Abolizione maggior tutela gas e luce dal 2018 prezzi mercato libero

Maggior tutela gas e luce abolito dal 2018 con il decreto nuova legge sulla concorrenza, dopo scadenza solo contratto a tariffe prezzi in libero mercato

Commenti 0Stampa

Abolizione dei contratti di maggior tutela per gas e luce a partire dal 1° gennaio 2018 a partire da tali scadenze, a disposizione di famiglie e clienti non domestici solo forniture con le tariffe in mercato libero.

Questo è quanto stabilito dalla dalla nuova legge sulla concorrenza 2015 che se confermata, decreterebbe la fine del mercato di maggior tutela, scelto da milioni di clienti e il passaggio al libero mercato. 

 

Maggior tutela cos'è e come funziona?

Avere un contratto di gas, elettricità o del sistema idrico nel mercato di maggior tutela significa avere tariffe applicate ai consumi e condizioni economiche contrattuali regolate e tutelate dall'Autorità per l'Energia.

Tale servizio, non riguarda solamente le tariffe per la distribuzione e trasporto ma anche il prezzo di compravendita di luce e gas dal produttore al cliente finale mentre nel mercato libero, questo è deciso arbitrariamente dai fornitori del servizio in ambito di concorrenza,

In altre parole, nel servizio di maggior tutela è l'Autorità a fissare il prezzo del costo del mq o del kw, a seconda che si tratti di gas o luce, tenendo conto delle quotazione che questi hanno sul mercato internazionale degli idrocarburi, quindi se da una parte il maggior tutela garantisce trasparenza nei prezzi, nelle tariffe e nelle condizioni dall'altra non permette tariffe variabili a seconda dell'esigenza di una famiglia o di un'impresa, in quanto le tariffe sono fisse e distinte solo tra clienti domestici e clienti non domestici. 

 

Tariffe e prezzi in mercato libero:

A partire dal 1° luglio 2007, è stata introdotta anche in Italia come nel resto dei paesi Ue, la liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e gas, che di fatto ha messo fine al monopolio dello Stato e dato la possibilità a molte aziende private che municipalizzate, di produrre in via del tutto autonoma l'energia o il gas, o di acquistarli da produttori e trasportatori e rivederli al cliente finali. Da quel momento nasce quindi il libero mercato, nel quale le tariffe di gas e energia, sono decise in un regime di concorrenza tra gli operatori, pur se regolato dalle disposizione dell'AEGG, Autorità per l'Energia e il Gas che ne fissa gli obblighi al fine di tutelare il consumatore finale.

Nel mercato libero, il prezzo di vendita di gas e luce, è fissato liberamente da ciascun fornitore in base a quanto stipulato con la sottoscrizione delle condizioni economiche contrattuali tra lui e il cliente finale. Per questo è possibile avere tariffe diverse e magari più competitive applicate dai vari gestori da Eni a Enel da Acea a Edison e così via. 

In definitiva, il mercato libero consente ai clienti di poter scegliere l'offerta migliore, così come accade per la telefonia, e passare da un gestore all'altro al termine della durata contrattuale, previa comunicazione.

 

Legge sulla concorrenza 2015: Abolizione maggior tutela cosa cambia?

Cosa cambia con la nuova legge sulla concorrenza 2015? A cambiare saranno i prezzi pagati dai consumatori finali di gas, luce e acqua, perché secondo quanto previsto dalla nuova legge ci sarà:

l'abolizione del maggior tutela gas, luce e prodotti energetici dal 1° gennaio 2018.

Cosa significa esattamente questo cambiamento per i clienti? Che per chi applica oggi tariffe gas e luce protette e vigilate dall'Autority, da domani dovrà andare per forza nel mercato libero, ciò potrebbe comunque non essere proprio una cattiva notizia, dal momento che abolendo il maggior tutela potrebbe esserci una diminuzione delle tariffe e dei prezzi applicati dai vari gestori, proprio come si è già verificato negli altri Paesi in cui è stata effettuata la stessa operazione; in molti paesi europei infatti la completa liberalizzazione del mercato del gas, luce e acqua ha portato a tariffe molto più basse rispetto ai paesi come l'Italia dove ancora esistono prezzi fissati dall'Autority.

Secondo le stime dei tecnici del settore, quindi l'abolizione del maggior tutela in Italia potrebbe portare ad un risparmio di circa a 12 euro a famiglia anche se al momento forti dubbi permangono su come potrà l'AEGG controllare e vigilare sui vari gestori e tutelare anche dopo la completa liberalizzazione i consumatori.  

Per il momento, in attesa che la nuova legge sulla concorrenza 2015 venga confermata ed entri in vigore e con lei l'abolizione del maggior tutela del gas già a partire dal 2018, l'AEGG ha pubblicato sul suo sito uno strumento che aiuterà moltissimo i consumatori italiani a districarsi tra le numerose offerte, il servizio Trova Offerte Autorità energia elettrica e gas e il sistema idrico. Per utilizzarlo, è sufficiente inserire il cap del proprio comune di residenza e indicare il consumo annuale di gas ed elettricità, dopodiché il sistema provvederà ad elencare le offerte più convenienti.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?



Lascia un commento
Contatti