Tasi IMU 2015 Genova aliquote, calcolo acconto e saldo scadenza

TASI IMU 2015 Comune di Genova aliquote prima e seconda casa e altri immobili calcolo importo acconto e saldo scadenza, compilazione F24 e sanzioni

Commenti 1Stampa

Tasi IMU Genova 2015 aliquote prima casa, seconda casa e altri immobili, sono state deliberate dalla Giunta comunale, per cui se il nuovo regolamento IUC 2015 è stato comunicato al Ministero delle Finanze il 26 agosto 2015 con la delibera n. 31 del 09.07.2015. 

I contribuenti genovesi, pertanto, devono provvedere al pagamento dell'ultima rata TASI IMU in scadenza il prossimo 16 dicembre 2015 calcolando le sue imposte sulla base delle nuove aliquote 2015 e conguagliando quanto pagato con l'acconto a giugno.

Per quanto riguarda le sanzioni per chi omette o sbaglia l'importo dovuto, il comune di Genova ha messo a disposizione dei contribuenti, un numero verde di assistenza con la possibilità anche di fissare un appuntamento, per capire e chiedere informazioni su chi deve pagare la Tasi e quando e come va versata la tassa sui costi indivisibili comuni.

 

Delibera TASI, IMU e TARI Comune di Genova:

Il regolamento IUC 2015 imposta comunale unica è stata deliberata dal Comune di Genova con la Deliberazione di Consiglio n. 31 del 09.07.2015 che ha fissato le nuove aliquote 2015 per la TASI, tassa sui costi indivisibili del comune, IMU imposta municpale propria e TARI, tassa sui rifiuti. Nella suddetta delibera del Comune di Genova si legge innanzitutto che la IUC si basa su due principi impositivi che sono il possesso dell'immobile e l'altro collegato alla fruizione da parte dei cittadini residenti all'interno del comune dei servizi indivisibili, costituita da 3 imposte che sono:

  • IMU, imposta municipale propria dovuta dai proprietari di immobili o da chi ha il diritto reale, fatta eccezione per la prima casa non di lusso cioè con categoria catastale A/1, A/8 e A/9. 
  • TASI, Tributo per i Servizi Indivisibili dovuta da tutti coloro che occupano un immobile a qualsiasi titolo comprese la prima casa. Nella delibera, poi è stato deciso che per il 2014 chi paga l'IMU è esente dal pagamento della TASI.
  • TARI, tassa sui rifiuti dovuta da chi utilizza o possiede un immobile.

 

Aliquote TASI per pagare saldo TASI IMU a Genova:

Il Comune di Genova ha provveduto a fissare il nuovo regolamento IUC 2015 e quindi le nuove aliquote TASI IMU 2015, i contribuenti genovesi pertanto, devono calcolare il saldo TASI - IMU al 16 dicembre, utilizzando le seguenti percentuali:

Aliquote TASI 2015 Genova:

Abitazione principale ad esclusione di quelle di categoria catastale A/1, A/8 e A/9) e relative pertinenze, e unità immobiliari, assimilate: aliquota TASI pari al 3,3 per mille.

Immobili strumentali all'attività agricola: 1 per mille;

Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, ma non venduti e non affittati: 1 per mille;

Per tutti gli immobili per i quali non è prevista un’aliquota specifica: zero

 

Detrazioni prima casa:

Le detrazioni TASI 2015 prima casa Genova sono state decide in base alla rendita catastale:

rendita catastale fino a 500,00 euro: la detrazione TASI è di 114,00 euro.

rendita catastale fino a 700,00 euro: detrazione TASI 2015 è di 80 euro.

rendita catastale fino a 900,00 euro: detrazione Tasi spettante è pari a 50,00 euro.

rendita catastale oltre i 90.000 euro: detrazione pari a 50,00 euro.

L'importo della detrazione TASI prima casa è ulteriormente maggiorata se è presente un figlio residente e abitualmente dimorante nell'abitazione con meno di 26 anni. La detrazione TASI 2015 per ciascun figlio è la seguente: rendita fino a 500,00 euro detrazione per ciascun figlio 25,00 euro, fino a 700,00 euro 20,00 euro, fino a 900,00 euro 15 euro oltre i 90.000 euro 15 euro. In caso di rendita oltre i 900,00 euro la detrazione TASI prima casa spetta solo se l'ISEE non è superiore a 15.000 euro. Inoltre, il contribuente che intende usufruire di tale agevolazione TASI deve presentare, pena l’inammissibilità, entro il termine il 16 dicembre 2015, ossia, entro il termine di versamento del saldo IMU, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio, che autocertifichi il possesso di ISEE 2015 non superiore a 15.000 euro del nucleo familiare del comodatario.

 

Scadenza TASI IMU 2015 Genova:

Scadenza Tasi 2015 prima casa Genova: Immobili prima abitazione ad esclusione case di lusso, la scadenza TASI 2015 Genova è in due rate con primo acconto entro il 16 giugno e secondo il 16 dicembre 2015, oppure, in un'unica soluzione al 16 giugno.

Scadenza IMU 2015 seconda casa, negozi, uffici e capannoni e altri fabbricati e prima casa di lusso nel comune di Genova: pagano solo l'IMU in due rate: prima scadenza al 16 giugno 2015 e conguaglio al 16 dicembre con il saldo.

 

IMU Genova 2015 nuove aliquote prima e seconda casa, negozi, uffici:

Il Comune di Genova ha provveduto con la delibera n° 31 del 9 luglio 2015 a fissare le seguenti nuove aliquote IMU 2015 Genova:

Abitazione principale A/1, A/8 e A/9 + relative pertinenze: aliquota IMU 5,8 per mille;

Alloggi assegnati ex IACP, enti di edilizia residenziale pubblica: aliquota 7,1 per mille;

Immobili inseriti nei patti d’area e locati a canone ridotto: aliquota 8,4 per mille;

Proprietari che concedono in locazione immobili ad un soggetto persona fisica, residente nell'immobile, che la utilizzi come abitazione principale: aliquota pari all'8,5 per mille;

Immobili concessi in comodato d’uso gratuito e utilizzati come abitazione principale da parenti di primo grado in linea retta (genitori-figli) con ISEE non superiore a 15.000 euro: aliquota del 9,6 per mille;

Immobili di categoria C1 e C3 che costituiscono beni strumentali nell’esercizio dell’impresa commerciale: 9,6 per mille;

Unità immobiliari utilizzate e destinate a sale cinematografiche e teatrali di categoria catastale D3: aliquota 9,6 per mille;

Immobili di categoria catastale D1 e D7, che costituiscono beni strumentali nell’esercizio dell’attività di impresa, possedute e utilizzate direttamente da imprese: aliquota 9,6 per mille;

Immobili di categoria D1 strumentali: aliquota 10,1 per mille;

Per tutti gli immobili per i quali non è prevista un’aliquota specifica: aliquota dello 10,6 per mille.

Detrazioni IMU Comune di Genova:

euro 200 per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale;

Unità immobiliari di categoria A/1, A/8 e A/9 assimilate alla abitazione principale;

Unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari, nonché agli alloggi regolarmente assegnati dall’Agenzia Regionale Territoriale per l’Edilizia (ex IACP) e dagli enti di edilizia residenziale pubblica.

 

 

 

Calcolo Tasi IMU 2015:

Il calcolo TASI IMU 2015 comune di Genova si fa partendo dalla rendita catastale dell'immobile oggetto del tributo. Le modalità di calcolo base imponibile immobile per IMU e TASI sono le stesse, per cui presa la rendita si moltiplica per la rivalutazione del 5%. L'importo ottenuto va poi moltiplicato per il coefficiente, che cambia a seconda della tipologia dell'immobile. Tali coefficienti sono:

160 per le abitazioni del gruppo A (esclusa la categoria A/10) e categorie C/2, C/6 e C/7.

140 per i fabbricati del gruppo catastale B, C/3, C/4 e C/5.

80 per i fabbricati del gruppo catastale D/5 e d A/10.

65 per i fabbricati del gruppo catastale D (ad eccezione dei D/5).

55 per i fabbricati del gruppo catastale C/1.

A questo punto basta applicare l'aliquota TASI prima casa comune di Genova o l'aliquota IMU seconda casa e altri immobile fissata dal comune di Genova. 

 

Come pagare i due tributi: istruzioni compilazione f24 e codice tributo

Come si paga la Tasi nel comune di Genova? La TASI 2015 Genova si paga tramite modello F24 Agenzia delle Entrate indicando il codice tributo F24 relativo all'imposta dovuta.

I codici tributo TASI 2015 F24 sono:

3958 TASI – tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze.

3959 TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale.

3960 TASI – tributo per i servizi indivisibili per le aree fabbricabili

3961 TASI – tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati.

Istruzioni compilazione F24 Tasi 2015: indicare nel modello f24 TASI 2015 il codice ENTE del Comune di Genova che è il D969, uno dei codici tributo a seconda della tipologia dell'immobile su cui è dovuta l'imposta.

Il codice tributo va inserito nella “SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI”, in corrispondenza delle somme dovute indicate nella colonna “importi a debito versati” seguendo le seguenti istruzioni di compilazione: nello spazio “codice ente/codice comune”, indicare il codice catastale del Comune di Genova ossia il D969, lo spazio “Ravv.” va barrato solo se il pagamento si riferisce al ravvedimento operoso TASI saldo o acconto in caso di ritardato pagamento, omesso o insufficiente, lo spazio "Acc” è da barrare se si sceglie di pagare il tributo dovuto in due rate a giugno e a dicembre e "Saldo” se il pagamento si riferisce al saldo. Se il pagamento avviene invece in un'unica soluzione al 16 giugno barrare entrambe le caselle di acconto e saldo. Nello spazio "Numero immobili”, indicare il numero degli immobili. Nello spazio “Anno di riferimento”, indicare l’anno d’imposta cui si riferisce il pagamento per cui 2014. Nel caso in cui, sia stata barrata la casella “Ravv.”, ravvedimento va indicato l’anno in cui l’imposta avrebbe dovuto essere versata.

Come si paga l'IMU 2015 nel comune di Genova? L'IMU 2015 nel comune di Genova va versata tramite modello F24 indicando uno dei seguenti codici tributo Imu f24: 

3912 IMU abitazione principale e relative pertinenze di lusso A1, A8, A9

3914 IMU per i terreni

3916 IMU per le aree fabbricabili

3918 IMU per gli altri fabbricati

3925 IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – STATO”

3930 IMU per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE”.

Istruzioni compilazione modello f24 Imu 2015: nel modello f24 il contribuente tenuto al pagamento dell'Imu deve indicare il codice Ente del Comune di Genova che è il D969, il codice tributo relativo al tipo di immobile. Le modalità di compilazione sono le stesse della Tasi.

 

Sanzioni mancanto pagamento e ravvedimento:

Dichiarazione infedele TASI e IMU si applica sanzione pari al 50% della maggiore imposta dovuta.

Omessa presentazione della dichiarazione si applica la sanzione amministrativa pari al 100% del tributo dovuto, partendo da un minimo di € 50,00.

Se l'omissione o l'errore commesso non indicono sulla somma dovuta la sanzione è pari a 51 euro

Omesso, parziale o tardivo pagamento TASI o IMU 2015 si applica la sanzione pari a € 100,00.

Si ricorda che il mancato pagamento, ritardato o insufficiente versamento TASI e IMU può essere sanato dal contribuente avvalendosi del ravvedimento operoso IMU TASI 2015. Tale ravvedimento, consente di rimediare ad errori od omissioni e ritardi, se si versa con modello f24 oltre al tributo dovuto anche la sanzione ridotta e gli interessi di mora, la cui misura varia a seconda del ritardo del pagamento rispetto alla scadenza originaria. Per cui la sanzione ridotta e interessi, vanno calcolati sui giorni di ritardo.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti
Commenti 1

arecco andrea carlo

30 maggio 2014 10:52

Ho trovato le vostre istruzioni chiare una volta tanto. Grazie e saluti