registrazione, le stazioni appaltanti acquisito il CIG, possono trasmettere attraverso l'AVCPass i requisiti speciali di partecipazione alla procedura ed i relativi documenti che ne comprovano il possesso.

 

AVCPass appalti pubblici requisiti e documenti:

L'Autorità  e le stazioni appaltanti e gli Enti certificatori compreso il Ministero della Giustizia, Unioncamere,  Accredia e Agenzia delle Entrate, verificano tramite l'AVCPass i requisiti che le imprese devono possedere al momento della richiesta di partecipazione ad una specifica gara di appalto pubblica.

I requisiti generali che le imprese devono possedere al momento della registrazione su Avcpass sono costituiti dalla presentazione di una serie di documenti da inserire in AVCPass che sono:

Importante: sebbene non sia espressamente indicato nell’elencazione dell’articolo 5, le stazioni appaltanti provvedono al recupero della documentazione a comprova attraverso la verifica delle sole dichiarazioni sostitutive. Il sistema informatico AVCPASS, non sostituisce infatti, la possibilità da parte dell'impresa dal fornire l'autocertificazione dei requisiti di qualificazione in gara. 

I requisiti tecnico-organizzativo ed economico-finanziario appalti pubblici che l'impresa deve possedere, sono costituiti dall'Attestazione SOA che comprova:

  • Bilanci delle società di capitali rilasciati da Unioncamere;

  • Certificazioni di sistema di qualità aziendale (UNI EN ISO 9000), forniti da Accredia;

  • Certificati Esecuzione Lavori (CEL);

  • Ricevute di pagamento del contributo obbligatorio all’Autorità da parte dei concorrenti.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti