Assunzioni disabili 2016 agevolazioni INPS quanto spetta? Requisiti

Assunzioni disabili 2016 agevolazioni? Incentivo economico sulla retribuzione per chi assume a tempo indeterminato o a termine lavoratori con disabilità

Commenti 0Stampa

Assunzioni disabili 2016? Si, pubblicata la nuova circolare INPS che illustra quali sono le agevolazioni che spettano ai datori di lavoro che dal 1° gennaio 2016 assumono persone con disabilità. 

Il nuovo incentivo, introdotto da uno dei decreti attuativi del Jobs Act, 151/2015, ha come fine ultimo, quello di promuovere ed incentivare l’inserimento e l’integrazione delle persone disabili all’interno del mercato del lavoro, mediante anche la previsione, per i datori di lavoro, di ottenere un incentivo economico, la cui misura varia in funzione del tipo ed il grado di riduzione di capacità lavorativa del disabile assunto.

Vediamo quindi cos’è e come funziona per i datori di lavoro l’incentivo all’assunzione disabili 2016, come presentare domanda e quali sono gli adempimenti da seguire, a chi spetta e quando l’agevolazione, quali sono i contratti che possono beneficiare del bonus, la misura e la durata dell’incentivo INPS e quali sono le condizioni per accedervi.

 

Assunzioni disabili 2016? Agevolazioni:

A seguito dell’entrata in vigore del decreto attuativo Jobs Act 151/2015, a partire dal 1° gennaio 2016, sono scattati nuovi incentivi assunzioni disabili 2016 per i datori di lavoro che assumono, a partire da detta data, lavoratori con disabilità.

L’INPS con la nuova circolare n.99 del 13 giugno 2016, ha provveduto a pubblicare le istruzioni contabili ed operative per consentire ai datori di lavoro di fruire delle agevolazioni previste dalla riforma del lavoro, Jobs Act.

Nello specifico, per le assunzioni disabili 2016, è previsto per i datori di lavoro privati, un incentivo economico sulla retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali che varia in funzione della tipologia del contratto e del grado di riduzione di capacità lavorativa.

 

Quali sono i contratti agevolabili?

L’incentivo assunzioni disabili 2016 spetta ai datori di lavoro che dal 1° gennaio 2016, assumono lavoratori con disabilità sia a tempo indeterminato che determinato, sia full time che in part time.

Altresì, l’incentivo spetta anche per i seguenti contratti di lavoro:

 Contratti di lavoro subordinato stipulati in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro;

Contratti di lavoro a domicilio sempre se subordinati e se l’attività lavorativa viene svolta presso il domicilio del lavoratore disabile, oppure, in altro locale scelto.

Per i contratti di somministrazione, ex interinale, i benefici legati all’assunzione o alla trasformazione del contratto di lavoro, fanno capo all’utilizzatore.

 

A chi spetta l’incentivo sulle assunzioni disabili 2016? Requisiti:

Chi sono i datori di lavoro beneficiari? L’incentivo assunzioni disabili 2016, spetta a tutti i datori di lavoro privati, soggetti o meno all’obbligo assunzione previsto dalla legge 68/1999. Rientrano nell’agevolazione, anche gli enti pubblici economici EPE.

Per quali lavoratori spetta l’agevolazione assunzioni disabili 2016? Le categorie di lavatori per i quali spetta il beneficio sono:

  • Lavoratori disabili con riduzione della capacità lavorativa superiore al 79%, o con minorazioni appartenenti dalla 1a alla 3a categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra.
  • Lavoratori disabili con una riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67% ed il 79%, o minorazioni appartenenti dalla 4a alla 6a categoria della testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra;
  • Lavoratori con disabilità intellettiva e psichica che comporti una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%.

 

Quanto spetta a chi assume un lavoratore disabile nel 2016? Incentivo sulla retribuzione:

Il datore di lavoro che assume, a partire dal 1° gennaio 2016, un lavoratore disabile in possesso dei requisiti sopra descritti, (paragrafo “ a chi spetta l’incentivo”), spetta un incentivo economico, la cui misura varia a seconda delle caratteristiche del lavoratore assunto e del tipo di contratto.

Nello specifico, al datore di lavora spetta un contribuito economico sulla retribuzione mensile lorda ai fini previdenziali pari a:

  • Per l’assunzione di lavoratori disabili a tempo indeterminato che abbiano una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% spetta un incentivo pari al 70% della retribuzione mensile lorda ai fini previdenziali;
  • Per l’assunzione di lavoratori disabili con riduzione capacità lavorativa tra il 67% ed il 79%, spetta un incentivo pari al 35% della retribuzione;
  • Per l’assunzione di lavoratori con disabilita psichica ed intellettiva con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, spetta un’agevolazione pari al 70% della retribuzione.

 

Quanto dura il contributo economico sulle assunzioni disabili?

La durata degli incentivi per chi assume un disabile nel 2016, varia in funzione della disabilità del lavoratore e del tipo di contratto di lavoro stipulato:

  • Assunzione a tempo indeterminato del disabile con riduzione capacità lavorativa superiore al 79% e tra il 67% ed il 79%: la durata dell’incentivo è pari a 36 mesi;
  • Assunzione a tempo indeterminato lavoratore con disabilità intellettiva e psichica con riduzione capacità lavorativa superiore al 45%, l’incentivo spetta per 60 mesi;
  • Assunzione a tempo determinato del lavoratore con disabilità intellettiva e psichica con riduzione capacità lavorativa superiore al 45%, l’incentivo spetta per tutta la durata del contratto. in questo caso, la durata contrattuale non può essere inferiore a 12 mesi.

 

Requisiti datori di lavoro beneficiari:

Il datore di lavoro per poter presentare la domanda INPS per via telematica ed usufruire così del nuovo incentivo assunzione disabili 2016, deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Deve essere in regola con gli adempimenti degli obblighi contributivi; osservare le norme a tutela delle condizioni sul lavoro; rispettare gli obblighi di legge e i CCNL sottoscritti con i sindacati;
  • Per fruire dell’incentivo, occorre che l’assunzione, a tempo indeterminato o a termine, determini un incremento occupazionale netto rispetto alla media dei lavoratori occupati nei 12 mesi precedenti dal datore di lavoro. Tale incremento, è calcolato confrontando il n° medio dei lavoratori dell’anno pretendete con l’anno successivo all’assunzione. Nel calcolo per la determinazione dell’incremento occupazionale, non rientrano i posti di lavoro vacanti a causa di: dimissioni volo parie, invalidità, pensione di vecchiaia, riduzione volontaria dell’orario di lavoro e licenziamento per giusta causa mentre vanno conteggiati quelli vacanti a seguito licenziamento per giusta causa.
  • L’incentivo non spetta se l’assunzione è la realizzazione di un obbligo preesistente previsto dalla legge o dal CCNL, se riguarda lavoratori licenziati nei 6 mesi precedenti dallo stesso datore di lavoro; 
  • Altra condizione per fruire dell’incentivo economico, è quella di non aver ricevuto e poi non rimborsato aiuti statali o essere un’impresa in difficoltà.

 

Compatibilità con altri bonus assunzioni 2016:

Il bonus assunzioni disabili 2016, è inoltre compatibile con altri incentivi quali ad esempio:

  • Bonus over 50 disoccupati da 12 mesi;
  • Bonus donne disoccupate senza lavoro da almeno 24 mesi o da almeno 6 mesi, qualora appartenenti ad aree svantaggiate o impiegate in determinati settori produttivi o professioni.
  • Bonus Assunzioni Garanzia Giovani è cumulabile con il bonus disabili 2016 nel limite del 100% dei costi salariali.

L’incentivo non è invece compatibile con le seguenti agevolazioni:

Bonus giovani genitori INPS;

Incentivo per chi assume lavoratori percettori di NASPI.

 

Domanda assunzioni disabili 2016 INPS: come accedere all’incentivo?

Il datore di lavoro, per vedersi riconosciuto l’incentivo economico per aver assunto a tempo indeterminato o determinato, un lavoratore con disabilità deve inoltrare la domanda assunzioni disabili 2016 all’INPS indicando: 

  • Dati del lavoratore disabile;
  • Tipologia di disabilita;
  • Tipo di contratto di lavoro stipulato e durata;
  • Imposto imponibile lordo annuo e n° di mensilità.

Qual è il modulo domanda da utilizzare? Il modulo che va compilato e trasmesso per via telematica all’INPS, può essere scaricato online dal sito INPS all’interno dell’applicazione “DiResCo - Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente, seguendo il percorso: servizi on line -> per tipologia di utente: aziende, consulenti e professionisti -> servizi per le aziende e consulenti -> autenticazione con codice fiscale e pin -> dichiarazioni di responsabilità del contribuente -> modulo istanza on line 151-2015.

Una volta trasmesso il modulo, entro 5 giorni dall’istanza, l’INPS verifica se ci sono le risorse, dopodiché invia la comunicazione di avvenuta prenotazione dell’incentivo.

Entro 7 giorni dalla ricezione dell’avvenuta prenotazione, il datore di lavoro deve procedere, se ancora non l’ha fatto, con l’assunzione del lavoratore o alla trasformazione del contratto.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti