Agevolazioni piccole imprese 2017 finanziamenti e incentivi Invitalia

Agevolazioni piccole imprese 2017 incentivi e finanziamenti statali Invitalia per disoccupati che intendono aprire una società di persone requisiti domanda

Commenti 0Stampa

Le agevolazioni piccole imprese 2017 consistono in una serie di incentivi e finanziamenti statali per le persone che intendono aprire una società di persone che al momento della presentazione della domanda di accesso al contributo risultano disoccupate, ovvero, inoccupate.

Tali interventi statali, sono stati pensati per contrastare la disoccupazione e favorire il finanziamento di attività orientate alla ricerca e sviluppo, la formazione e l'innovazione attraverso contributi alle nuove PMI, piccole e medie imprese. 

 

Finanziamenti alle piccole imprese 2017:

I finanziamenti alle piccole imprese 2017 concessi sotto forma di prestiti agevolati o contributi a fondo perduto, sono erogati attraverso:

  • Fondi nazionali facenti capo a Invitalia – Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo dell’impresa, che concede il contributo a fondo perduto o mutuo agevolato, attraverso 4 forme di agevolazioni che sono: l'autoimprenditorialità, lavoro autonomo, micro-impresa e franchising.
  • Fondi europei a gestione diretta: che vengono erogati direttamente dalla Commissione Europea ai beneficiari, previa partecipazione e vincita di specifici bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea,  oppure, a gestione indiretta, ovvero, fondi trasferiti dalla Commissione Europea alle amministrazioni nazionali, previo invio di domanda di partecipazione di bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale nazionale o regionale.
  • Fondi regionali, provinciali e comunali: sono tipi di finanziamento concessi attraverso  bandi emessi dalla Regione, Provincia o Comune in quanto mirati a specifiche esigenze territoriali.

 

Domanda di finanziamento e incentivi:

Per presentare la domanda di finanziamento Invitalia, i soci che intendono avviare una nuova piccola impresa sotto forma di società di persone devono compilare la domanda online, previa registrazione al sistema, ed entro 5 giorni, compilare e spedire tramite raccomandata gli allegati richiesti scaricabili dalla sezione modulistica Invitalia. L'indirizzo presso il quale va spedita tutta la documentazione è: INVITALIA AUTOIMPIEGO via Pietro Boccanelli 30, 00138 Roma.

Inviati i documenti, l'Agenzia provvede a verificare la sussistenza e il possesso dei requisiti, avviare un iter di valutazione dei soci e dell'idea imprenditoriale che dura all'incirca 6 mesi, dopo i quali se l'esito è positivo, si passa alla stipula del contratto di finanziamento che prevede tra le altre cose gli obblighi dei beneficiari e le modalità di erogazione del finanziamento.

L'erogazione che varia seconda del tipo di agevolazione in cui rientra la società di persone, può prevedere un anticipo del 20% e il saldo in un'unica soluzione erogabile solo dopo che gli investimenti saranno stati realizzati, ovvero, entro 6 mesi dalla data di stipula del contratto.

Per la gestione invece, è possibile erogare subito il 30%.

 

Agevolazioni società di persone: requisiti

Le agevolazione Invitalia, di tipo finanziario sono rivolte alle persone fisiche che intendono avviare un’attività imprenditoriale di piccola dimensione sotto forma di società di persone, per cui sono escluse le ditte individuale, finanziabili però con l'autoimpiego del lavoro autonomo,  le società di capitali, le cooperative, le società di fatto e le società con un unico socio.

Società di persone requisiti richiesti per presentare la domanda di finanziamento Invitalia è che la metà numerica dei soci che detiene almeno la metà delle quote, deve essere al momento della domanda:

Maggiorenne e non occupato.

Essere residente in Italia alla data del 1° gennaio 2000 o risiedere da almeno 6 mesi in virtù della normativa comunitaria e nazionale attualmente in vigore.

I soci in possesso dei requisiti devono detenere almeno la metà delle quote di partecipazione.

La sede legale, operativa e amministrativa deve trovarsi nelle regioni agevolabili quindi Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Le società devono essere già costituite e negli statuti deve essere presente la clausola che non consenta il trasferimento di quote di partecipazione per almeno 5 anni.

Quali sono i settori ammessi ai finanziamenti per le società di persone? Le attività finanziabili sono esclusivamente quelle che riguardano la produzione di beni e la fornitura di servizi mentre è escluso il settore del commercio, quello della produzione primaria di prodotti agricoli, Pesca e acquacoltura, gli aiuti per l'acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano tale trasporto per conti di terzi.

A quanto ammonta il finanziamento e quali tipi di agevolazioni ci sono? L'investimento complessivo per le società di persone non può essere al di sopra di 129.114 Euro Iva esclusa. Le agevolazioni concedibili invece a chi presenta la domanda sono di due tipi:

1) agevolazioni finanziarie per gli investimenti come il contributo a fondo perduto, un finanziamento a mutuo a tasso agevolato e sostegno alla gestione della società per il 1° anno. Per il mutuo agevolato Il tasso di interesse applicato è pari al 30% del tasso ufficiale in vigore al momento della stipula del contratto di finanziamento mentre le rate sono trimestrali costanti dalla durata di 7 anni. Le spese ammissibili nell'investimento per le società di persone sono le spese per acquistare attrezzature, macchinari e impianti anche usati purché non oggetto di precedenti agevolazioni, allacciamenti e beni immateriali a utilità pluriennale, ristrutturazioni di immobili ma al massimo entro il 10% dell'investimento totale, per la gestione i materiali di consumo e prodotti finiti oltre ai costi da sostenere per la loro produzione, utenze e canoni di locazione immobili, spese per la garanzia assicurativa dei beni finanziati, per le prestazioni di servizio e finanziarie fatta eccezione degli interessi del mutuo a tasso agevolato. L'IVA invece non è una spesa ammessa. I beni oggetto dell'agevolazione devono poi essere in uso dalla società per almeno 5 anni dalla data di ammissione al beneficio.

2) Servizi per servizi di sostegno nella fase di realizzazione e di avvio dell’iniziativa: sono totalmente gratuiti e sono erogati direttamente da Invitalia, l'Agenzia nazionale per l'attrazione d'investimenti e lo sviluppo d'impresa SpA per un periodo massimo di un anno.

 

Quali tipi di agevolazioni ci sono per chi vuole fare impresa?

tipi di agevolazioni che sono attualmente in vigore nell'anno 2017 per chi vuole mettersi in proprio e creare una ditta individuale, società di persone o un franchising, attraverso l'erogazione di finanziamenti a fondo perduto, mutuo agevolato o sostegno nella gestione dell'attività di impresa sono:

Autoimprenditorialità: sono finanziamenti statali erogati da INVITALIA giovani imprenditori atti a promuovere e creare nuove imprese costituite in maggioranza, dei soci e dei capitali, da giovani tra i 18 e i 35 anni, residenti nei territori considerati agevolabili in base alla disponibilità delle risorse, e quindi per il momento solo per le regioni di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia e nei quali deve avere anche la sede legale, amministrativa e operativa della società oggetto di finanziamento autoimprenditoriale. Le stesse agevolazioni, sono poi concesse anche per ampliare le imprese già esistenti società e cooperative che possiedono determinati requisiti riguardo la composizione del capitale sociale e di localizzazione della sede richiesti per la “creazione di nuove imprese” alla data di ricevimento della domanda e nei 2 anni precedenti, hanno avviato l'attività di impresa da almeno 3 anni al momento della presentazione della domanda dei fondi statali e sono sane da punto finanziario ed economico. Le start-up e l'ampliamento di impresa finanziabili da Invitalia sono quelle che svolgono la propria attività d'impresa nei seguenti settori: Produzione di beni in agricoltura, industria e artigianato e fornitura di servizi alle imprese, fatta eccezione per i servizi alle PA, il  settore commerciale, socio-sanitario, siderurgico, costruzione navale e delle fibre sintetiche. L'attività finanziata con i fondi statali deve durare almeno 5 anni dalla data della sua costituzione e rimanere nel territorio agevolabile.

Autoimpiego: sono agevolazioni Lavoro autonomo sotto forma ditte individuali, società di persone o franchising da parte di persone fisiche inoccupate alla data della presentazione della domanda Invitalia. I tipi di agevolazioni concedibili sono di tipo: attività di lavoro autonomo, microimpresa o franchising e consistono in agevolazioni finanziari di mutuo agevolato, contributo a fondo perduto e per la gestione e sostegno dell'impresa dalla sua costituzione alla realizzazione per un periodo massimo di 1 anno.

Smart e start: sono Finanziamenti e incentivi Start up Smart & Start ossia destinati a coloro che hanno un'idea imprenditoriale fortemente a carattere innovativo. Possono presentare la domanda per la concessione dei finanziamenti le piccole imprese già iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese come start up innovative ossia società di capitali costituite da non più di 48 mesi, che offrono prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, con una produzione fino a 5 milioni di euro. Possono aderire gruppi di persone fisiche che intendono costituire una start-up innovativa in Italia, anche se si risiede all'estero o se stranieri. Le domande di finanziamento possono essere già presentate a Invitalia.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti