Ama Tari Roma 2017 scadenze e calcolo Comune esenzione e riduzioni

Tari Roma 2017 scadenze e calcolo nuovo regolamento tariffa rifiuti per chi occupa affitta immobile, modulo esenzione ISEE riduzioni famiglie società uffici

Commenti 0Stampa

Ama Tari Roma 2017, è la tassa sui rifiuti che nel Comune di Roma Capitale è gestita dall'AMA come da delibera TA.Ri. Roma 2014 n. 74 del 28 marzo Convenzione con AMA S.p.A., per la disciplina delle attività riguardanti l'applicazione e la riscossione della Tassa sui Rifiuti (Ta.Ri.). Annualità 2014.

La Tari 2017 Roma, secondo il regolamento tariffa rifiuti approvato dall'Assemblea Capitolinae pubblicato sul sito del Ministero delle Economie e delle Finanze, è dovuta da qualsiasi cittadino residente nel comune che occupa o che conduce locali, indipendentemente dall'uso adibito, tra le novità il pagamento semestrale della TARI, per cui in due rate di cui: primo semestre nel periodo di febbraio-aprile e secondo semestre nel periodo settembre-novembre.

 

Ama Tari Roma regolamento:

Il nuovo regolamento Ama Tari Roma è stato deciso e pubblicato con delibera TARi Roma Capitale. In base a tale regolamento, le novità introdotte riguardano:

  • 2 rate semestrali per la Ta.Ri. con invio richiesta pagamento e dettagli primo semestre nel periodo di febbraio-aprile e secondo semestre nel periodo settembre-novembre;
  • Abolizione del Quoziente Roma e della relativa autocertificazione per ottenere l'esenzione TARI. Le agevolazioni tari per i cittadini residenti nel Comune di Roma devono pertanto essere richieste attraverso il nuovo modulo da compilare presso i CAF convenzionati.
  • Modifica dell'articolo 6 del regolamento circa i soggetti passivi Tassa sui rifiuti e locali e aree scoperte non soggette alla Tari.

 

Chi deve pagare la tassa sui rifiuti nel Comune di Roma?

Secondo il nuovo regolamento Tari 2017 Roma la tassa sui rifiuti deve essere pagata da:

  • Chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, in grado di produrre rifiuti urbani.
  • Da coloro che occupano o detengono i locali o le aree scoperte con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse.
  • Per chi utilizza temporaneamente l'immobile soggetto alla TARI, per un periodo inferiore ai 6 mesi nel corso dell'anno solare, la tassa è dovuta dal proprietario, usufruttuario, dei locali, aree abitazione, superficie. Ad esempio e si tratta di una casa vacanza, la Tari è dovuta dal proprietario dell'immobile per tutto l'anno, al contrario, se l'immobile è affittato con regolare contratto di locazione superiore all'anno, la Tari 2015 è dovuta dall'affittuario dell'immobile anche se non residente.
  • Per i locali in multiproprietà e per i centri commerciali integrati, il responsabile del pagamento TARI è il soggetto che gestisce i servizi comuni.
  • Locali adibiti a civile abitazione in cui è svolta l’attività economica e professionale, anche se non soggetta a IVA, la TARI è dovuta dal titolare che ha l'obbligo di indicare la superficie dei locali destinati allo svolgimento delle attività. Ai fini di calcolo tariffa TARI, tali superfici vengono considerate come una autonoma utenza non domestica con tariffa corrispondente alla categoria a cui appartiene l’attività effettivamente svolta.
  • Per i condomini è l’Amministratore che deve comunicare all'AMA entro 30 giorni dalla richiesta, l'elenco degli occupanti, di chi detiene i locali e le aree e le utenze non domestiche,

Non pagano la TARI 2017 Roma le  aree scoperte pertinenziali o accessorie delle civili abitazioni e delle aree comuni condominiali, se non detenute in via esclusiva. Inoltre, non sono soggette alla tassa sui rifiuti le aree che non sono in grado per loro natura di produrre rifiuti urbani come ad esempio:

  • Locali adibiti agli impianti lettrici, idraulici, deposito legna ecc.
  • Locali per lo stoccaggio di merci e materiali o deposito
  • Locali in cui si effettuano esclusivamente attività sportive o ginniche, solo nelle aree in cui l'attività sportiva viene svolta.
  • Locali delle case coloniche utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’impresa agricola;
  • Locali non utilizzati durante l’anno a causa di forza maggiore;
  • Locali e pertinenze in cui viene svolto l'esercizio della religione.
  • Aree in cui vengono prodotti rifiuti speciali, purché il produttore dimostri l'avvenuto regolare smaltimento.

 

Riduzioni tariffe per famiglie a chi e quando spetta?

Il regolamento Tari Roma, ha previsto delle riduzioni tariffa rifiuti solidi urbani in presenza di alcune specifiche condizioni. 

Riduzioni Tari 2017 Roma famiglie, si richiedono mediante compilazione e spedizione dell'apposito modulo, all'AMA allegando la fotocopia del documento di identità dell'intestatario della tariffa rifiuti. Le uniche e possibili riduzioni Tari decise dal Comune di Roma per le famiglie sono le seguenti:

Riduzione 50% quota fissa se il cassonetto della raccolta indifferenziata dista a più di 1 km dalla propria casa, in caos di strade private la distanza invece si calcola in base all'accesso più vicino al punto di raccolta. La riduzione Tari per distanza cassonetto, può essere presentata in qualsiasi periodo dell'anno mentre il rinnovo va effettuato entro il 31 gennaio di ciascun anno.

Riduzione Tari di 1/12° della quota variabile per ogni mese di interruzione raccolta rifiuti da parte dell'AMA.

Riduzione Tari Roma 50% quota variabile per gli immobili occupati da soggetti non residenti. In caso di residenza in altro immobile ma sempre all'interno del territorio Roma Capitale, la Tari viene calcolata in via ordinaria sui mq e il n° componenti nucleo familiare risultante all'Anagrafe di Roma. In caso di residenza al di fuori del comune di Roma ma con omessa comunicazione del numero dei componenti il nucleo familiare convivente, la tariffa rifiuti viene calcolata sulla media di 3 componenti.

La riduzione decorre dal momento in cui si presenta la richiesta.

 

Calcolo tassa rifiuti AMA Roma e quando è la scadenza?

La Tari Roma 2017 AMA dovuta da chi occupa a qualsiasi titolo o conduce locali, a qualunque uso adibiti, si calcola in modo diverso a seconda che si tratti di famiglie o di società.

Calcolo Tari Roma Famiglie: la Tariffa Rifiuti per le famiglie viene calcolata in base a ai metri quadrati dell'immobile, ivi compresi posto auto, box, garage, cantine, soffitte con la sola esclusione di aree scoperte come balconi, giardini o terrazzi e il numero dei componenti del nucleo familiare residenti nella casa. Per sapere in anticipo l'importo della Tari, è possibile utilizzare il servizio Ama: Calcolo online Tari 2017 Roma Ama. Si ricorda inoltre che, la tariffa viene calcolata su base annua, il cui pagamento è diviso in due rate. Su ciascuna rata Tari, è compresa una quota fissa, relativa ai costi sostenuti per effettuare il servizio di raccolta rifiuti e una quota variabile relativa, invece, alla quantità di rifiuti prodotti e smaltiti.

Calcolo Tari Roma società e uffici: la Tariffa Rifiuti per società e uffici viene calcolata sulla base dei metri quadrati del locale o dell'area utilizzati e la categoria di attività svolta nel locale. Anche per le società, la Tari prevede due rate annuali, in ciascuna delle quali comprensive di tariffa fissa e variabile.

La scadenza rate Tari 2017 è prevista in due semestri: 1° gennaio – 30 giugno e 1° luglio – 31 dicembre.

 

Esenzione Tari 2017 con ISEE inferiore a 6.500 euro

Dal 2015 il Comune di Roma ha previsto l'abrogazione del Quoziente Roma e della relativa autorcertificazione, per cui il cittadino che intende richiedere al Comune l'esenzione dal pagamento della tassa rifiuti, può farlo solo se in presenza di alcuni requisiti che sono:

Esenzione Tari Roma famiglie con basso reddito si basa sull'ISEE, per cui per avere diritto a non pagare l'AMA, il cittadino deve avere una DSU con ISEE 2017 inferiore a 6.500,00 euro, essere in regola con i pagamenti pregressi alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello per cui si richiede l'esenzione.

La domanda di esenzione TARI Roma, può essere presentata dal 1° gennaio al 31 dicembre, gratuitamente presso i CAF autorizzati, AMA o Roma Capitale.

Accettata l'esenzione, il cittadino dovrà richiedere il rinnovo esenzione tariffa ogni anno entro la scadenza del 31 gennaio.

 

Riduzioni esenzioni tariffa rifiuti società e uffici:

Le riduzioni esenzioni Tari 2017 Roma società e uffici stabilite come da regolamento Tari sono:

Riduzione 50% quota variabile Tari per tutti i locali e per le aree scoperte ad uso stagionale o in modo non continuativo. Se l'occupazione è meno di 105 giorni in tutto l'anno solare ma non più di 2 giorni a settimana, la riduzione Tari quota variabile aumenta fino al 60%. 

  • Riduzione 50% Tari su quota fissa della tariffa per distanza cassonetto. 
  • Riduzione tari di un dodicesimo per ogni interruzione del servizio di raccolta.

Attenzione: dal calcolo tariffe Tari Roma per locali e uffici, sono esclusi i rifiuti speciali il cui smaltimento è totalmente a carico delle aziende che li producono. Le aziende possono comunque inviare alla società AMA uno specifico modulo di comunicazione di iscrizione / variazione / cessazione di eventuali superfici non soggette a tariffa allegando il contratto di smaltimento rifiuti speciali e la planimetria dei locali. 

Esenzioni Tari società e uffici: la completa esenzione della tariffa rifiuti è per le sole Onlus regolarmente iscritte e riconosciute dal Comune, utilizzate come residenzialità sociale per i diversamente abili e per i minori. La domanda di esenzione Tari Roma, deve essere presentata tramite apposito modulo domanda presso  gli uffici di Via Mosca 9 allegando la seguente documentazione: domanda, planimetria immobile + indicazione delle attività svolte per ciascun locale, iscrizione alla camera di commercio, statuto dell'Onlus, contratto di compravendita o affitto e copia convenzione comunale.

 

Come e dove pagare? Bollettino MAV, Sepa e rateizzazione:

Ama Tari 2017 Roma come e dove pagare? I cittadini del Comune di Roma tenuti al pagamento della tassa sui rifiuti, possono pagare la Tari 2017 attraverso le seguenti modalità di pagamento:

  • Bollettino MAV pagabile presso gli sportelli della Banca Popolare di Sondrio senza commissione, oppure, presso qualsiasi altra banca o uffici postali. Tramite POS circuito bancomat, carte di credito Visa e MasterCard presso gli sportelli AMA, ricevitorie SISAL-Superenalotto e Lottomatica autorizzate, utilizzando il codice a barre presente sulla tariffa, tramite il nuovo servizio di pagamento via telefono collegandosi al sito www.popso.it/wiw, per telefono e carta di credito chiamando 199.151.166 senza scatto alla risposta.
  • Addebito Diretto SEPA (Single Euro Payments Area) che sostituisce dal 1° febbraio la domiciliazione pagamenti/rid.
  • Addebito con rateizzazione per i clienti che hanno autorizzato l'addebito in conto AMA, possono aderire alla rateizzazione automatica delle due rate semestrali. Per le utenze abitative, ogni bolletta semestrale viene divisa in 3 rate mensili per importi pari o superiori a 150 euro mentre per società e uffici ogni bolletta semestrale è ripartita in 6 rate mensili per importi pari o superiori a 300 euro. Si ricorda che in questo caso, la prima rata viene addebitata alla scadenza della bolletta, le successive ogni 30 giorni.

 

Mancato pagamento e cosa fare se non arriva la bolletta?

Il mancato pagamento tari Roma entro i termini previsti, comporta l'applicazione degli interessi di mora calcolati in base al numero di gironi di ritardo, sanzione di ritardato pagamento, come previsto dal Regolamento della tariffa rifiuti di Roma Capitale.

In caso di mancato recapito della bolletta Tari da parte di AMA, è possibile pagare l'importo dovuto, rivolgendosi alle agenzie della Banca Popolare di Sondrio indicate sul sito di AMA o presso gli sportelli di AMA, fornendo semplicemente il proprio nominativo e il codice fiscale.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti