Assicurazione RC auto 2016 sconti e riduzioni polizza, nuovi obblighi

Assicurazioni RC auto 2016 sconti e riduzioni polizza per chi istalla la scatola nera, nuovi obblighi di comunicazione e trasparenza compagnie e sanzioni

Commenti 0Stampa

Assicurazione RC auto 2016 novità, sconti e riduzioni polizza stanno per arrivare per effetto del decreto sulle liberalizzazioni che il governo sta finendo di mettere a punto, e che verosimilmente entreranno in vigore a partire all'inizio o al massimo a metà del prossimo anno.
Le novità riguardano le agevolazioni economiche per chi decide di istallare la scatola nera, di accettare la clausola contrattuale che prevede che in caso di incidente, l'assicurato debba obbligatoriamente rivolgersi a medici pagati dalla compagnia o in caso di danno, a carrozzieri convenzionati, nuovi obblighi e sanzioni introdotti dal Decreto.

 

Assicurazione RC auto 2016 novità:

Le novità assicurazioni RC auto 2016 che verranno introdotte dal decreto legge, hanno come obiettivo l'aumento della concorrenza, della trasparenza nel settore delle assicurazioni auto, l'abbattimento degli ingenti costi delle polizze e le frodi ai danni delle compagnie assicurative.

Dal punto di vista delle compagnie, sono state invece introdotte una serie di sanzioni amministrative, per coloro che violeranno i nuovi obblighi posti a tutela degli assicurati e, più in generale, del mercato.

L'ammontare complessivo delle sanzioni pagate dalle compagnie di assicurazioni, in caso di violazione delle nuove norme, confluiranno nel Fondo di garanzia per le vittime della strada.

Inoltre, occorre ricordare che dal 18 ottobre 2015, entra in vigore il tagliando elettronico assicurazione, un contrassegno dotato di microchip che consente alle Autorità, ai dispositivi tecnologici, alle assicurazioni e alla Motorizzazione, di verificare in tempo reale la regolarità nell'emissione della polizza assicurativa di qualsiasi veicolo circolante o parcheggiato.

 

Riduzioni e sconti polizza RC auto 2016 quando e come?

Confermata la riduzione polizza RC auto per chi istalla la scatola nera: l'assicurato che sceglie di istallare sulla propria auto la scatola nera, ottiene una riduzione della polizza. Lo sconto sul premio assicurativo, è pari ad una riduzione dell'importo a pagare di circa il 7%. In questo caso, l'istallazione della scatola nera, deve essere sottoscritta con specifica clausola contrattuale al momento del pagamento del premio.

Sconto polizza in caso di incidente: sconto per chi accetta la clausola che prevede che in caso di incidente, l'assicurato, debba obbligatoriamente rivolgersi per le prestazioni di servizi medico sanitari, a professionisti retribuiti direttamente dalle imprese. L'elenco dei medici e delle strutture convenzionate con la compagnia assicurativa, devono essere facilmente reperibili e consultabili online, dall'assicurato. In questo caso, la riduzione sull'importo della polizza, è uno sconto del premio non inferiore al 7%.

Nel caso in cui, la compagnia di assicurazione, non provveda ad applicare lo sconto malgrado l'adesione dell'assicurato alla clausola contrattuale, è prevista una sanzione amministrativa applicata dall’IVASS, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni che va da un minimo di 5.000 ad un massimo di 40.000 euro e l'applicazione per l'assicurato dello sconto spettante sul premio.

Riduzione per risarcimento del danno in forma specifica: sconto dal 5 al 10% sull'importo polizza.

Riduzione se la compagnia non accetta la clausola della cedibilità del diritto al rimborso del danno: sconto polizza non inferiore al 4%.

Sconti per gli automobilisti virtuosi: gli automobilisti che per 5 anni non causano incidenti avranno diritto ad un bonus in linea con la polizza alla media nazionale. 

 

Obbligo di comunicazione Compagnie:

Previsti nuovi obblighi di comunicazione e trasparenza da parte delle Compagnie Assicurative nei confronti degli utenti-assicurati.

Il nuovo pacchetto di norme prevede, infatti, l'obbligo da parte delle Assicurazioni di pubblicare online mediante il sito aziendale, le comunicazioni IVASS e da parte del Ministero dello sviluppo economico, e in tema di stipula del contratto. La mancata pubblicazione delle suddette comunicazioni, comporto una sanzione che varia da 1.000 a 10.000 euro. 

Le informazioni che la compagnia assicurativa dovrà obbligatoriamente pubblicare sono:

Misura dello sconto del premio in caso di riduzione polizza per l'istallazione scatola nera o norma contrattuale.

Obbligo di comunicare all'assicurato che la compagnia di assicurazione non si avvale degli sconti introdotti dalle nuove disposizioni, in modo tale che l'utente possa decidere di rivolgersi ad altra compagnia per la stipula della polizza RC auto.

 

Incidenti stradali: cosa cambia per testimoni?

Le nuove disposizioni introdotte nel settore Assicurazione Rc auto 2016 mirano anche ad abbattere le frodi ai danni delle compagnie di assicurazioni. Tali disposizioni, pertanto, hanno come obiettivo quello di aumentare la prevenzione di comportamenti fraudolenti, soprattutto in casi di incidenti con la presenza di testimoni. Nello specifico, cambia la modalità di identificazione dei testimoni in caso di sinistro, l'identificazione deve risultare dai verbali delle autorità intervenute sul posto dell'incidente stradale, dalla denuncia di sinistro o dalla richiesta di risarcimento dei danni, e dall’invito alla negoziazione assistita o nella richiesta di testimoni formale inviata tramite raccomandata A/R dall’agenzia assicurativa entro il termine massimo di 60 giorni dalla denuncia del sinistro.

L’identificazione dei testimoni che avviene successivamente alla presentazione della denuncia o della richiesta di risarcimento, non viene più ammessa dalla compagnia di assicurazione.

Un'altra novità introdotta sempre in tema di testimoni, è la segnalazione alla Procura delle Repubblica competente da parte del Giudice nel caso in cui i testimoni presentati in corso di giudizio, siano stati già testimoni negli ultimi tre anni in almeno altre 3 cause nel settore di infortunistica stradale. Con tale segnalazione, la Procura attiva accertamenti approfonditi atti a verificare l’attendibilità del testimone e/o assumere eventuali misure coercitive.

Infine, riguardo i termine di decadenza per le proposte di risarcimento, è stata innalzata da 5 a 10 giorni la possibilità da parte della compagnia di assicurazione di ispezionare il veicolo danneggiato oggetto di richiesta di risarcimento. 

 

Come funziona il risarcimento del danno in caso di sinistro?

Il risarcimento del danno da parte della compagnia assicuratrice con la facoltà di risarcire in forma specifica i danni occorsi ai propri assicurati e a terzi. Tale facoltà di risarcire il danno in forma specifica, consiste nel far riparare il danno da società di riparazione convenzionate con la compagnia, ciò dà diritto all'assicurato ad una riduzione del premio non inferiore al 5%.

Inoltre, lo sconto può arrivare fino al 10% nelle zone in cui si verificano il maggior numero di frodi. Tali aree sono individuate dal Ministro dello Sviluppo economico sulla base di tre criteri fissati dal decreto, ossia: numero sinistri denunciati, ammontare dei rimborsi, numero delle frodi accertate dalle autorità giudiziarie.

La compagnia che decide di utilizzare questa nuova forma di risarcimento danno, deve comunicarlo all’IVASS se invece intende risarcire il danno per equivalente, ossia, pagare all’assicurato la riparazione effettuata da un autoriparatore di sua fiducia dietro presentazione della fattura, deve darne specifica informativa al cliente prima della stipula del contratto.

Altra novità consiste nell'impossibilità di cedere il diritto al risarcimento del danno dall'assicurato all'autoriparatore che ha effettuato la riparazione del danno. Questo intervento, è stato quindi messo a punto per evitare artificiosi aumenti delle fatture di riparazione, facendo si che l'assegno di rimborso venga emesso solo a nome dell'assicurato. Nel caso in cui la compagnia di assicurazione, non acconsenta alla clausola di cessione, l’assicurato ha diritto alla riduzione dell'importo della polizza con uno sconto non inferiore al 4%.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti