730 precompilato avviso bonario? Ravvedimento e Unico, F24 scadenza

730 precompilato avviso bonario? Cosa fare? Inviare Modello Unico, Ravvedimento sanzione ridotta imposta interessi codice F24 scadenza 29 dicembre 2015

Commenti 0Stampa

730 precompilato avviso bonario, inviati dall’Agenzia delle Entrate più di 220 mila avvisi per la dichiarazione dei redditi precompilata, per redditi non dichiarati dai contribuenti. Le lettere bonarie, sono state quindi spedite a quei contribuenti che in presenza di più redditi, non hanno ritenuto di dover inviare la dichiarazione seppur obbligati.

Vediamo quindi cosa si deve fare se si riceve l’avviso bonario di accertamento fiscale, come rimediare all’errore e/o omissione tramite ravvedimento operoso, come pagare la sanzione ridotta, l'imposta omessa e gli interessi di mora mediante la compilazione del modello F24 e codice tributo e, qual è la scadenza da rispettare per ravvedersi, 29 dicembre 2015.

 

730 precompilato avviso bonario? Cos’è e come funziona?

L’avviso bonario 730 precompilato, è una lettera appunto “bonaria” che l’Agenzia delle Entrate ha inviato a più di 220 mila contribuenti che, hanno omesso di inviare la dichiarazione dei redditi 2015 malgrado fossero tenuti a farlo. Tale omissione sarebbe, infatti, il frutto di un incrocio, per la prima volta in tempo reale, dei dati forniti con la nuova certificazione unica con il modello CU inviata dai datori di lavoro, dei dati degli enti previdenziali e dei sostituiti di imposta che, hanno fatto emergere 220 mila omissioni su 19 milioni di dichiarazioni precompilate inviate quest’anno.

Cos’è un avviso bonario 730 precompilato? E’ un avviso che consente ai contribuenti di mettersi in regola con il Fisco per il mancato invio della dichiarazione dei redditi. Come funziona? L'Agenzia delle Entrate spedisce, presso la residenza del contribuente, una lettera bonaria invitando il contribuente a verificare la violazione di omessa dichiarazione, prima che l'Agenzia effettui i controlli formali. La violazione accertata formalmente, implica infatti non solo la sanzione piena ma anche interessi sull'imposta omessa molto alti, dal momento che l'accertamento fiscale avviene solitamente a distanza di anni dal mancato invio della dichiarazione.

 

Perché la lettera bonaria? A chi viene spedita?

A quali contribuenti è stato spedito l'avviso bonario 730 precompilato? La lettera bonaria 730 precompilato, è stata spedita a 220 mila contribuenti che in presenza di più redditi, senza conguaglio, non hanno adempiuto all’obbligo di dichiarazione dei redditi per il periodo di imposta 2014 entro la scadenza fissata dalla legge, che per il 2015 è stata prorogata al 23 luglio scorso.

A tutti questi contribuenti, l'Agenzia sta chiedendo di verificare da soli l'eventuale violazione, prima che venga eseguito l'accertamento formale, e di ricorrere al ravvedimento operoso in modo da rimediare all’omessa dichiarazione dei redditi con conseguente sanzione. Il ravvedimento, infatti, è lo strumento che consente al contribuente che ha commesso un errore, un ritardo o non ha inviato una dichiarazione entro i tempi previsti, di sanare la propria situazione nei confronti del Fisco, pagando una sanzione ridotta, in percentuale diversa in base ai giorni di ritardo, l'imposta omessa, gli interessi di mora calcolati sui giorni di ritardo tramite modello F24 e relativi codici tributo, e trasmettendo la dichiarazione non presentata entro la scadenza originaria utilizzando in questo caso, il modello Unico.

 

Cosa fare se si riceve l'avviso? Ravvedimento f24, modello Unico e scadenza

Cosa fare se ricevo un avviso bonario 730 precompilato? Il contribuente che riceve l'avviso bonario 730 precompilato, deve innanzitutto verificare se ciò che gli viene contestato dall'Amministrazione Finanziaria è vero, quindi se ha effettivamente percepito altri redditi, oltre per esempio a quelli da dipendente o da pensionato, che non ha dichiarato omettendo di trasmettere la dichiarazione dei redditi. Per fare questi controlli e per non sbagliare ancora, si consiglia di rivolgersi ad un Caf o ad un commercialista di fiducia.

Se l'omessa dichiarazione effettivamente c'è stata, allora occorre rimediare attraverso il ravvedimento operoso e il modello Unico 2015:

Ravvedimento operoso:

A) Modello Unico: è il modello che il contribuente deve utilizzare per rimediare all'omessa dichiarazione dei redditi 2015 anno d'imposta 2014. Tale modello, va inviato entro il prossimo 29 dicembre, entro cioè 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30 settembre data ultima per inviare il modello Unico, in modo autonomo quindi da soli se si è in grado di compilare la dichiarazione e se si possiede il PIN Agenzia delle Entrate per utilizzare i servizi telematici Fisconline o Entratel, oppure, rivolgendosi ad intermediari autorizzati come Caf, commercialisti o associazioni di categoria. Inoltre, deve versare una sanzione ridotta per il ritardo nell'invio del modello Unico pari a 25 euro al posto della sanzione piena pari a 258 euro. 

B) Ravvedimento operoso: per sanare l'omessa dichiarazione dei redditi, il contribuente che riceve l'avviso bonario 730 precompilato deve entro 90 giorni, ossia, entro il 29 dicembre 2015:

  1. Inviare il modello Unico che rimedia alla mancata presentazione del modello 730;
  2. Pagare la sanzione ridotta di 25 euro per il ritardo nella trasmissione del modello Unico, in quanto la scadenza era il 30 settembre scorso;
  3. Versare l'IRPEF omessa, ossia, le tasse sui redditi percepiti e non dichiarati. Su tale imposta, va applicata la sanzione ridotta del ravvedimento operoso pari al 3,75% e vanno calcolati gli interessi di mora al tasso legale dello 0,5% a partire dalla scadenza del 730 e del primo acconto per i contribuenti senza sostituto di imposta, ossia, dal 16 giugno 2015 compresi giorni feriali e festivi.
  4. Compilare il modello f24 per versare sanzioni e interessi, con i relativi codici tributo: per l'omessa dichiarazione dei redditi utilizzare il codice tributo 8911 causale da indicare per pagare la sanzione ridotta di 25 euro. Per l'IRPEF pagata in ritardo/omessa i codici tributo da indicare nel modello F24 sono: 

    Interessi da ravvedimento su tributi Irpef codice tributo 1989;

    Sanzione Irpef 8901;

    Sanzione addizionale regionale Irpef 8902;

    Sanzione addizionale comunale Irpef 8903.

C) Scadenza avviso bonario 730 precompilato: Se hai ricevuto un avviso bonario 730 precompilato, puoi metterti in regola entro il 29 dicembre 2015. Per maggiori informazioni entrare nella sezione online del sito Agenzia delle Entrate e seguire il seguente percorso: Contatta l'Agenzia > Assistenza fiscale > Uffici Entrate, oppure, chiama il Call center al numero 848.800.444 dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 17:00 ed il sabato, dalle 9:00 alle 13:00. Il costo del servizio, è pari alla tariffa urbana a tempo.

COPYRIGHT GUIDAFISCO.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili


Lascia un commento
Contatti